Home News Sancta Sedes Papa Francesco ha incontrato Ban Ki-moon

Papa Francesco ha incontrato Ban Ki-moon

Pubblicità

Papa Francesco ha incontrato Ban Ki-moonPapa Francesco si è recato nella casina Pio IV in Vaticano per salutare il segretario delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, con il quale ha avuto una conversazione dalle 9.15 alle 9.45. Lo ha riferito il vicedirettore della sala stampa vaticana, padre Ciro Benedettini.

Pubblicità

Subito dopo papa Bergoglio ha fatto ritorno a Santa Marta. Ban Ki-moon partecipa, su invito della Accademia delle Scienze al seminario “Proteggere la terra, nobilitare l’umanità”.

I cambiamenti climatici e lo sviluppo sostenibile sono al centro del convegno. Il cardinale Peter Turkson, presidente del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace, nel suo intervento ha sottolineato “la dimensione morale” della questione. “Potremo affrontare questi problemi se, e solo se, il nostro atteggiamento sarà improntato alla questione morale e umana”. Il cardinale ha fatto presente che il progresso “ha un lato oscuro e costi inaccettabili”. A fronte di una popolazione che sta sempre meglio, “troviamo profonde disparità con un grande numero di persone escluse e scartate, private della loro dignità”.

Pubblicità

Papa Francesco ha incontrato Ban Ki-moon

Ban Ki-moon: no a soluzione militare per i migranti. Il Segretario generale dell’Onu, Ban Ki Moon, non crede ad una “soluzione militare” per il problema dei barconi degli immigrati nel Mediterraneo. Rispondendo ad una domanda sulla possibilità di distruggere i barconi prima della partenza, Ban Ki Moon risponde: “Il focus principale della Nazioni Unite è la sicurezza e la protezione dei diritti umani dei migranti e di coloro che chiedono asilo. È cruciale che la concentrazione di tutti sia su salvare le vite, inclusa l’area libica delle operazioni di ricerca e soccorso, che è quella da cui viene la maggioranza delle richieste di aiuto. La sfida non riguarda solo il miglioramento dei soccorsi e l’accesso alla protezione, ma anche assicurare il diritto all’asilo del crescente numero di persone che in tutto il mondo scappano dalla guerra e cercano rifugio.

Non c’è una soluzione militare alla tragedia umana che sta avvenendo nel Mediterraneo. È cruciale un approccio complessivo che guardi alla radice delle cause, alla sicurezza e ai diritti umani dei migranti e dei rifugiati, così come avere canali legali e regolari di immigrazione”.

Sulla Libia Ban Ki Moon aggiunge: “Sono molto preoccupato per l’instabilità in Libia. Io credo fortemente che non ci siano alternative al dialogo”.

A cura di Redazione Papaboys fonti: Avvenire, canale Twitter Casina Pio IV

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,918FansLike
17,749FollowersFollow
9,748FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Carabinieri - www.varesenoi.it

Choc a Torino. Uomo di 30 anni uccide i genitori a...

Torino - Uomo di 30 anni uccide i genitori a coltellate Dopo il delitto, il 30enne è rimasto qualche ora in casa per poi iniziare...