Home News Terra Sancta et Oriens Paura a Gaza nel villaggio Sos Bambini. Un appello che rilanciamo!

Paura a Gaza nel villaggio Sos Bambini. Un appello che rilanciamo!

Pubblicità

adottare-bambino-palestina-a-distanza-33167GAZA – E’ arrivato questa notte nella Redazione dei Papaboys l’appello di SOS Villaggio dei Bambini di Gaza. Lo rilanciamo e lo diffondiamo per portare più persone possibili a conoscenza di questa iniziativa che sta soffrendo in queste ore. Siamo vicini a tutti i bambini del villaggio, e preghiamo che la paura si trasformi presto in normalità!

Pubblicità

PAURA PER IL VILLAGGIO SOS BAMBINI NELLA STRISCIA DI GAZA  “L’efferatezza degli scontri tra Israele e i Territori palestinesi ha avuto un impatto devastante sul Villaggio SOS di Deir Sultan, vicino a Rafah, a sud della Striscia di Gaza. Gli attacchi aerei hanno preso di mira zone molto vicine al Villaggio SOS, che non ha mai avuto e non ha alcuna appartenenza politica. I nostri bambini e ragazzi non possono più stare lì per problemi di sicurezza. Ricordiamo a tutte le parti in conflitto di rispettare i loro obblighi in base al Diritto Internazionale dei diritti umani e di proteggere la vita e il benessere dei bambini. Confidiamo che le parti facciano tutto il possibile per assicurare che i bambini, i ragazzi e i nostri collaborati del Villaggio SOS non subiscano alcuna conseguenza” – Richard Pichler CEO, SOS Villaggi dei Bambini.

SOS Villaggi dei Bambini è situato a circa 15 km dalla città di Rafah. La zona è densamente popolata; si stimano più di 70mila abitanti. La maggior parte di loro sono profughi palestinesi. Le persone nella Striscia di Gaza continuano ad affrontare molte difficoltà, a causa della situazione politica, sociale ed economica. SOS Villaggi dei Bambini ha contribuito al miglioramento delle condizioni di vita sostenendo le famiglie e i bambini. Ieri sono state bloccate tutte le attività all’aria aperta. 12 educatrici residenziali, 6 collaboratori e il Direttore del Villaggio SOS sono stati invitati a non uscire per motivi di sicurezza e per riuscire a gestire i programmi nell’emergenza. Sono rimaste solo 5 ragazze nella Casa del Giovane. 30 sono i giovani che si trovano fortunatamente dai loro parenti, per il ramadan estivo. Non potranno fare ritorno fino a che la situazione non migliorerà. 23 bambini sono ancora nel Villaggio SOS e 47 con le loro famiglie (per il Ramadan estivo).

#5buoneragioni per accogliere i bambini che vanno protetti

Le storie e i dati dei minorenni allontanati dalla propria famiglia, dei loro genitori e degli operatori che se ne prendono cura
Incontro con la stampa  Roma, giovedì 17 luglio 2014
Camera dei deputati, Sala delle Colonne – via Poli 19
ore 12.30-15.00
Da qualche anno è cresciuto l’interesse di trasmissioni televisive e testate della carta stampata per i bambini e i ragazzi allontanati dalla loro famiglia in seguito a un provvedimento del Tribunale per i minorenni.  Per questa ragione i promotori dell’iniziativa – l’associazione Agevolando, il Cismai, il Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (Cnca), il Coordinamento Nazionale Comunità per Minori (Cncm), Progetto Famiglia e SOS Villaggi dei Bambini – ritengono sia arrivato il momento di raccontarsi, invece di “essere raccontati”, di far conoscere i volti, le esperienze e i numeri che riguardano un lavoro difficile e appassionante: quello di aiutare un bambino, una ragazza, i loro genitori, a “ripartire”, a ricostruire la propria vita dopo una vicenda difficile e, a volte, drammatica. Nell’incontro verrà presentata una fotografia dettagliata della situazione, attraverso un’analisi dei dati disponibili, e verrà dato spazio ai ragazzi che sono stati in comunità, ai genitori che hanno accompagnato i loro figli in questo percorso, agli operatori che da molti anni sono impegnati in questo settore. E verranno avanzate alcune richieste alle istituzioni per assicurare qualità e trasparenza nelle strutture di accoglienza.
Nell’occasione verrà illustrato il manifesto “#5buoneragioni per accogliere i bambini e i ragazzi che vanno protetti”, con il quale si intendono chiarire all’opinione pubblica alcuni aspetti fondamentali che riguardano i minorenni allontanati dalla loro famiglia

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,916FansLike
17,749FollowersFollow
9,751FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Beato Bernardo di Quintavalle, 10 Luglio 2020

Il Santo del giorno 10 Luglio 2020 Beato Bernardo di Quintavalle,...

Oggi la Chiesa ricorda il Beato Bernardo di Quintavalle Bernardo di Quintavalle è stato un religioso italiano. Fu il primo seguace di Francesco d'Assisi ed...