Quando Giovanni Paolo II disse: ‘Possa ogni cristiano prendere Maria nella sua casa!’

Dalle catechesi mariane del mercoledi, di San Giovanni Paolo II .”ECCO LA TUA MADRE!”
Mercoledì 7 maggio 1997.

1. Dopo aver affidato Giovanni a Maria con le parole: “Donna, ecco il tuo figlio!”, Gesù, dall’alto della croce, si rivolge al discepolo prediletto, dicendogli: “Ecco la tua madre!” (Gv 19,26-27).

Con questa espressione, Egli rivela a Maria il vertice della sua maternità: in quanto madre del Salvatore, Ella è la madre anche dei redenti, di tutte le membra del Corpo Mistico del Figlio. La Vergine accoglie nel silenzio l’elevazione a questo massimo grado della sua maternità di grazia, avendo già dato una risposta di fede con il suo “sì”  nell’Annunciazione.

Gesù non soltanto raccomanda a Giovanni di prendersi cura di Maria con particolare amore, ma gliela affida perché la riconosca come la propria madre. Nel corso dell’ultima Cena, “il discepolo che Gesù amava” ha ascoltato il comandamento del Maestro: “Che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati” (Gv 15,12) e, posando il capo sul petto del Signore, ha ricevuto da Lui un segno singolare di amore.

San-Giovanni-Paolo-II

Tali esperienze l’hanno preparato a meglio percepire nelle parole di Gesù l’invito ad accogliere Colei che gli è donata come madre e ad amarla come Lui con trasporto filiale.
Possano tutti scoprire nelle parole di Gesù: “Ecco la tua madre!”, l’invito ad accettare Maria come madre, rispondendo da veri figli al suo materno amore.

2. Alla luce di tale consegna al discepolo prediletto, si può comprendere il senso autentico del culto mariano nella comunità ecclesiale. Esso, infatti, pone i cristiani nella relazione filiale di Gesù verso sua madre, mettendoli nella condizione di crescere nell’intimità con entrambi.

Il culto che la Chiesa rende alla Vergine non è solo frutto di una spontanea iniziativa dei credenti dinanzi al valore eccezionale della sua persona e l’importanza del suo ruolo nell’opera della salvezza, ma si fonda sulla volontà di Cristo.

Le parole “Ecco la tua madre!” esprimono l’intenzione di Gesù di suscitare nei discepoli un atteggiamento di amore e fiducia verso Maria, conducendoli a riconoscere in Lei la loro madre, la madre di ogni credente.

Alla scuola della Vergine i discepoli imparano, come Giovanni, a conoscere profondamente il Signore e a realizzare un intimo e perseverante rapporto d’amore con Lui. Scoprono, altresì, la gioia di affidarsi all’amore materno della Madre, vivendo come figli affettuosi e docili.

La storia della pietà cristiana insegna che Maria è la via che conduce a Cristo e che la devozione filiale verso di Lei non toglie nulla all’intimità con Gesù, anzi, l’accresce e la conduce ad altissimi livelli di perfezione.

Gli innumerevoli santuari mariani, sparsi nel mondo, stanno a testimoniare le meraviglie operate dalla Grazia per intercessione di Maria, madre del Signore e madre nostra. Ricorrendo a Lei, attratti dalla sua tenerezza, anche gli uomini e le donne del nostro tempo incontrano Gesù, Salvatore e Signore della loro vita.

San-Giovanni-Paolo-II

Soprattutto i poveri, provati nell’intimo, negli affetti e nei beni, trovando presso la Madre di Dio rifugio e pace, riscoprono che la vera ricchezza consiste per tutti nella grazia della conversione e della sequela di Cristo.

3. Il testo evangelico, secondo l’originale greco, prosegue: “Da quell’ora il discepolo l’accolse tra i suoi beni” (Gv 19,27), sottolineando, così, la pronta e generosa adesione di Giovanni alle parole di Gesù e informandoci circa il comportamento, da lui tenuto per tutta la vita, quale fedele custode e docile figlio della Vergine.

L’ora dell’accoglienza è quella del compimento dell’opera di salvezza. Proprio in tale contesto, ha inizio la maternità spirituale di Maria e la prima manifestazione del
nuovo legame tra lei ed i discepoli del Signore.

Giovanni accolse la Madre “tra i suoi beni”. Questa espressione piuttosto generica sembra evidenziare la sua iniziativa, piena di rispetto e di amore, non solo di ospitare Maria, nella sua casa, ma soprattutto di vivere la vita spirituale in comunione con Lei.

Infatti, l’espressione greca letteralmente tradotta “tra i suoi beni” non indica tanto i beni
materiali poiché Giovanni – come osserva sant’Agostino (In Ioan. Evang. tract. 119,3) – “non possedeva nulla di proprio”, quanto piuttosto i beni spirituali o doni ricevuti da Cristo: la grazia (Gv 1,16), la Parola (Gv 12,48; 17,8), lo Spirito (Gv 7,39; 14,17), l’Eucaristia (Gv 6,32-58)…

San-Giovanni-Paolo-II

Tra questi doni, che gli derivano dal fatto di essere amato da Gesù, il discepolo accoglie Maria come madre, stabilendo con lei una profonda comunione di vita.

Possa ogni cristiano, sull’esempio dal discepolo prediletto, “prendere Maria nella sua casa”, farle spazio nella propria esistenza quotidiana, riconoscendone il ruolo provvidenziale nel cammino della salvezza.

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome