Questa domenica in Vaticano 7 nuovi santi (con Paolo VI e Romero)

Papa Paolo VI e l’arcivescovo martire Oscar Arnulfo Romero santi insieme. La loro canonizzazione avverrà domenica 14 ottobre in piazza San Pietro nel corso del Sinodo dei vescovi dedicato ai giovani.

La Messa presieduta da papa Francesco inizierà alle 10.15. Tv2000 seguirà in diretta le celebrazioni a partire dalle 9.10. Alle canonizzazioni, in particolare di Paolo VI e monsignor Romero, Avvenire dedica nel numero di domenica in edicola un ampio speciale.

Al rito saranno presenti delegazioni di molti Paesi, tra i quali quelle italiana, guidata dal presidente Sergio Mattarella, e quella salvadoregna, guidata dal presidente di El Salvador, Salvador Sanchez Ceran. Sul sagrato ci saranno anche i miracolati, tra i quali la piccola bresciana Amanda Maria Paola Tagliaferro, nata il 25 dicembre 2014 al Policlinico di Borgo Roma a Verona, guarita nel grembo materno grazie alla preghiera rivolta a Paolo VI, e Cecilia Flores, la donna che, a un passo dalla morte, è stata miracolosamente salvata dall’intercessione di monsignor Romero.

70000 mila fedeli

Sono attesi circa 70 mila fedeli, ha annunciato il prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, cardinale Giovanni Angelo Becciu.

QUI IL LIBRETTO DELLA CELEBRAZIONE CON LA BIOGRAFIA DEI SETTE NUOVI SANTI

Oltre a Giovanni Battista Montini (1897-1978) e al presule salvadoregno (1917-1980), il Pontefice proclamerà santi lo stesso giorno due preti e un laico italiani e due religiose (una tedesca e una spagnola): il lombardo don Francesco Spinelli (1853-1913), fondatore dell’Istituto delle Suore Adoratrici del Santissimo Sacramento; il campano don Vincenzo Romano (1751-1831), parroco di Torre del Greco in provincia di Napoli; il giovane operaio abruzzese Nunzio Sulprizio, la tedesca suor Maria Caterina Kasper (1820-1898), fondatrice dell’Istituto delle Povere Ancelle di Gesù Cristo; e la spagnola suor Nazaria Ignazia di Santa Teresa di Gesù (1889-1943), fondatrice della Congregazione delle Suore Misioneras Cruzadas de la Iglesia.

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome