Razzismo allo stadio. Bruno Pizzul: ‘Situazioni che ci fanno vergognare di fronte al mondo”

Razzismo allo stadio. Bruno Pizzul: ‘Situazioni che ci fanno vergognare di fronte al mondo”

“Buu” razzisti a San Siro durante Inter-Napoli. Per tutta la durata della gara il giocatore senegalese del Napoli, Koulibaly, è stato oggetto di ululati da parte di una frangia della tifoseria nerazzurra. La partita è stata preceduta da disordini all’esterno dello stadio, con un tifoso morto, investito da un minivan. Stangata del Giudice sportivo ai danni di Inter e Napoli

Koulibaly

“Una grande amarezza. Purtroppo il problema è ben lungi dall’essere risolto ma per forza di cose vanno prese delle sanzioni dure da far rispettare fino in fondo. Siamo davanti ad un segno evidente della grande maleducazione imperante nella nostra società prima ancora che nei nostri campi di calcio”.

“Situazioni di questo tipo dentro i nostri stadi ci fanno vergognare di fronte al mondo”.

Non usa mezzi termini Bruno Pizzul, giornalista sportivo e storico telecronista, la cui voce ha raccontato per anni le partite della nostra nazionale, per commentare al Sir quanto accaduto ieri sera a San Siro, durante la partita Inter-Napoli, con il giocatore partenopeo Kalidou Koulibaly fatto oggetto di una serie di cori razzisti da una parte della tifoseria di casa. Il difensore del Napoli durante la gara è stato prima ammonito e poi espulso all’80°, con la partita ancora sullo 0-0, per una trattenuta ai danni di Politano che stava puntando la porta. Fallo che è stato accompagnato da ulteriori “buu” razzisti. L’applauso di Koulibaly all’arbitro Mazzoleni è costato al giocatore il secondo cartellino giallo e relativa espulsione. A nulla sono valse le richieste all’arbitro, ben tre, dell’allenatore del Napoli, Carlo Ancelotti, di sospendere la partita per cori razzisti.

bruno.pizzul.intervista

Le decisioni del giudice sportivo. Con il clima ancora teso, anche per gli incidenti fuori dello stadio prima della partita, che hanno provocato la morte di un tifoso interista, investito da un minivan, oggi il Giudice sportivo ha reso noto le sue decisioni: squalificati per due giornate, e ammenda di 10mila euro, ai giocatori del Napoli, Lorenzo Insigne, “per avere al 48′ del secondo tempo rivolto al direttore di gara un epiteto gravemente insultante, sanzione aggravata perché capitano”, e Kalidou Koulibaly, quest’ultimo “per comportamento scorretto nei confronti di un avversario; già diffidato (quinta sanzione), (una giornata); per avere, al 35’ del secondo tempo, dopo la notifica del provvedimento di ammonizione, rivolto al direttore di gara un ironico applauso (una giornata)”. Non è andata meno bene all’Inter che si è visto comminare “due gare a porte chiuse e una terza vietata alla curva”. Nella motivazione si legge che il club nerazzurro è stato sanzionato per “cori insultanti di matrice territoriale, reiterati per tutta la durata della gara, nei confronti dei sostenitori della squadra avversaria, provenienti dalla grande maggioranza dei tifosi assiepati nel settore indicato e percepiti anche in tutto l’impianto” e, al tempo stesso, “per coro denigratorio di matrice razziale” indirizzato al difensore del Napoli Koulibaly.

L’operato dell’arbitro. “Se è vero come è vero che Ancelotti e il Napoli avevano chiesto più volte la sospensione della partita in presenza dei cori razzisti – commenta Pizzul –

l’arbitro avrebbe dovuto sospendere il match.

In caso di ulteriori situazioni di questo tipo Ancelotti ha già detto che sarà il Napoli ad abbandonare il terreno di gioco”.

di Daniele Rocchi per Agenzia Sir 

Puoi leggere qui l’intervista completa

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome