Home News Pax et Justitia Papa Francesco: fermiamo assurda violenza contro cristiani

Papa Francesco: fermiamo assurda violenza contro cristiani

Papa Francesco: fermiamo assurda violenza contro cristianiLe “drammatiche vicende dei cristiani che in varie parti del mondo sono perseguitati e uccisi a motivo del loro credo religioso”, preoccupano fortemente il Papa, che ha rivolto un speciale appello al termine dell’Udienza generale. Il servizio di Roberta Gisotti per la Radio Vaticana:

Con “grande trepidazione” Papa Francesco segue le vicende dei cristiani che sono duramente colpiti da un’assurda violenza – ha sottolineato – che non accenna a fermarsi e che hanno diritto di ritrovare nei propri Paesi sicurezza e serenità, professando liberamente la propria fede. Da qui l’incoraggiamento “ad essere forti e saldi nella speranza”:

“Ancora una volta rivolgo un accorato appello a quanti hanno responsabilità politiche a livello locale e internazionale, come pure a tutte le persone di buona volontà, affinché si intraprenda una vasta mobilitazione di coscienze in favore dei cristiani perseguitati”.

E, tra i drammi dimenticati dalla comunità internazionale, è quella dei cristiani in fuga dall’Iraq, come denuncia p. Raymond Moussalli, vicario del vescovado caldeo ad Amman, in Giordania, dove sono stati di recente accolti oltre 100 mila profughi a causa dell’avanzata delle milizie dello Stato islamico a Mossul e nella Piana di Ninive. Ascoltiamolo, al microfono di Romilda Ferrauto, per la Radio Vaticana, descrivere la disperazione in cui versa questa povera gente:

R. – Arrivano in maniera tragica: non hanno soldi, né vestiti, hanno lasciato le loro case in un giorno, 100 mila persone.

D. – C’è ancora un futuro per loro lì, secondo lei?
R. – Penso che se non troveranno la sicurezza e la pace di poter rientrare nelle loro case, protetti del governo centrale iracheno, e di essere accolti come cittadini di “serie A”, non vogliano più ritornare. Quindi, la questione è questa: di essere accettati dal popolo iracheno come iracheni.

D. – Dunque, la soluzione non è che i Paesi occidentali accolgano questa gente. Qual è la soluzione?
R. – Se loro hanno lasciato le loro case, devono essere accettati dalla comunità internazionale. Se sono rimasti lì devono essere protetti dalla comunità internazionale, dal governo centrale iracheno e dal governo del Kurdistan. Quelli che sono già andati via devono essere accettati dalla comunità internazionale e dai Paesi all’estero.

D. – Lei è soddisfatto del modo in cui la comunità internazionale sta reagendo a questa tragedia?
R. – Fino ad adesso, non abbiamo sentito alcuna presa di posizione dai leader delle comunità internazionale. Solo il Santo Padre ha reagito e ogni giorno fa un appello o un accenno. Gli altri sono venuti in visita, ma non hanno fatto nulla. Quindi, noi vogliamo essere incoraggiati e che si faccia di più.

D. – La Giordania in questo momento sta accogliendo tantissimi rifugiati sia dalla Siria che sall’Iraq…
R. – Grazie al Signore, speriamo continui in questo. In tutti i Paesi del Medio Oriente ci sono guerre, problemi interni. Solo la Giordania vive in pace con il suo popolo e la sua gente.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,912FansLike
17,749FollowersFollow
9,751FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Sant'Antonio da Padova

Il 15 Agosto nasceva Sant’Antonio da Padova, invocalo con questa supplica...

Il 15 Agosto 1195 nasceva Sant'Antonio da Padova Sapevi che Antonio di Padova, era nato in Portogallo, precisamente a Lisbona? Sant'Antonio non era di Padova ne...