Papa Francesco: i migranti ci interpellano, rispondere con Vangelo misericordia

Papa Francesco: i migranti ci interpellano, rispondere con Vangelo misericordia“Migranti e rifugiati ci interpellano. La risposta del Vangelo della misericordia”: è questo il tema che Padre Francesco ha scelto per la 102.ma Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, che si celebrerà il 17 gennaio 2016. E’ un tema – rileva un comunicato del  Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti – che si inserisce logicamente nel contesto dell’Anno della Misericordia che si svolgerà tra l’8 dicembre 2015 e il 20 novembre 2016.

Si vogliono sottolinearsi due aspetti: “Con la prima parte del tema, “Migranti e rifugiati ci interpellano”, si vuole fare presente la drammatica situazione di tanti uomini e donne, costretti ad abbandonare le proprie terre. Non si devono dimenticare, per esempio, le attuali tragedie del mare che hanno per vittime i migranti. Di fronte al rischio evidente che questo fenomeno sia dimenticato, il Santo Padre presenta il dramma dei migranti e rifugiati come una realtà che ci deve interpellare. In questa linea si situa la BollaMisericordiae vultus quando afferma: ‘Non cadiamo nell’indifferenza che umilia, nell’abitudinarietà che anestetizza l’animo e impedisce di scoprire la novità, nel cinismo che distrugge. Apriamo i nostri occhi per guardare le miserie del mondo, le ferite di tanti fratelli e sorelle privati della dignità, e sentiamoci provocati ad ascoltare il loro grido di aiuto […]. Che il loro grido diventi il nostro e insieme possiamo spezzare la barriera di indifferenza che spesso regna sovrana per nascondere l’ipocrisia e l’egoismo’ (n. 15)”.

Papa Francesco: i migranti ci interpellano, rispondere con Vangelo misericordia




“Con la seconda parte del tema, ‘La risposta del Vangelo della misericordia’, si vuole collegare in modo esplicito il fenomeno della migrazione con la risposta del mondo e, in particolare, della Chiesa. In questo contesto, il Santo Padre invita al popolo cristiano a riflettere durante il Giubileo sulle opere di misericordia corporale e spirituale, tra cui si trova quella di accogliere i forestieri. E questo senza dimenticare che Cristo stesso è presente tra i ‘più piccoli’, e che alla fine della vita saremmo giudicati dalla nostra risposta d’amore (cfr. Mt 25,31-45). Essendo discepola di Gesù, la Chiesa è sempre chiamata ad ‘annunciare la liberazione a quanti sono prigionieri delle nuove schiavitù della società moderna’ (Misericordiae vultus, n. 16), al tempo che dovrà approfondire nel rapporto tra giustizia e misericordia, due dimensioni di un’unica realtà (cfr. Misericordiae vultus, n. 20)”.

Papa Francesco: i migranti ci interpellano, rispondere con Vangelo misericordia




In linea con il desiderio del Santo Padre, che vuole che ogni Chiesa particolare sia “direttamente coinvolta a vivere questo Anno Santo” (Misericordiae vultus, n. 3), il Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti offre le seguenti indicazioni:

– suggerisce che la giornata giubilare sia celebrata particolarmente a livello diocesano e nazionale, nell’ambito più vicino ai migranti e rifugiati, con la loro partecipazione, e coinvolgendo anche le comunità cristiane.
– propone che l’evento giubilare centrale sia proprio il prossimo 17 gennaio 2016, nella ricorrenza della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato.
– incoraggia le diocesi e comunità cristiane, che ancora non lo fanno, a programmare delle iniziative, approfittando dell’occasione che offre questo Anno della Misericordia.
– invita a non dimenticare l’aspetto della sensibilizzazione nelle comunità cristiane al fenomeno migratorio.
– auspica che l’attenzione verso i migranti e la loro situazione non si riduca ad un’unica giornata.
– ricorda che è anche importante realizzare segni concreti di solidarietà, che abbiano un valore simbolico, e che esprimano la vicinanza e l’attenzione ai migranti e rifugiati.

In occasione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato sarà pubblicato, come consuetudine, un Messaggio Pontificio.

Questa giornata trova la sua origine nella lettera circolare “Il dolore e le preoccupazioni”, che la Sacra Congregazione Concistoriale inviò il 6 dicembre 1914 agli Ordinari Diocesani Italiani. In essa si chiedeva, per la prima volta, di istituire una giornata annuale di sensibilizzazione sul fenomeno della migrazione e anche per promuovere una colletta in favore delle opere pastorali per gli emigrati Italiani e per la preparazione dei missionari d’emigrazione. Conseguenza di quella missiva, il 21 febbraio 1915 avvenne la prima celebrazione di tale Giornata.




A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome