Home News Sancta Sedes Papa Francesco all'Angelus: 'Siamo chiamati a perdonare sempre! Quante guerre evitate...'

Papa Francesco all’Angelus: ‘Siamo chiamati a perdonare sempre! Quante guerre evitate…’

Dio perdona sempre! Lo ha ricordato all’Angelus il Pontefice. Gesù ci esorta ad aprirci con coraggio alla forza del perdono, perchè nella vita non tutto si risolve con la giustizia.

C’è bisogno di quell’amore misericordioso che è alla base della risposta del Signore a Pietro, nella parabola di oggi, sul perdono – sono le parole di Papa Francesco prima della recita della preghiera mariana di questa domenica in piazza San Pietro.



Papa Francesco Angelus oggi
Papa Francesco Angelus oggi

Anche in famiglia è necessario applicare l’amore misericordioso di Dio in tutte le relazioni umane, tra i coniugi, tra i genitori e i figli, nella Chiesa, all’interno della nostra comunità, ed anche nella società e nella politica.
Ricorda la fine e smetti di odiare – il Pontefice ha ricordato una frase che ha letto nella Messa della mattina e lo ha particolarmente colpito. Perdonare è una cosa continua contro il rancore, con questo odio che torna. Pensiamo alla fine, e smettiamola di odiare.

Le parole di Papa Francesco prima della recita dell’Angelus

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!
Nella parabola che leggiamo nel Vangelo di oggi, quella del re misericordioso (cfr Mt18,21-35), troviamo per due volte questa supplica: «Abbi pazienza con me e ti restituirò» (vv. 26.29). La prima volta è pronunciata dal servo che deve al suo padrone diecimila talenti, una somma enorme. Oggi sarebero milioni e milioni di euro. La seconda volta viene ripetuta da un altro servo dello stesso padrone. Anche lui è in debito, non verso il suo padrone, ma verso lo stesso servo che ha quel debito enorme. E il suo debito è piccolissimo.

Il cuore della parabola è l’indulgenza che il padrone dimostra verso il servo con il debito più grande. L’evangelista sottolinea che «il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito» (v. 27). Un debito enorme, dunque un condono enorme! Ma quel servo, subito dopo, si dimostra spietato con il suo compagno, che gli deve una somma modesta. Non lo ascolta, inveisce contro di lui e lo fa gettare in prigione, finché non avrà pagato il debito (cfr v. 30). Un piccolo debito. Il padrone viene a saperlo e, sdegnato, richiama il servo malvagio e lo fa condannare (cfr vv. 32-34).  Nella parabola, troviamo due atteggiamenti differenti: quello di Dio –rappresentato dal re –e quello dell’uomo. Nell’atteggiamento divino la giustizia è pervasa dalla misericordia, mentre l’atteggiamento umano si limita alla giustizia. Gesù ci esorta ad aprirci con coraggio alla forza del perdono, perché nella vita non tutto si risolve con la giustizia. Lo sappiamo.

C’è bisogno di quell’amore misericordioso, che è anche alla base della risposta del Signore alla domanda di Pietro che precede la parabola: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli?» (v. 21). E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette»(v. 22). Nel linguaggio simbolico della Bibbia, questo significa che noi siamo chiamati a perdonare sempre! Quanta sofferenza, quante lacerazioni, quante guerre potrebbero essere evitate, se il perdono e la misericordia fossero lo stile della nostra vita!  È necessario applicare l’amore misericordioso in tutte le relazioni umane: tra i coniugi, tra i genitori e i figli, all’interno delle nostre comunità, nella Chiesa, e anche nella società e nella politica.

La parabola di oggi ci aiuta a cogliere in pienezza il significato di quella frase che recitiamo nella preghiera del Padre nostro: «Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori» (Mt6,12). Queste parole contengono una verità decisiva. Non possiamo pretendere per noi il perdono di Dio, se non concediamo a nostra volta il perdono al nostro prossimo. E’ una condizione: pensa alla fine sul perdono di Dio e smettila di odiare .. Se non ci sforziamo di perdonare e di amare, nemmeno noi verremo perdonati e amati. Affidiamoci alla materna intercessione della Madre di Dio: Lei ci aiuti a renderci conto di quanto siamo debitori verso Dio, e a ricordarlo sempre, così da avere il cuore aperto alla misericordia e alla bontà.

LE PAROLE AL TERMINE DELL’ANGELUS

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,905FansLike
18,968FollowersFollow
9,771FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

News recenti

San Matteo, Apostolo ed Evangelista

Il Santo del giorno 21 Settembre: San Matteo, Evangelista. Vita e...

Oggi ricordiamo San Matteo, Apostolo ed Evangelista Festa di san Matteo, Apostolo ed Evangelista, che, detto Levi, chiamato da Gesù a seguirlo, lasciò l’ufficio di...