Per Papa Francesco ancora un Giovedì Santo tra i poveri del don Gnocchi

papa-francesco6CITTA’ DEL VATICANO – Sarà uno dei luoghi centrali della solidarietà di Roma, il “Centro Santa Maria della Provvidenza” della Fondazione Don Carlo Gnocchi, a ospitare la Messa in Coena Domini, che Papa Francesco presiederà il prossimo Giovedì Santo alle 17.30. Alla celebrazione, informa una nota della Sala Stampa della Santa Sede, parteciperanno gli ospiti del Centro, accompagnati dai loro familiari, dal personale e dai responsabili. Nella stessa circostanza, lo scorso anno il Papa si era recato al Carcere minorile di Casal del Marmo.

La struttura sorge in Via Casal del Marmo 401, nella zona Casalotti-Boccea, e fino al 2003, prima di essere acquisito dalla Fondazione Don Gnocchi, era noto come “Istituto Madre Nasi” dell’Opera della “Piccola Casa della Divina Provvidenza” Cottolengo. Da allora, il Centro ha proseguito l’attività di cura e assistenza a favore dei più svantaggiati, attivando anche nuovi ambiti di intervento, con una ristrutturazione delle strutture durata fino al 2009. Oggi il Centro è una struttura riabilitativa che dispone di 150 posti letto suddivisi tra una Residenza sanitaria assistenziale (60 posti letto), un moderno Reparto di riabilitazione estensiva ad alto livello assistenziale (60 posti letto) e un Reparto “in solvenza” per l’assistenza e la riabilitazione integrata di pazienti neuromotoria (30 posti letto). A questi vanno aggiunti altri 40 posti letto di degenza diurna, attività di riabilitazione ambulatoriale e 20 posti di riabilitazione domiciliare.

Il Centro – informa la Radio Vaticana – ospita inoltre la sede romana del CeFOS, il Centro di Formazione Orientamento e Sviluppo, che si occupa di interventi di istruzione e formazione professionale rivolti a persone con disabilità, operatori del mondo dell’assistenza e operatori scolastici e alcuni laboratori dove viene svolta attività di ricerca scientifica con l’utilizzo anche della realtà virtuale. di Redazione Papaboys

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome