Home BLOG Mauro Leonardi Quella violenza sulle donne che continua ancora

Quella violenza sulle donne che continua ancora

Quella violenza sulle donne che continua ancoraOggi alcuni quotidiani hanno pubblicato una pessima notizia: le donne islamiche spiegano come va pestata una moglie. È il gruppo Hizb ut-Tahrir a raccontare che, per picchiare, si deve usare il bastone “sivaak”.
Tutto nasce da un video registrato da Ollie Gillman per il Daily Mail Australia. Ecco alcune parole: “Il marito picchia la moglie perché la ama: è quasi una conseguenza naturale. Non lo fa per odio o rabbia, ma per seguire i comandamenti di Allah. Il marito non picchia subito. Prima ammonisce la moglie, rifiuta di dormire con lei e qualsiasi intimità. Se non funziona, la può colpire. È una bellissima benedizione”.
La vera cattiva notizia, però, è che nel mondo musulmano non esiste un’autorità riconosciuta da tutti che smentisca questa follia. Nessuno che possa dire a nome di tutti i credenti in Allah che l’Islam non deve essere identificato con la violenza. Lo ha detto diverse volte il Papa ma, ovviamente, non è la stessa cosa. Se oggi, venerdì santo, un gruppetto di fanatici dicesse che per essere bravi cristiani bisogna farsi materialmente inchiodare ad una croce, nessuno penserebbe che tale affermazione è vera. Eresie del genere sono circolate tra i cristiani di altri secoli ma, appunto, sono state condannate. Il fenomeno dell’estremismo, del radicalismo, del fondamentalismo, esiste in ogni appartenenza. Anche per questo è necessario un’autorità che moderi, che governi, che conduca e che custodisca. Per i cattolici esiste la figura del romano pontefice, per i musulmani c’era quella simile del califfo. So bene che il paragone non è del tutto appropriato ma la faccio perché l’occidente ha serie responsabilità sulla sua cessazione. Sto pensando al 1924 quando il califfato ottomano che, con tutti i limiti, era un titolo meramente spirituale, distinto da quello politico e militare del “sultanato”, dovette cessare.
La vera notizia di una notizia come questa è la mancanza di un’autorità che la smentisca. Perché, che c’è da scrivere del resto? Come si può arrivare a ritenere che essere picchiate dai propri mariti sia una benedizione? Non ci sono parole per rispondere a una tale follia che non ha nulla a che fare con l’Islam vero e neppure con Dio. Il fondamentalismo è terribile perché riesce a convincere anche le sue vittime che sia giusto così. In fondo quante donne picchiate, maltrattate, perseguitate da mariti e fidanzati, pensano che lui lo fa perché le ama? Che è solo nervoso o geloso? Che prima o poi cambierà? Che in fondo aveva ragione lui perché quella risposta era stata proprio di troppo e che la gonna forse era davvero troppo corta? Chi è vittima di violenza pensa sempre di essere in errore e che sarebbe meglio sparire. La notizia vera è che possiamo rispondere alla violenza solo con la cura, l’interesse e la cultura. Con l’integrazione che crea aiuto, dignità e relazione.

Di Don Mauro Leonardi

Articolo tratto da IlFaroDiRoma





Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,879FansLike
17,189FollowersFollow
9,617FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

novena san giuseppe moscati

Novena a San Giuseppe Moscati per gli ammalati, chiediamo intercessione al...

Novena a San Giuseppe Moscati per gli ammalati. Oggi è il 4° giorno, 06 aprile 2020 O Signore, illumina la mia mente e fortifica la...