Papa Francesco, un pò acciaccato, all’Angelus: Pace anche per il Venezuela. E poi tra gli ultimi della Colombia

All’Angelus a Cartagena, davanti alla chiesa di San Pietro Claver, il pensiero di Papa Francesco va alla popolazione del vicino Venezuela, sconvolta dalla violenza. Il Pontefice esprime la “vicinanza ad ognuno dei figli e delle figlie di quella amata nazione, come pure a coloro che hanno trovato in questa terra colombiana un luogo di accoglienza”. Da questa città, “sede dei diritti umani – ha soggiunto – faccio appello affinché si respinga ogni tipo di violenza nella vita politica e si trovi una soluzione alla grave crisi che si sta vivendo e che tocca tutti, specialmente i più poveri e svantaggiati della società”.






Prima dell’appello per il Venezuela, il Papa aveva ricordato come il Signore sempre prediliga i deboli e gli umili, così come ha fatto con Maria Ramos, la donna che accolse l’immagine della Vergine di Chiquinquirá, tanto amata dai colombiani. Ha così messo l’accento sulla figura di San Pietro Claver che, ha detto, ci ha testimoniato che “la carità va al di là di tutte le lingue”. Egli, ha rammentato, “aspettava le navi che arrivavano dall’Africa al principale mercato di schiavi del nuovo mondo”. San Pietro Claver sapeva che “il linguaggio della carità e della misericordia era capito da tutti”. Di fatto, “la carità aiuta a comprendere la verità e la verità esige gesti di carità. Le due cose non possono essere separate, vanno insieme”. E, ha sottolineato, “quando sentiva ripugnanza verso di loro, perché arrivavano, questi poveretti, in uno stato che era davvero ripugnante, Pietro Claver baciava le loro piaghe”.

Questo Santo, ha quindi aggiunto, “è morto abbandonato, si sono dimenticati di lui, e ha trascorso gli ultimi quattro anni della sua vita malato e nella sua cella, in uno spaventoso stato di abbandono”. Ma Dio, ha concluso, non lo ha dimenticato, “lo ha ricompensato in un altro modo”. San Pietro Claver “ha testimoniato in modo formidabile la responsabilità e l’attenzione che ognuno di noi deve avere per suoi i fratelli”.






LA VISITA AGLI ‘ULTIMI’ DI CARTAGENA

Cartagena, nel Nord della Colombia, è l’ultima tappa del viaggio apostolico di Francesco. Primo appuntamento di questa giornata è stata la visita la Benedizione della prima pietra delle case per i Senzatetto e dell’Opera Talitha Kum, una rete internazionale della Vita consacrata contro la tratta delle persone. Molto calorosa l’accoglienza, presenti alcune centinaia di persone, senzatetto e bambine assistite dall’OperaQueste le parole del Papa per la Benedizione:

“Benedetto sii Tu, o Signore, Dio della misericordia, che in tuo Figlio ci hai dato un esempio ammirevole di carità e per mezzo di Lui ci hai vivamente raccomandato il mandato dell’amore; degnati di ricolmare con le tue benedizioni questi tuoi servitori, che desiderano dedicarsi generosamente all’aiuto dei fratelli; fa’ in modo che, nel bisogno immediato, possano servirti fedelmente e pienamente nella persona del loro prossimo. Per Cristo nostro Signore. Amen”.

Dopo la benedizione delle prime pietre delle strutture abitative, il Papa si è recato nella casa della signora Lorenza, una donna di 77 anni che da più di cinquant’anni lavora come volontaria alla mensa comunitaria.
.

.




di Alessandro Gisotti per la Radio Vaticana

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome