Quel mistero di Miranda: la bambina morta 145 anni fa, il corpo perfettamente conservato

Sotto a una abitazione di San Francisco è stato ritrovato il corpo di una bambina morta 145 anni fa in perfette condizioni, dimenticata là quando il cimitero fu trasferito.

bara-miranda_R439_thumb400x275

Nei primi anni del Novecento i tanti cimiteri che si trovavano in giro per la città di San Francisco vennero chiusi e le salme portate fuori della cinta metropolitana. Nel solo cimitero di Odd Fellow, quando venne chiuso nel 1890,
riposavano oltre 30mila corpi. Troppi per una città in continua espansione. Qualcuno di questi morti fu però inavvertitamente lasciato dove era stato sepolto. Nei giorni scorsi degli operai che stavano lavorando a delle tubature di una abitazione sul luogo dove un tempo c’era il vecchio cimitero, hanno ritrovato una piccola bara che invece di essere interamente di legno come si usa, aveva due vetri posti sopra di essi, tanto che si è potuto vedere cosa conteneva. Dentro, il corpo di una bambina dell’età apparente di tre anni, quasi perfettamente conservato, la pelle e i lunghi capelli biondi e un vestitino bianco Tra i capelli fiori di lavanda e una rosa rossa anch’essa conservata tra le mani. Una immagine delicata e dolcissima che ha sconvolto chi l’ha vista. E’ mistero su chi sia la bambina, non c’è nessuna iscrizione, ma certamente dei genitori addolorati hanno voluto seppellirla con tutto l’amore possibile, anche se incuriosisce la decisione di coprirla con lastre di vetro, quasi a permetterle di continuare a guardare oltre il buio della sepoltura.

Al piccolo corpo è stato dato il nome di Miranda, quello di una delle due figlie del proprietario della casa, ma il comune di San Francisco si è rifiutato di prendersi cura dei resti. Secondo i regolamenti locali infatti il corpo è adesso responsabilità di chi l’ha trovato. Alla fine il comune ha fatto sì che il signor Kramer entrasse in contatto con una associazione che si occupa di bambini non identificati. Dopo essere rimasta per diversi giorni nel giardino dell’abitazione, allo scoperto, adesso la piccola bara è stata portata in un obitorio e si spera di poterla seppellire al più presto. Ma nessuno saprà mai chi era Miranda, la bambina morta a tre anni con i fiori di lavanda tra i capelli e una rosa fra le mani.

bara-miranda_R439_thumb400x275

Redazione Papaboys (Fonte www.ilsussidiario.net)

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni, con il cuore, senza interessi economici o politici, semplicemente perché il cuore ci chiama a farlo. E ci mettiamo passione, costanza, ed anche quel pizzico di professionalità che deve contraddistinguere i cristiani. Ecco perché siamo “missionari di parabole antiche e sempre nuove: chiamati ad esserci, ed a stare anche vicini ad ognuno di voi”.

Un numero sempre maggiore di persone legge Papaboys.org senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Soprattutto quando si parla di cristianesimo.

Purtroppo il tipo di informazione che cerchiamo di offrire richiede molto tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire tutti i giorni i costi quotidiani di Papaboys.org ed abbiamo deciso di chiedere proprio a te che leggi di essere per noi, proprio Provvidenza.

Puoi aiutarci a continuare questa missione sempre meglio e con maggiore spessore ed incisività? L’unica cosa che non possiamo garantirti è aumentare il cuore che ci mettiamo per fare questo lavoro, perché fino ad oggi ce lo abbiamo messo davvero tutto! Ma con un po’ di sostegno in più, possiamo essere davvero più incisivi, per te, e per tutti coloro che ci seguono (quasi 2.000.000 di lettori ogni mese!)

Inviaci il tuo contributo, quello che vuoi, e che puoi. E che Dio ti benedica!

Grazie
Daniele Venturi
Direttore Papaboys.org

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €15.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome