Papa Francesco: ‘La vita di un Vescovo ed il suo ministero rendano credibile la Risurrezione’

PAPA.VESCOVICONGREGA.TN“La Chiesa ha bisogno di Pastori autentici” che abbiano cura del proprio gregge: è quanto sottolineato da Papa Francesco in un lungo e appassionato discorso alla Congregazione per i Vescovi. Il Pontefice ha indicato in modo dettagliato quali sono i criteri che dovrebbero animare la scelta dei presuli. “Non ci serve un manager”, ha avvertito, il vescovo sia un testimone del Risorto umile e coraggioso. La Chiesa, ha aggiunto, non ha bisogno di apologeti o crociati ma di “seminatori umili e fiduciosi della verità”.

“Nel firmare la nomina di ogni Vescovo vorrei poter toccare l’autorevolezza del vostro discernimento”. Papa Francesco ha usato quest’immagine per sottolineare quanto sia fondamentale il lavoro della Congregazione per i Vescovi. Questo dicastero, ha osservato, “esiste per assicurarsi che il nome di chi è scelto sia stato prima di tutto pronunciato dal Signore”. Quindi, ha come tracciato il modello ideale di un vescovo:

“…abbiamo bisogno di uno che ci sorvegli dall’alto; abbiamo bisogno di uno che ci guardi con l’ampiezza del cuore di Dio; non ci serve un manager, un amministratore delegato di un’azienda, e nemmeno uno che stia al livello delle nostre pochezze o piccole pretese. Ci serve uno che sappia alzarsi all’altezza dello sguardo di Dio su di noi per guidarci verso di Lui. Solo nello sguardo di Dio c’è il futuro per noi”.

Al tempo stesso, ha proseguito, bisogna riconoscere che “non esiste un Pastore standard per tutte le Chiese”. Cristo, ha soggiunto, “conosce la singolarità del Pastore che ogni Chiesa richiede”. La “nostra sfida” è allora “entrare nella prospettiva di Cristo”, “tenendo conto di questa singolarità delle Chiese particolari”. Per scegliere tali ministri, ha così spiegato, “abbiamo bisogno tutti noi di elevarci” al di sopra di “preferenze, simpatie, appartenenze o tendenze” ed “entrare nell’ampiezza dell’orizzonte di Dio”. Servono, ha ribadito, “Pastori dotati di parresia” non “condizionati dalla paura dal basso”. Ed ha invitato quanti lavorano alla Congregazione di svolgere il loro compito con “professionalità, servizio e santità di vita” e con “santa inquietudine”. Ma dove trovare dunque la luce per scegliere i pastori? “L’altezza della Chiesa – ha detto il Papa – si trova sempre negli abissi profondi delle sue fondamenta”, “il domani della Chiesa abita sempre nelle sue origini”. E qui ha sottolineato quanto sia importante l’unità della Chiesa, la “Successione ininterrotta” dei vescovi. “Le persone – ha constatato – già conoscono con sofferenza l’esperienza di tante rotture: hanno bisogno di trovare nella Chiesa quel permanere indelebile della grazia del principio”. Ha così affermato che il primo criterio per “tratteggiare il volto dei Vescovi” è che sia un testimone di Cristo:

“Chi è un testimone del Risorto? È chi ha seguito Gesù fin dagli inizi e viene costituito con gli Apostoli testimone della sua Risurrezione. Anche per noi questo è il criterio unificante: il Vescovo è colui che sa rendere attuale tutto quanto è accaduto a Gesù e soprattutto sa, insieme con la Chiesa, farsi testimone della sua Risurrezione”.

Il Vescovo, ha proseguito, “è anzitutto un martire del Risorto. Non un testimone isolato ma insieme con la Chiesa”. La sua vita come il suo ministero, ha avvertito, “devono rendere credibile la Risurrezione”:

“Il coraggio di morire, la generosità di offrire la propria vita e di consumarsi per il gregge sono inscritti nel ‘DNA’ dell’episcopato. La rinuncia e il sacrificio sono connaturali alla missione episcopale. E questo voglio sottolinearlo: la rinuncia e il sacrificio sono connaturali alla missione episcopale. L’episcopato non è per sé ma per la Chiesa, per il gregge, per gli altri, soprattutto per quelli che secondo il mondo sono da scartare”.

Per individuare un vescovo, ha detto, “non serve la contabilità delle doti umane, intellettuali, culturali e nemmeno pastorali. Il profilo di un vescovo non è la somma algebrica delle sue virtù”. E’ certo, ha ammesso, che “ci serve uno che eccelle” per integrità, solidità cristiana, fedeltà alla Verità, trasparenza, capacità di governare. E tuttavia, queste “imprescindibili doti” devono essere “una declinazione della centrale testimonianza del Risorto, subordinati a questo prioritario impegno”. Due atteggiamenti, ha soggiunto, sono imprescindibili: “la coscienza davanti a Dio e l’impegno collegiale. Non l’arbitrio ma il discernimento insieme. Nessuno può avere in mano tutto”:

“È sempre imprescindibile assicurare la sovranità di Dio. Le scelte non possono essere dettate dalle nostre pretese, condizionate da eventuali ‘scuderie’, consorterie o egemonie. Per garantire tale sovranità ci sono due atteggiamenti fondamentali: il tribunale della propria coscienza davanti a Dio e la collegialità”.

I vescovi, è stata ancora la sua esortazione devono essere prima di tutto kerigmatici, “poiché la fede viene dall’annuncio”. Servono, ha detto, “uomini custodi della dottrina non per misurare quanto il mondo viva distante dalla verità che essa contiene, ma per affascinare il mondo” con “la bellezza dell’amore, per sedurlo con l’offerta della libertà donata dal Vangelo”:

“La Chiesa non ha bisogno di apologeti delle proprie cause né di crociati delle proprie battaglie, ma di seminatori umili e fiduciosi della verità, che sanno che essa è sempre loro di nuovo consegnata e si fidano della sua potenza”.

I vescovi, ha soggiunto, siano “uomini pazienti” consapevoli che “la zizzania non sarà mai così tanta da riempire il campo”. Bisogna sempre “agire come fiduciosi seminatori, evitando la paura di chi si illude che il raccolto dipenda solo da sé o l’atteggiamento degli scolari che, avendo tralasciato di fare i compiti, gridano che ormai non c’è più nulla da fare”. E i vescovi, ha detto ancora, devono essere uomini di preghiera:

“Un uomo che non ha il coraggio di discutere con Dio in favore del suo popolo non può essere Vescovo, ma questo lo dico dal cuore, sono convinto e neppure colui che non è capace di assumere la missione di portare il popolo di Dio fino al luogo che Lui, il Signore gli indica”.

La Chiesa, ha poi affermato, “ha bisogno di Pastori autentici”, “non padroni della Parola, ma consegnati a essa, servi della Parola”. Ed ha sottolineato che l’eredità di un Vescovo non è l’oro o l’argento, ma la santità. “La Chiesa – ha affermato – rimane quando si dilata la santità di Dio nei suoi membri”. Riprendendo la Lumen Gentium, Papa Francesco ha infine messo l’accento su due aggettivi della cura del gregge: “Assidua e quotidiana”. E questo soprattutto perché nel nostro tempo queste due qualità vengono spesso “associate alla routine e alla noia” e dunque c’è la tentazione di “scappare verso un permanente altrove”:

“Perciò è importante ribadire che la missione del Vescovo esige assiduità e quotidianità. Al gregge serve trovare spazio nel cuore del Pastore (…) Se questo non è saldamente ancorato in sé stesso, in Cristo e nella sua Chiesa, sarà continuamente sballottato dalle onde alla ricerca di effimere compensazioni e non offrirà al gregge alcun riparo”.

Il Papa ha così messo l’accento sull’attualità del “decreto di residenza” del Concilio di Trento sul quale ha invitato la Congregazione a scrivere qualcosa. Forse, ha concluso il Papa, non cerchiamo abbastanza i pastori ma “sono certo che essi ci sono, perché il Signore non abbandona la sua Chiesa”.

Il servizio è di Alessandro Gisotti per la Radio Vaticana (anche in file audio):RealAudioMP3

IL VIDEO

.
.

1 COMMENTO

  1. Carissimi la Chiesa o perlomeno molti uomini di Chiesa danno incertezza e bloccano la voglia di vivere, le voglio inviare questo mio forte pensiero perchè tempo fa posi alcune domande a diversi sacerdoti che con le loro risposte mi davano ieri solo incertezze allontanandomi da Gesù Cristo, credo che anche lei come uomo si sia posto queste domande di fede :Ci riconosceremo nell’aldilà , avremo lo stesso amore per i nostri cari, i nostri legami famigliari andranno perduti ?Moltissimi , mi risposero, non ci riconosceremo e gli affetti saranno spezzati e spazzati via dalla nostra mente, ameremo solo Dio per l’eternità , un eternità (in) Dio piena di preghiera ,mi sembra un eternità assurda e misera quella che ci raccontano, per me meglio la morte eterna, si in queste condizioni è meglio la morte eterna , ma la cosa gravissima che sono pochissimi quelli che mi hanno affermato che nulla verrà cancellato, che senso ha avere la vita eterna per poi perdere i nostri veri amori famigliari ,io da laico vorrei riaffermere a loro che i legami familiari non sono cose caduche solo terrene, ma rispondono al piano immutabile e sapientissimo della creazione ,che nella resurrezione viene ristabilito e glorificato.
    Dunque secondo il mio modestissimo parere molti sacerdoti sbagliano di grosso di questo ne sono io certo.
    Per questo si deve dire che per esempio un padre e una madre, andando in cielo non perdono la loro identità di essere sempre genitori di quella persona,che per un pò lasciano sulla terra ,anzi se la vedono confermata di nuovo e nobilitata gli affetti non possono essere cancellati non possono assolutamente esserlo.
    Sarebbe un po’ come pensare che in cielo S.Giuseppe e la Madonna non siano più i genitori di Gesù. E’una cosa semplicemente assurda! E’ vero che ci sarà una fratellanza universale e che saremo tutti uniti in Cristo ma ciò non vuol dire che spariranno le differenze individuali naturali perche fanno parte della ricchezza e della bellezza del creato.
    Io non so se la sua visione è come quella di moltissimi sacerdoti, più che alla concezione cristiana per me assomiglia al panteismo indiano dove tutto si dissolve e si confonde nell’unico Brahman indifferenziato.
    Per questo anche io ho tutto il diritto di aspettarmi di rivedere in cielo i miei genitori, le persone care mia moglie , mia figlia e tutti i miei amici.
    In altre occasioni, come per esempio quando appunto tratta della risurrezione, Cristo parla chiaramente della risurrezione delle singole persone , a cominciare da Egli stesso, con le loro proprie caratteristiche e questo è ribadito dalla Chiesa la quale insegna che risorgeremo con quel corpo che abbiamo quaggiù (uomini e donne), anche se naturalmente non sarà un corpo mortale ma immortale.Per molti sacerdoti saremo un anima eterna senza corpo , dove è il Vivo messaggio di Gesù Cristo in loro !!!.Dove finisce il senso della preghiera se tutto questo verrà perduto , l’amore NO NON PUO’ MORIRE .Io sono convintissimo che, se non si comprende la certezza dell’amore eterno si può perdere la fede credo che sia doverosa e giusta questa mia affermazione .Quello che vorrei sottolineare , stà nel fatto che la società e quindi la famiglia e di seguito la coppia nella socetà e nella fedeltà di oggi è sempre più incerta i fatti sono alla luce di tutti e parlano chiaro, ma la Chiesa protegge la famiglia da questo vincolo eterno ?quanti abbiamo giurato davanti a Dio ” fedeltà eterna” e quanti siamo rimasti fedeli ?.Se non comprendiamo bene che il nostro amore è un”vincolo eterno” come lo è la nostra famiglia , allora se noi non crediamo in questo , possiamo diventare fragili ,innaffidabili , sleali disonesti ed infedeli . Quell’anello è un simbolo ma quel matrimonio è un sarcamento in cui il vero sacerdote dell’unione dei due è Cristo che lo sigilla in un vincolo eterno , Gesù Cristo con la sua fede predicava amore e per nessuna ragione smentirà i suoi sacramenti il matrimonio fondato sull’amore frà un uomo e una donna ,non sarebbe quindi più infranto , perchè i due sarebbero diventati un unica carne e di questo Gesù precisò , non sono più due ma una carne sola e non separi l’uomo ciò che Dio ha congiunto.Questo era il disegno del Padre , quindi ha un valore assoluto e perenne senza misura e senza fine.La fedeltà stà alla base della vita umana ma Dio è sempre fedele invece moltissimi sacerdoti a chi sono fedeli ? L’uomo di questo millennio di queste certezze ha bisogno e la Chiesa rimane in silenzio anzi è muta … L’uomo di oggi cerca anche queste risposte e la mia Chiesa è lontanissima dall’amore famigliare e dall’uomo anzi è assente.
    Endrio Calderini

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome