Home News Sancta Sedes Papa Francesco in Cattedrale a Genova: "No ai preti 'Google' o 'Wikipedia'...

Papa Francesco in Cattedrale a Genova: “No ai preti ‘Google’ o ‘Wikipedia’ che pensano di sapere tutto”

Seconda tappa della visita del Papa a Genova, è l’incontro in Cattedrale con i vescovi della Liguria, il clero, i religiosi, i seminaristi e i collaboratori laici. Anche qui Francesco risponde ad alcune domande. Un parroco chiede come vivere un’intensa vita spirituale nella complessità della vita moderna e dei compiti anche amministrativi, che tendono a far vivere “dispersi e frantumati”.

“Più imitiamo lo stile di Gesù – ha esordito il Papa – più faremo bene il nostro lavoro di pastori. E questo è il criterio fondamentale: lo stile di Gesù. Come era lo stile di Gesù come pastore? Sempre Gesù era in cammino. E i Vangeli, con le sfumature proprie di ognuno, ma sempre ci fanno vedere Gesù in cammino, in mezzo alla gente, la “folla” dice il Vangelo. Distingue bene il Vangelo i discepoli, la folla, i dottori della legge: i sadducei, i farisei … Ma distingue il Vangelo questo: è curioso. E Gesù era nella folla; se noi possiamo immaginare com’era l’orario della giornata di Gesù, leggendo i Vangeli possiamo dire che la maggior parte del tempo lo passava sulla strada. Questo vuol dire vicinanza alla gente, vicinanza ai problemi: non si nascondeva. Poi, alla sera tante volte si nascondeva per pregare, per essere con il Padre. E queste due cose, questo modo di vedere Gesù in strada e pregando, aiuta tanto per la nostra vita quotidiana che non è in strada, è in fretta: sono cose diverse”.

Il Papa prosegue: “Di Gesù si dice che forse era un po’ in fretta quando andava verso la Passione: ‘decisamente’ è andato a Gerusalemme. Ma un po’ questa abitudine, questo modo impazzito sempre guardando l’orologio – “devo fare questo, questo, questo… – questo non è un modo pastorale: Gesù non faceva questo. Gesù mai è stato fermo. E, come tutti quelli che camminano, Gesù era esposto alla dispersione, a essere frantumato. Per questo mi piace la domanda perché si vede che nasce da un uomo che cammina e non è statico. Non dobbiamo avere paura del movimento e della dispersione del nostro tempo. Ma la paura più grande alla quale dobbiamo pensare, che dobbiamo immaginare, è una vita statica: una vita del prete che ha tutto ben risolto, tutto in ordine, strutturato, tutto è al suo posto, gli orari – a quale ora si apre la segreteria, il tempio si chiude a tale ora – tutte…: io ho paura del prete statico. Ho paura, anche quando è statico nella preghiera, io prego da tale ora a tale ora. “Ma non ti viene voglia di andare a passare con il Signore un’ora di più per guardarlo e lasciarti guardare da Lui?”. Questa è la domanda che io dirò al prete statico, che ha tutto perfetto, organizzato… Io dirò che una vita così, tanto strutturata, non è una vita cristiana. Forse quel parroco è un buon imprenditore, ma io mi domando: è cristiano? O almeno vive come cristiano? Sì, celebra la Messa – sì, sì – ma lo stile è uno stile cristiano? O è un credente: un buon uomo, vive in grazia di Dio, ma con uno stile di imprenditore”.






“Gesù sempre è stato un uomo di strada, un uomo di cammino, un uomo aperto alle sorprese di Dio. Invece, il sacerdote che ha tutto pianificato, tutto strutturato, generalmente è chiuso alle sorprese di Dio e si perde quella gioia della sorpresa dell’incontro. Il Signore ti prende quando non l’aspetti, ma sei aperto. Un primo criterio è non avere paura di questa tensione che ci tocca vivere: noi siamo in strada, il mondo è così. È un segno di vita, di vitalità: il papà, una mamma, un educatore sempre è esposto a questo e vive la tensione. Un cuore che ama, che si dà, sempre vivrà così: esposto a questa tensione. E anche qualcuno può fare la fantasia che: “Ah io mi farò prete di clausura, suora di clausura, e così non avrò questa tensione”. Ma anche i padri del deserto andavano al deserto per lottare di più. Quella lotta, quella tensione”.


I Vangeli – prosegue il Papa – ci fanno vedere due momenti di Gesù, che sono forti: “l’incontro con il Padre e l’incontro con le persone. E la maggioranza delle persone con le quali si incontrava Gesù era gente che aveva bisogno, gente bisognosa – malati, indemoniati, peccatori – anche gente emarginata: lebbrosi. E l’incontro con il Padre: nell’incontro con il Padre e l’incontro con i suoi fratelli, lì si dà questa tensione: tutto si deve vivere in questa chiave dell’incontro. Tu, sacerdote, ti incontri con Dio, con il Padre, con Gesù nell’Eucaristia, con i fedeli: ti incontri. Non c’è un muro che impedisca l’incontro; non c’è una formalità troppo rigida che impedisca l’incontro. Per esempio la preghiera: tu puoi stare un’ora davanti al Tabernacolo, ma pregando senza incontrare il Signore; pregando come un pappagallo … ma tu perdi tempo così! La preghiera: se tu preghi, prega e incontra il Signora, stai zitto, lasciati guardare dal Signore…”.




+++ IL VIDEO SERVIZIO A CURA DEL CENTRO TELEVISIVO VATICANO +++
.

.

Fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,061FansLike
20,431FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

shoah.ricordare.27.gennaio.2021.

Religione 2.0: Che COS’E’ la SHOAH? A cosa serve RICORDARE? La...

Che cos'è la Shoah? Perché ogni anno, il 27 gennaio, si celebra la 'Giornata della Memoria'? Che cosa dobbiamo ricordare? Oggi vogliamo scoprire insieme a...