Home News Humanitas et Web Preghiera del mattino. Domenica 10 febbraio 2019 Ho fame di Te Signore!

Preghiera del mattino. Domenica 10 febbraio 2019 Ho fame di Te Signore!

Pubblicità

Preghiera del mattino. Domenica 10 Febbraio 2019 Ho fame di Te Signore!

Cari fratelli e sorelle, santa giornata e santa domenica! Recitiamo insieme la preghiera del mattino per proteggere la nostra giornata e viverla insieme al Signore!

Pubblicità

Signore, nel silenzio di questo giorno nascente io vengo a domandarti la pace, la saggezza, la forza. Voglio guardare oggi il mondo con occhi pieni di amore, essere paziente, comprensivo, mite, giudizioso.

Vedere al di là delle apparenze i tuoi figli come li vedi tu stesso e così vedere in ciascuno solo ciò che è bene. Chiudi le mie orecchie ad ogni calunnia, custodisci la mia lingua da qualsiasi malevolenza.

Pubblicità

LEGGI ANCHE: Preghiera del mattino. Nel nome del Padre..

Fa’ che soltanto pensieri benedicenti abitino nel mio spirito.

Che io sia benevolo e lieto così che tutti quelli che mi accostano percepiscano la tua presenza.

Rivestimi della tua bellezza, Signore, e fa’ che nel corso di questo giorno io ti riveli agli altri. Amen.

Preghiere di riparazione

Mio Dio, io credo, adoro, spero e ti amo, ti chiedo perdono per coloro che non credono, non adorano, non sperano, e non ti amano.
Santissima Trinità, Padre, Figlio, e Spirito Santo: ti adoro profondamente e ti offro il preziosissimo Corpo, Sangue, Anima e Divinità di Gesù Cristo, presente in tutti i tabernacoli della terra in riparazione degli oltraggi, dei sacrilegi e delle indifferenze con cui Egli stesso viene offeso. E per i meriti infiniti del suo Sacratissimo Cuore e per intercessione del Cuore Immacolato di Maria, ti chiedo la conversione dei poveri peccatori.

Consacrazione alla Madonna

O Maria, Regina del mondo, Madre di bontà, fiduciosi nella tua intercessione noi affidiamo a te le nostre anime. Accompagnaci ogni giorno alla fonte della gioia. Donaci il Salvatore. Noi ci consacriamo a te, Regina dell’Amore. Amen.

Consacrazione della famiglia alla Madonna

Vieni, o Maria, e degnati di abitare in questa casa. Come già al tuo Cuore Immacolato fu consacrata la Chiesa e tutto il genere umano, così noi, in perpetuo, affidiamo e consacriamo al tuo Cuore Immacolato la nostra famiglia. Tu che sei Madre della Divina Grazia ottienici di vivere sempre in grazia di Dio e in pace tra noi. Rimani con noi; ti accogliamo con cuore di figli, indegni, ma desiderosi di essere sempre tuoi, in vita, in morte e nell’eternità. Resta con noi come abitasti nella casa di Zaccaria e di Elisabetta; come fosti gioia nella casa degli sposi di Cana; come fosti madre per l’Apostolo Giovanni. Portaci Gesù Cristo, Via, Verità e Vita. Allontana da noi il peccato e ogni male. In questa casa sii Madre di Grazia, Maestra e Regina. Dispensa a ciascuno di noi le grazie spirituali e materiali che ci occorrono; specialmente accresci la fede, la speranza, la carità. Suscita tra i nostri cari sante vocazioni. Sii sempre con noi, nelle gioie e nelle pene, e soprattutto fa che un giorno tutti i membri di questa famiglia si trovino con te uniti in Paradiso.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,917FansLike
17,749FollowersFollow
9,748FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Madonna di Lourdes

Lourdes. Giunge morente al Santuario ma qui accade il miracolo. Guarisce...

L'incredibile guarigione di Jeanne Frétel a Lourdes La storia di uno dei miracoli riconosciuti ufficialmente a Lourdes... “Il caso di Jeanne Frétel...