Home News Res Publica et Societas Per Alessandro Maria è corsa contro il tempo. Sarà trasferito al Bambin...

Per Alessandro Maria è corsa contro il tempo. Sarà trasferito al Bambin Gesù a Roma

Verrà in Italia Alessandro Maria, il bimbo di 18 mesi affetto da una grave patologia genetica e attualmente ricoverato a Londra, dove i genitori risiedono.

Il piccolo Alex, la cui malattia ha scatenato una vera e propria gara di solidarietà partita dal web, sarà a breve trasferito da Londra all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma su richiesta dei genitori italiani e della stessa struttura britannica. Qui, a quanto si apprende, Alex verrà sottoposto ad un trapianto di cellule staminali da midollo osseo da uno dei genitori.

OGGI ABBIAMO PUBBLICATO ANCHE QUESTO

Aggiornamento sul piccolo Alessandro Maria (dai genitori via facebook)

La storia del piccolo ha suscitato nei mesi scorsi una gara di solidarietà partita dalla Rete, dove i genitori del bambino avevano lanciato un appello per trovare un donatore compatibile per il trapianto. In poche settimane la Rete si è mobilitata e centinaia di persone, dal Nord al Sud dell’Italia, si sono sottoposte a un prelievo di sangue per testare la propria compatibilità, inscrivendosi al contempo nel registro italiano dei donatori di midollo osseo. In realtà la ricerca di un donatore compatibile per Alex è già inserita nella più ampia rete nei registri internazionali, che contano un totale di circa 30 milioni di iscritti. Ad oggi però, purtroppo, non è stato trovato un donatore compatibile.

Alessandro

È fallita infatti nelle scorse settimane anche la disponibilità di un donatore italiano il cui grado di compatibilità è stato giudicato insufficiente dall’ ospedale britannico. Di oggi la notizia, diffusa dai genitori di Alex, di un donatore non italiano compatibile ma che avrebbe procrastinato la disponibilità al trapianto nei prossimi mesi. Ma la situazione di Alex non permette tempi lunghi: il bambino è infatti sottoposto a una terapia con un farmaco sperimentale e, anche se la sua vita non è minacciata in tempi brevissimi, l’efficacia del farmaco tende a diminuire nel tempo. Da qui la necessità di arrivare al più presto possibile al trapianto. Per questo i genitori hanno deciso di accettare la disponibilità, già dichiarata nei mesi scorsi dall’ospedale della Santa Sede, a trattare il bambino.

PUOI LEGGERE ANCHE

Il dramma del piccolo Alex: il 30 novembre scade il farmaco che lo tiene in vita.

Al Bambino Gesù Alex verrà sottoposto a una tecnica di trapianto innovativa per la quale l’ospedale romano è tra i primi al mondo: in casi come quelli di Alex, come per le leucemie, il trapianto da staminali prevede come prima scelta quella di un fratello o una sorella compatibili che possano essere donatori, in mancanza di ciò si ricorre ad un donatore dei registri internazionali con una compatibilità totale o massima. In mancanza anche di questa ultima opzione si può ricorrere a uno dei genitori come donatore.

In questo caso però, chiariscono gli esperti, la compatibilità del genitori è solo del 50%. Da qui la grande innovazione della tecnica recentemente presentata al Bambino Gesù: le cellule staminali da trapiantare e prelevate dal genitore vengono manipolate in modo da eliminare gli elementi che potrebbero determinare un rigetto. In questo modo si ottiene una compatibilità ottimale. Ad oggi 50 bambini sono stati trapiantati al Bambino Gesù con questa tecnica, con una guarigione nell’85% dei casi. Di qui la decisione dei genitori di Alex di tentare questa strada: «così – affermano su Facebook – continuiamo a sperare».

Infatti, spiegano, «il Great Ormond Street Hospital, d’accordo con il direttore del Dipartimento di Oncologia pediatrica del Bambino Gesù, Franco Locatelli, ci hanno proposto di trasferire Alessandro a Roma per sottoporlo alle cure dell’equipe italiana. La speranza continua». Dai genitori, Cristiana e Paolo, giunge comunque un ulteriore appello a «continuare ad iscrivervi nel registro italiano dei donatori di midollo osseo, per regalare con un piccolo gesto d’amore una nuova speranza di vita ai tanti Alessandro Maria – concludono – che aspettano e lottano nell’attesa».

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,921FansLike
17,749FollowersFollow
9,727FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

La rubrica dedicata a Giovanni Paolo II

Giovanni Paolo II: un Papa indimenticabile. Domenica, 7 Giugno 2020. Il...

La rubrica dedicata a San Giovanni Paolo II LE FRASI DA LEGGERE OGGI "Dio ci ama, Dio ci accompagna in ogni momento della nostra vita, con...