Per le Missionarie uccise in Burundi, le consorelle chiedono verità

sorelle_300 (1)“Ci auguriamo che la verità emerga e che il giornalista in questione venga rilasciato; dubbi, sì, li abbiamo sul fatto che le sorelle fossero a conoscenza di questi traffici e stessero per denunciarli”: così le saveriane, in una nota della congregazione pervenuta alla MISNA relativa alle indagini sull’assassinio delle tre missionarie a Bujumbura il 7 settembre e in particolare all’arresto di Bob Rugurika, direttore dell’emittente Radio Publique Africaine.

All’origine del fermo e della successiva incriminazione per “complicità in omicidio” una ricostruzione giornalistica che identifica come mandante degli assassinii il generale Adolphe Nshimirimana, ex capo dei servizi segreti tuttora vicino al presidente Pierre Nkurunziza. Stando a questa versione, suor Olga Raschietti, suor Lucia Pulici e suor Bernardetta Boggian sarebbero venute a conoscenza di malversazioni compiute da Nshimirimana, relative in particolare a traffici di medicinali e minerali che avrebbero coinvolto la parrocchia Guido Maria Conforti di Kamenge alla quale appartenevano le missionarie.

PicMonkey-Collage

Nella nota, firmata dalla superiora generale Giordana Bertacchini, si sottolinea ora la volontà di “mantenere il riserbo”. “Ci auguriamo – si legge nel comunicato – che la verità emerga e che il giornalista in questione venga rilasciato. Dubbi, sì, li abbiamo sul fatto che le sorelle fossero a conoscenza di questi traffici e stessero per denunciarli. La cosa sembra assolutamente inverosimile. Per il resto aspettiamo e ci auguriamo che la verità emerga e che giustizia sia fatta”.
Per approfondire puoi leggere anche:

Sostieni Papaboys 3.0

Informazioni personali

Dettagli di fatturazione

Termini

Totale Donazione: €100.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome