Home News Finis Mundi Papa Francesco beatifica a Seoul 124 martiri: mettere Cristo al di sopra...

Papa Francesco beatifica a Seoul 124 martiri: mettere Cristo al di sopra di tutto

BvHzwpJCAAA_-WxI martiri ci ricordano che bisogna mettere Cristo al di sopra di tutto e non scendere a compromessi con la fede. E’ uno dei passaggi forti dell’omelia di Papa Francesco nella Messa di beatificazione di Paul Yun Ji-Chung e 123 compagni martiri, avvenuta oggi a Seoul presso la Porta di Gwanghwamun. Alla celebrazione hanno preso parte circa 800 mila persone. Da Seoul, il servizio dell’inviato della Radio Vaticana Davide Dionisi:

“La celebrazione del beato Paolo e dei suoi compagni ci offre l’opportunità di ritornare ai primi momenti, agli albori della Chiesa in Corea, e ci invita tutti a lodare Dio per quello che ha fatto”.

L’eroico sacrificio di tanti martiri ha reso fecondo e ricco di prospettive future la Corea. Grazie a loro, il Vangelo di Cristo è cresciuto come albero adulto ed i frutti si espandono anche fuori del proprio Paese e del Continente asiatico. A Gwanghwamun, luogo simbolo di Seul, Papa Francesco ha presieduto questa mattina la Messa di beatificazione di 124 martiri, davanti ad 800mila fedeli. Durante l’omelia il Pontefice ha ricordato la vittoria e la testimonianza di chi ha pagato con il supremo sacrificio la loro fede in Dio. Paolo Yun Ji-chung e i suoi compagni hanno sigillato la loro missione di precursori con il martirio e da qui è scaturito il seme di nuovi cristiani:

“Il loro esempio ha molto da dire a noi, che viviamo in società dove, accanto ad immense ricchezze, cresce in modo silenzioso la più abbietta povertà; dove raramente viene ascoltato il grido dei poveri; e dove Cristo continua a chiamare, ci chiede di amarlo e servirlo tendendo la mano ai nostri fratelli e sorelle bisognosi”.

L’esempio dei martiri, inoltre, ci insegna l’importanza della carità nella vita di fede e la loro eredità può ispirare tutti gli uomini e le donne di buona volontà ad operare in armonia per una società più giusta, libera e riconciliata. Ma essere martiri vuol dire soprattutto essere testimoni di Gesù.

E a proposito di testimonianza, prima della Messa il Santo Padre si è fermato ancora una volta a salutare i familiari delle vittime del traghetto. Il suo abbraccio e la condivisione del dolore, nei giorni scorsi, ha suscitato tanta commozione e i quotidiani locali, oggi, dedicano ai gesti di affetto e di condivisione del dolore ampi spazi. Anche perché, oltre ai segni e alle parole, il Papa continua ad indossare il piccolo nastro ripiegato ad anello di colore giallo, simbolo di vicinanza e solidarietà nei confronti delle vittime. Testimonianza, appunto, che secondo le cronache locali, “sta asciugando le lacrime di Sewol”.

FOTOGALLERIA

[wzslider autoplay=”true”]

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,002FansLike
20,918FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

madonna.dei.miracoli

Ogni Giorno Una Lode a Maria, 9 marzo 2021. Vergine dei...

Ogni Giorno Una Lode a Maria, 9 marzo 2021. Vergine dei Miracoli, prega per noi O Madonna dei Miracoli e Madre mia Maria, Ti sei...