Più che ‘il Capo dei Capi’ chiamiamolo: ‘il pezzente dei pezzenti! Caso Riina in Rai

La decisione di Bruno Vespa di mandare in onda di una lunga intervista a Salvo Riina, il figlio di Totò Riina, diventa un caso. Il racconto del boss dal punto di vista del figlio del latitante e poi del detenuto. Uno scoop – l’anticipazione dei contenuti di un libro – che scatena le reazioni della vittime di mafia, della presidente dell’Antimafia Rosy Bindi, e l’indignazione anche della politica (con Pier Luigi Bersani che decide di disertare la trasmissione), nonché della Vigilanza Rai e di consiglieri del cda di Viale Mazzini. Palazzo Chigi e il Quirinale non intervengono.

329f1a00af_50574822_300

Anche se il disappunto del premier trapela da esponenti molto vicini a Renzi nel Cda e in Vigilanza che fanno sen- tire forte la loro voce. Quanto a Mattarella, segnato personalmente dalla brutalità mafiosa e comprensibilmente amareggiato dalla scelta di una trasmissione di punta del servizio pubblico, dal Quirinale trapela solo, seccamente, che il capo dello Stato non si occupa di programmazione televisiva.

Ma Bruno Vespa tiene duro, come aveva fatto nel caso analogo dell’intervista agli esponenti della famiglia Casamonica, al centro di fenomeni di malaffare nella zona Sud della Capitale. La direzione generale e la presidenza di viale Mazzini si consultano con il direttore di Raiuno Andrea Fabiano, gli chiedono di valutare la rinuncia alla messa in onda, ma il conduttore non cede, assicura che si è trattato di un’intervista a schiena dritta, che potrà aiutare tutti a capire il fenomeno. Nessun passo indietro quindi senza una richiesta esplicita. Che però non arriva. Anzi. L’azienda decide di spalleggiare il conduttore. Il presidente della commissione di Vigilanza – Roberto Fico, di M5S – chiedeva di sapere se sia stata autorizzata e da chi, se dal dg Campo Dall’Orto, se dal direttore di rete Fabiano. Ma la nota dei vertici Rai, in serata, tiene il punto.

Parla di «polemiche preventive intorno a una trasmissione che nessun italiano», a quell’ora, «ha ancora visto». L’azienda tiene a chiarire di aver valutato bene contesto, contenuto e collocazione: «Si tratta in particolare di un’intervista nella quale Vespa incalza il figlio di Riina, già condannato per mafia, senza fare sconti al suo rapporto di rispetto verso il padre nonostante gli atroci delitti commessi». E, a confermare che la linea di Vespa è stata sposata in pieno il comunicato aggiunge che sebbene quello del figlio di Riina sia un «punto di vista sconcertante» si è ritenuto di portarlo a conoscenza dell’opinione pubblica perché «sintomatico di una mentalità da ‘famiglia mafiosa’ che è compito della cronaca registrare». Inoltre si annuncia, per stasera, una replica dal punto di vista delle vittime e della lotta alla mafia con in studio il ministro dell’Interno Angelino Alfano e il presidente dell’Anticorruzione Raffaele Cantone. Una presenza alla puntata ‘riparatoria’ che il ministro «non dovrebbe accettare», interviene il presidente della Camera, e componente del direttivo di M5S, Luigi di Maio.

Ma in Commissione di Vigilanza esce allo scoperto anche il segretario Michele Anzaldi, in quota Pd, che elogia Bersani per il suo ‘no’ e si dice indignato per le parole del comunicato Rai che definisce quello di Riina un «punto di vista sulla mafia». Parole «gravi e sconcertanti», dice Anzaldi, facendo riferimento anche alle sue origini palermitane. Definisce la puntata riparatoria «toppa peggiore del buco». E, non meno duro del presidente di M5S Fico, chiede: «Chi ha scritto e avallato quei termini? Serve l’apertura di un’indagine interna e spiegazioni pubbliche in commissione di Vigilanza». La quale sarebbe pronta a emanare un nuovo atto di indirizzo per gli ospiti in studio e non. Un malumore che rispecchierebbe anche quello di molti consiglieri di Viale Mazzini, in particolare quelli che fanno capo alla maggioranza, che considerano il caso come emblematico di una nuova governance e di una nuova catena di comando che non funziona.

«Sono il figlio di Totò, non del capo dei capi » dice Riina jr nell’intervista. Vespa chiede: «Che cos’è la mafia per lei»? «Non me lo sono mai chiesto, non so cosa sia. Oggi la mafia può essere tutto e nulla». Come giudica suo padre? «Un figlio può giudicare suo padre, ma se lo deve tenere per sé, non può andare in giro a dirlo in pubblico». Parole in grado di alimentare, anziché spegnere, i malumori. Guelfo Guelfi, consigliere del Pd molto vicino a Renzi, dice all’Huffington Post: «Questa linea editoriale non va bene», ricordando il precedente dei Casamonica. E sostiene che il contratto di Vespa («in scadenza», ricorda) «andrà rivisto».




di Redazione Papaboys / fonte: Avvenire on line

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome