Home News Sancta Sedes Papa Francesco e la profezia del silenzio. Così sta cambiando la Chiesa...

Papa Francesco e la profezia del silenzio. Così sta cambiando la Chiesa (e il Vaticano)

Pubblicità

Come mai Papa Francesco non risponde con le parole a tutti i critici che lo attaccano?

Prega il Santo Padre, prega molto e forse la Madonna del Silenzio gli indica quotidianamente la strada da seguire contro l’odio.

Fra Emiliano incontra Papa Francesco Vergine del Silenzio
Fra Emiliano dona a Papa Francesco il suo primo libro: ‘Non Sparlare degli Altri!

Abbiamo intervistato a tal proposito Fra Emiliano, che ci ha parlato molto del Pontefice e della sua devozione alla Vergine del Silenzio.

Pubblicità

In un freddo pomeriggio di dicembre, decidiamo di riscaldare il nostro animo facendo una chiacchierata con Fra Emiliano Antenucci, amico e grande ammiratore del Santo Padre.

Avendo già intervistato precedentemente Fra Emiliano, sappiamo molte cose sulla devozione alla Vergine del Silenzio, ma ne abbiamo approfittato per fargli tante altre domande su Papa Francesco e sulla loro amicizia.

Pubblicità

Vi proponiamo una lettura in chiave “chiacchierata amichevole”.

Padre Emiliano, tu ha scritto ‘il cammino del silenzio – vademecum per cercatori di felicità’, ma in un mondo che fa così tanto rumore e che non conosce Dio, come possiamo far conoscere sia il silenzio che la felicità, e cosa ha da offrire la Vergine del Silenzio a noi “uomini e donne moderne”? Come il Silenzio che la Vergine ci insegna ad “ascoltare”, si combina con il mondo in cui viviamo?

Cosi risponde Fra Emiliano: “Il silenzio è la vera rivoluzione profetica in un mondo pieno di chiacchiere e rumore. Il silenzio è Dio, come per il Profeta Elia, il Signore infatti si trova nella brezza leggera del vento silenzioso.”

Ci spiega cosi la funzione del Silenzio di Dio:

“è quella di ascoltare la voce di Dio in noi, il nostro cuore è infatti il Santuario più importante al mondo”

Continua: “Il silenzio è originante ed originale: ci dà le parole da donare agli altri, infatti grazie a questo possiamo dire parole vere ed autentiche d’amore”.

Vergine del Silenzio

Il SILENZIO PATRONO DI GIORNALISTI E POLITICI

Trovandosi in un’intervista, Fra Emiliano, ha colto poi l’occasione per provare a dare un altro patrono a quelle categorie di persone che sono esperti di parola: politici e giornalisti.

Cosi prosegue: “La Vergine del silenzio per me dovrebbe essere la patrona dei giornalisti e dei politici perchè parlano troppo; il silenzio è grembo di parola e gli esperti della parola, in un mondo dove le parole escono senza troppo pensarci su, dovrebbero imparare ad ascoltare il silenzio.”

“Le parole” – aggiunge – “come il silenzio, hanno la doppia funzione, ovvero quella salvare o ammazzare la persona, danno vita e speranza o morte. Noi infatti possiamo benedire o maledire”.

Viviamo in un mondo in cui il “chiacchiericcio”, come lo hai definito tu stesso in un’intervista fatta da TV2000, va spesso verso una direzione “malsana”, ovvero oggi si parla male, si odia, si giudica e si invidia l’altro, come si può rispondere ad una società cosi malata?

“La Vergine del Silenzio è la risposta alla nostra società malata. Ogni persona infatti, ogni giorno, può fare mezz’ora di silenzio e staccare dal mondo per essere online solo con Dio.

La mia trilogia infatti, sui tre mali della Chiesa e della società (fulcro di gossip, pettegolezzi, calunnie), preferita da Papa Francesco e nata proprio da un colloquio personale con lui, vuole essere una risposta a questo mondo in cui viviamo.

Trilogia dei libri di Fra Emiliano Antenucci.

Quali sono questi tre libri?

“Non Sparlare degli Altri!

Chi Calunnia Uccide

Invidia: veleno mortale.

Quest’ultimo l’ho scritto insieme ad un amico e bravissimo sacerdote, Don Aldo Bonaiuti, che è stato per 15 anni al fianco di Don Oreste Benzi ed è una persona molto preparata. E’ anche un esorcista ed esperto di sette.

In questi libretti propongo l’ analisi della problematica e i rimedi a questa.”

Quale è il rapporto del Papa con questi tre libretti, nati proprio da un colloquio con Lui?

“Del primo libretto ovvero ‘NON SPARLARE DEGLI ALTRI!’, il Santo Padre ne ha distribuite 8000 copie in tutto il Vaticano, li ha dati a tutti i dipendenti e collaboratori , come a voler far riflettere sulla giusta strada da seguire nel corso della nostre breve vita.

So che li ha mandati anche in un Monastero che conosce lui personalmente, qui in Italia.

Inoltre, so che ha distribuito anche il secondo libretto: CHI CALUNNIA UCCIDE.

Il terzo libretto invece, ‘INVIDIA, VELENO MORTALE’, glielo consegnerò a breve.”

Ci puoi anticipare cosa hai scritto sull’invidia nel tuo ultimo libretto?

“L’invidia è il non vedere il bene che c’è nell’altro, insomma quando “rosico” per la felicità dell’altro.

Il frutto dell’invidia però è la tristezza, e il suo unico rimedio è solo il ringraziamento per i doni miei e degli altri.

San Francesco propone una lettura bellissima su questo tema dando una visione esistenziale e non moralista: “quando uno è invidioso è ladro di Dio”.

Gesù, sommo bene, ha dato doni ad ognuno di noi e quando io sono invidioso del carisma che ha un mio fratello, sono invidioso di Dio che agisce in lui, sono quindi ladro di Dio!”

Vorremmo conoscere più da vicino la tua amicizia con Papa Francesco: come è nata?

“L’ho conosciuto dopo un’udienza: gli ho regalato un mio libro. Ma l’l’avevo conosciuto già prima, quando ha benedetto, in Piazza San Pietro, il quadro della Vergine del Silenzio.

Ricordo che il Pontefice chiuse gli occhi e disse: ‘io questo frate lo devo incontrare’.

Il miracolo avvenne il 22 marzo, quando mi ha ricevuto nel Palazzo Apostolico, dove avvengono gli incontri con i grandi della terra e siamo stati un’ora soli io e lui.

Fu un’esperienza da sogno.

Da quel giorno ci siamo visti e sentiti tante altre volte, è un mio amico, mi chiama spesso. Le cose che non immagineresti mai e che arrivano da sole, sono i doni di Dio”

Conclude Padre Emiliano con la voce emozionata, confessandoci che si è attirato, per questa bella amicizia, molte gelosie.

Parlaci un po’ del carattere del Papa.

“Il Santo Padre ha una capacità empatica, sa entrarti dentro come poche persone sanno fare.

E’ un uomo sobrio ed un uomo di preghiera, ma questo suo aspetto i giornali non lo mettono mai in risalto.

Lui è un mistico, un uomo di silenzio, di discernimento e deciso, in fondo – continua – è un Gesuita.

Ha una luce nei suoi occhi che non si mette mai in risalto, è capace di capire le tue gioie e le sofferenze ancor prima che parli.

Se questo Papa incontrasse un ateo, sono certo – dice Padre Emiliano – lo cambierebbe, sarebbe capace di convertirlo con l’amicizia, la relazione e col suo sapere ‘gettare i ponti’.

L’incontro con lui ti cambia la vita. E’ certamente il volto di una Chiesa in uscita”

Come sono le telefonate con il Santo Padre?

Dietro una cornetta traspare la sua umanità, lui quando telefona dice: ‘pronto sono Papa Francesco’ e la prima domanda che fa è: ‘come stai?

Ci sono 4 frasi che ricorrono sempre durante i nostri colloqui al telefono:

  1. Come stai?
  2. Ti voglio bene.
  3. Vai avanti.
  4. Prega per me.

E’ un Papa amico che ti porta nel  suo cuore e per me – con la voce rotta, dichiara Padre Emiliano – il suo abbraccio ed il suo atteggiamento, sono la gioia più grande della mia vita

Ultimo libro della trilogia di Fra Emiliano Antenucci

Come si relaziona il Papa con la devozione alla Vergine del Silenzio, alla quale sappiamo che è molto legato, avendola anche introdotta in Vaticano?

“So che il Santo Padre ha messo la Vergine del Silenzio nel palazzo apostolico e una sulla scrivania della sua camera dove – dice Padre Emiliano – io sono stato.

Ci confessa poi un particolare, continua infatti cosi:Per questa Vergine il Papa ha scritto di pugno suo una lettera chiedendo un Santuario, un vero culto pubblico.”

Questa Vergine e la Madonna che Scioglie i Nodi sono le due devozioni del Papa

Possiamo dire che quindi è un Papa mariano? E’ difficile leggere suoi giornali questo appellativo accanto al nome di Papa Francesco.

“Si, è un Papa mariano e contemplativo, prima di partire per i suoi viaggi e al suo ritorno, va sempre a salutare la madonna ‘Salus populi romani’.”

In ultimo, ti chiediamo di parlarci dei tuoi corsi sul silenzio.

“Si possono fare solo una volta nella vita.

Io li faccio una volta al mese e durano un weekend. E’ un corso che insegna il silenzio interiore.

Possiamo definire questi corsi come ‘Cristoterapia’ che contiene 3 medicine dell’anima: silenzio, parola ed eucarestia.

Io – afferma – faccio studi sul silenzio da 10 anni, ma quello cristiano è un silenzio specifico in cui incontri Dio, non c’è il vuoto del buddismo, che si sviluppa solo sulle tecniche.

Il silenzio cristiano non è una tecnica come il “Mind fullness’, ma è un’incontro vivo con la persona di Gesù.

Con il silenzio in Cristo, fai l’esperienza di Dio, c’è un processo di incarnazione con Gesù, un unione del silenzio con la Preghiera, la Parola e Gesù.”

Aggiungiamo noi, un silenzio per trovare un unione perfetta nella nostra anima, per ricongiungerci con il Paradiso.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,913FansLike
17,749FollowersFollow
9,742FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo 3 Luglio 2020

Leggi e medita il Vangelo di Venerdì 3 Luglio 2020. Lettura...

Vangelo del giorno - Venerdì, 3 Luglio 2020 Lettura e commento al Vangelo di Venerdì 3 Luglio 2020 - Gv 20,24-29: "Mio Signore e mio...