Questa domenica scopriamo Ain Karem: il luogo ‘benedetto’ da Dio dove è nato S. Giovanni Battista

5229VIAGGIO NELLA TERRA DI GESU’ – La chiesa crociata del XII sec. venne restaurata nel 1621 dall’allora Custode di Terra Santa, Padre Tommaso Obicini da Novara ma fu aperta al culto soltanto nel 1675. L’edificio attuale, progettato dall’architetto Barluzzi, è del 1939.  Qui è localizzata la nascita di Giovanni Battista, precursore del Signore. Il santuario commemora questa nascita di Giovanni da genitori anziani, il sacerdote Zaccaria e sua moglie Elisabetta, parente di Maria.

LA TRADIZIONE CRISTIANA – La visita della Vergine Maria ad Elisabetta viene per la prima volta situata in un luogo differente da quello della Natività di S. Giovanni agli inizi del XIV secolo: “La casa di Zaccaria si trova sulle montagne di Giudea… In quel luogo vi sono due chiese… e tra queste chiese sgorga una sorgente abbastanza ricca di acqua. Nel luogo della prima chiesa si dice che Elisabetta fu salutata dalla beata Vergine Maria. Si dice anche che là fu nascosto il beato Giovanni Battista al tempo della strage degli Innocenti. Nel luogo della seconda chiesa il beato Giovanni Battista nacque” (fra Giovanni Fedanzola da Perugia, 1330).


Oltre all’episodio evangelico, nella medesima chiesa si conserva anche il ricordo del nascondimento di S. Giovanni Battista, ripreso dall’apocrifo Protoevangelo di Giacomo (II sec.) ed evocato dall’abate russo Daniele (inizio XII sec.): “Oltre una valletta piena di alberi, si trova la montagna verso la quale Elisabetta correva con il proprio figlio e disse: Ricevi, o montagna, la madre e il figlio. E la montagna si aprì e offrì loro rifugio. I soldati di Erode che la seguivano, arrivati a questo punto non trovarono nessuno e se ne ritornarono confusi. 


Si può vedere fino ad oggi il luogo dove questo avvenne, segnato nella roccia. Al di sopra si eleva una piccola chiesa sotto la quale c’è una piccola grotta, e davanti all’entrata di questa è addossata un’altra piccola chiesa. Da questa grotta sgorga una sorgente che dissetò Elisabetta e Giovanni durante il loro soggiorno nella montagna, dove restarono, serviti da un angelo, fino alla morte di Erode”. Reliquie di “terra dalla grotta di Elisabetta e Giovanni” erano conservate, già nel VII secolo, a Roma nel tesoro del Laterano e altrove. Una pietra, mostrata nella cripta, perpetua oggi questa tradizione.

PIANTINA ARCHEOLOGICA

52321. Cripta della natività di S. Giovanni Battista
2. Chiesa dei secoli XI-XII
3. Cappella dei Martiri con iscrizione e tombe (sec. V)
4. Cappella di sud (sec. VII)
5. Bagno rituale (sec. I)
6-7. Saloni crociati (sec. XII)

Convento di S. Giovanni Battista


Terra Sancta 
P.O.Box 1704 
91170 Ain Karem – Jerusalem 
ISRAEL
Tel.: 02-632.30.00 
Fax: 02-643.34.51


Orario d’apertura del santuario

Estivo: 8.00-11.45, 14.30-17.45

Invernale: 8.00-11.45, 14.30-16.45

.

Dalla chiesa di S. Giovanni a quella della Visitazione, si incontra una sorgente chiamata dai pellegrini del XIV secolo “fontana della Vergine”. Secondo la tradizione qui Maria avrebbe incontrato la sua parente Elisabetta e avrebbe intonato un inno di lode, il Magnificat: canto di riconoscenza a Dio.

L’anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata

.

A cura della Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome