Papa Francesco parla dell’omosessualità. Ecco cosa ha detto un’intervista…

Papa Francesco ha parlato dell’omosessualità nella sua intervista con il giornalista spagnolo Jordi Évole, in onda qualche sera fa sul canale “La Sexta”, e ha riflettuto sul fatto che l’omosessualità sia o meno un peccato.

Pope Francis speaks

Interrogato sulla famosa frase “Chi sono io per giudicare?”, Il Santo Padre ha specificato che “le tendenze non sono peccato. Se hai la tendenza alla rabbia, non è un peccato. Ora, se sei arrabbiato e ferisci le persone, il peccato è lì. ”

“Il peccato è agire , di pensiero, parola e azione, con libertà, una tendenza”, ha detto.

In effetti, come sottolinea il Catechismo della Chiesa Cattolica nel numero 2358:

“Un numero non trascurabile di uomini e di donne presenta tendenze omosessuali profondamente radicate. Questa inclinazione, oggettivamente disordinata, costituisce per la maggior parte di loro una prova. Perciò devono essere accolti con rispetto, compassione, delicatezza. A loro riguardo si eviterà ogni marchio di ingiusta discriminazione. Tali persone sono chiamate a realizzare la volontà di Dio nella loro vita, e, se sono cristiane, a unire al sacrificio della croce del Signore le difficoltà che possono incontrare in conseguenza della loro condizione.”

Il Santo Padre ha anche fatto riferimento alle sue dichiarazioni nel volo papale di ritorno dall’Irlanda a Roma nell’agosto 2018, in cui ha consigliato ai genitori di bambini che mostrano un’apparente tendenza omosessuale a ricorrere a uno psichiatra.

Tutti hanno il diritto di avere un padre e una madre , di avere una casa. E un padre e una madre hanno il diritto di avere un figlio, venga come venga il bambino o il bambino. Se c’è un caso di omosessualità, capisco che la famiglia provi dolore, per la cultura attuale. Ma il dialogo, il dialogo, tu papà e mamma, tu figlia o figlio, ma non lasci mai fuori di casa una persona perché ha una tendenza omosessuale“.

Riguardo la frase detta durante il viaggio di ritorno dall’Irlanda, il Papa ha corretto il tiro:

Ho fatto una distinzione: un’altra cosa è quando la persona è molto giovane, molto piccola e inizia a mostrare strani sintomi e lì è conveniente andare … e io ho detto ‘psichiatra’. In quel momento ti esce una parola che viene fuori parlando una lingua che non è la tua.

Ciò a cui si riferiva, ha spiegato, è che si dovrebbe ” andare da un professionista, da uno psicologo, che più o meno vede quali sono le cause di tale atteggiamento prima della diagnosi”.

Papa Francesco Rosario

I media hanno semplicemente detto che il Papa invia gli omosessuali dallo psichiatra e non hanno visto l’altra mia osservazione. E questo è male, ” disse.

Sto parlando di un ragazzo che sta sviluppando la sua personalità, e i papà iniziano a vedere cose strane. Andate a consultare un professionista e lì vedrete di cosa si tratta, potrebbe essere che non quel ragazzo non sia omosessuale, e che tale atteggiamento è dovuto a qualcos’altro“, ha infine detto il Pontefice.

Fonte it.churchpop.com

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €15.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome