HomeNewsItaliae et EcclesiaProfughi a Sotto il Monte, mons. Capovilla: così si mette in pratica...

Profughi a Sotto il Monte, mons. Capovilla: così si mette in pratica il Vangelo

Questo il commento dell’ex segretario di Papa Roncalli in merito all’arrivo dei migranti nella struttura collegata alla casa natale di Giovanni XXIII.

maxresdefault




«L’accoglienza ai profughi fa onore a Sotto il Monte e ai padri del Pime». È il commento del cardinale Loris Capovilla, rilasciato a Corriere Bergamo, sull’arrivo dei migranti nella struttura collegata alla casa natale di papa Giovanni XXIII.

«Io ormai vivo un po’ fuori dal mondo, e ho appena avuto la notizia – spiega l’ex segretario di Roncalli, 99 anni  – Penso che i padri del Pime siano un’istituzione veramente degna, che fa onore alla Chiesa.

Fanno una catechesi finalizzata a diventare non solo bravi cristiani, ma anche bravi cittadini: stiamo camminando con fatica ma stiamo camminando. Il Pime – riporta ancora il Corriere – ha un concetto di accoglienza e formazione veramente cristiana, e in questo rientra anche la decisione di accogliere i profughi»

Sostieni Papaboys 3.0

Informazioni personali

Dettagli di fatturazione

Termini

Totale Donazione: €100.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Iscriviti alla newsletter gratuita