Home News Italiae et Ecclesia Pellegrinaggio giovani a piedi da Teramo a Santuario di San Gabriele

Pellegrinaggio giovani a piedi da Teramo a Santuario di San Gabriele

Pellegrinaggio giovani da Teramo a Santuario di San GabrieleArriveranno all’alba del 2 agosto gli oltre 7000 giovani che, domani sera, prenderanno parte al XXV Pellegrinaggio a piedi che parte da Teramo per giungere al Santuario di San Gabriele dell’Addolorata ai piedi del Gran Sasso. Oltre 30 i chilometri che i partecipanti percorreranno nella notte per poi giungere al luogo nel quale riposano le spoglie mortali del Santo, dove saranno accolti e benedetti dal rettore della basilica e potranno partecipare alla Messa conclusiva del pellegrinaggio. Marina Tomarro ha intervistato padre Francesco Cordeschi, coordinatore dell’iniziativa:

R. – Sono 35 anni che facciamo questo pellegrinaggio ed è nato proprio dentro l’esperienza della tendopoli di San Gabriele: da 35 anni c’è questo movimento giovanile che vive nel Santuario di San Gabriele, e che è diffuso in tutta l’Italia. Da allora quel gruppo inizia questo pellegrinaggio. Il pellegrinaggio è una scuola educativa, perché il pellegrinaggio ci educa alla vita ed al cammino; ma soprattutto facciamo questo pellegrinaggio perché San Gabriele lo ha fatto, per ripercorrere le tappe e il cammino del Santo, quando venne da Morrovalle, passò per Teramo e poi venne al Santuario. Quindi il pellegrinaggio è come educare i giovani a camminare, a uscire fuori da sé per cercare un senso alla vita.

D. – Cosa spinge un giovane a partecipare a questa iniziativa, secondo lei?

R. – Quello che mi impressiona è vedere che partecipano convinti! La motivazione che io cerco di capire sono i ragazzi che si trovano dinanzi a problemi seri esistenziali, concreti, che non trovando risposte intorno a loro – penso al lavoro, penso  ai problemi dei matrimoni che falliscono – c’è gente che viene lì a chiedere di pregare per la propria moglie, per il proprio marito. L’incapacità a risolvere i problemi concreti che abbiamo li spinge a mettersi in un cammino penitenziale per domandare aiuto, per domandare la grazia e la forza per rispondere e affrontare la realtà che a volte è dura e difficile.

D. – Perché i giovani sono così attirati dalla figura di San Gabriele?

R. – Lo sentono molto vicino a loro: è morto a 24 anni, era un brillante studente, aveva più o meno gli stessi problemi dei ragazzi di oggi in termini diversi. Gli piaceva un certo tipo di vita, di teatro, di vita di mondo. Quindi c’era una similitudine di comportamento che hanno molti ragazzi di oggi. E quindi questo sicuramente spinge i giovani a seguirlo e ad imitarlo. Quindi chiedono la forza: come lui è riuscito a rispondere al Signore sperano che ci possano riuscire anche loro.

D. – Cosa portano a casa secondo lei i ragazzi da questo pellegrinaggio?

R. – Il tema del pellegrinaggio di quest’anno è “Camminiamo con un religioso che è vissuto in una famiglia santa”. Ricordiamoci che San Gabriele era undicesimo di tredici figli. Il papà aveva una forte esperienza cristiana di preghiera, di testimonianza e di carità. Quindi che cosa riportano i ragazzi: questo! Che è necessario avere i piedi gonfi dalla fatica, si riportano che la necessità che la vita, se non è fatica, non serve a niente! Si riportano a casa una consapevolezza che solo una vita donata è una vita ritrovata. Il pellegrinaggio di notte, 30 chilometri, è per loro un motivo di forte maturazione e di scelta.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,924FansLike
17,749FollowersFollow
9,724FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo 4 Giugno 2020

Vangelo 4 Giugno 2020. Non c’è altro comandamento più grande di...

Vangelo del giorno - Giovedì, 4 Giugno 2020 Lettura e commento al Vangelo di Giovedì 4 Maggio 2020 - Mc 12,28-34: Non c’è altro comandamento...