Home News Sancta Sedes Papa Francesco all'Angelus: "Dio si è fatto carne per dirti che ti...

Papa Francesco all’Angelus: “Dio si è fatto carne per dirti che ti ama proprio lì, nelle tue fragilità”

Che cosa desidera Gesù allora da noi? Una grande intimità. Sono le parole di Papa Francesco prima della recita dell’Angelus di questa domenica dalla Biblioteca Apostolica in Vaticano. Il Pontefice ha continuato così: Vuole che noi condividiamo con Lui gioie e dolori, desideri e paure, speranze e tristezze, persone e situazioni. Facciamolo con fiducia, apriamogli il cuore, raccontiamogli tutto

Le parole di PAPA FRANCESCO all’Angelus di questa domenica

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!
In questa seconda domenica dopo Natale la Parola di Dio non ci offre un episodio della vita di Gesù, ma ci parla di Lui prima che nascesse. Ci porta indietro, per svelarci qualcosa su Gesù prima che  venisse  tra  noi.  Lo  fa  soprattutto  nel  prologo  del  Vangelo  di  Giovanni,  che  inizia  così:  «In principio  era  il  Verbo»  (Gv1,1). In  principio:  sono  le  prime  parole  della  Bibbia,  le  stesse  con  cui comincia  il  racconto  della  creazione:  «In  principio  Dio  creò  il  cielo  e  la  terra»  (Gen1,1).  Oggi  il Vangelo  dice  che  Colui  che  abbiamo  contemplato nel  suo  Natale,  come il Bambin Gesù,  esisteva  prima:  prima dell’inizio delle cose, prima dell’universo. Prima di tutto.

Angelus.papafrancesco.3.gennaio.2021
Angelus.papafrancesco.3.gennaio.2021

Egli è prima dello spazio e del tempo. «In Lui era la vita» (Gv1,4) prima che la vita apparisse. San Giovanni lo chiama Verbo, cioè Parola. Che cosa vuole dirci con ciò? La parola serve per comunicare: non si parla da soli, si parla a qualcuno.
Ora, il fatto che Gesù sia fin dal principio la Parola significa che dall’inizio Dio vuole comunicare con noi, vuole parlarci. Il Figlio unigenito del Padre (cfr v. 14) vuole dirci la bellezza di essere figli di Dio; è «la luce vera» (v. 9) e vuole allontanarci dalle tenebre del male; è «la vita» (v. 4), che conosce le nostre vite e vuole dirci che da sempre le ama. Ci ama tutti. Ecco lo stupendo messaggio di oggi: Gesù è la Parola eterna di Dio, che da sempre pensa a noi e desidera comunicare con noi. Per farlo, è andato oltre le parole. Infatti, al cuore del Vangelo odierno ci viene detto che la Parola «si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi» (v. 14). Si fece carne: perché san Giovanni usa questa espressione, “carne”? Non poteva dire, in modo più elegante, che si fece uomo? No, utilizza la parola carne perché essa indica la nostra condizione umana in tutta la sua debolezza, in tutta la sua fragilità.  Ci  dice  che  Dio si  è  fatto  fragilità  per  toccare  da  vicino  le  nostre  fragilità.  Dunque,  dal momento che il Signore si è fatto carne, niente della nostra vita gli è estraneo. Non c’è nulla che Egli disdegni, tutto possiamo condividere con Lui. Tutto!

Il video dell’Angelus di questa domenica sul Canale YouTube della Redazione Papaboys

Per iscriverti gratuitamente al canale You Tube della redazionehttps://bit.ly/2XxvSRx ricordati di mettere il tuo ‘like’ al video, condividerlo con gli amici ed attivare le notifiche per essere aggiornato in tempo reale sulle prossime pubblicazioni.
Non dimenticare di iscriverti al canale (è gratuito) ed attivare le notifiche

Caro fratello, cara sorella,
Dio si è fatto carne per dirti che ti ama proprio lì, nelle tue fragilità; proprio lì, dove ti vergogni di più. Si fece carnee non è tornato indietro. Non ha preso la nostra umanità come un vestito, che si mette  e  si  toglie.  No,  non  si  è  più  staccato  dalla  nostra  carne.  E  non  se  ne  separerà  mai:  ora  e  per sempre Egli è in cielo con il suo corpo di carne umana. Si è unito per sempre alla nostra umanità, potremmo dire che l’ha “sposata”.
Il Vangelo dice infatti che venne ad abitare in mezzo a noi. Non è venuto a farci una visita e poi se ne andato, è venuto ad abitare con noi, a stare con noi.
Che cosa desidera allora da noi? Una grande intimità. Vuole che noi condividiamo con Lui gioie e dolori, desideri e paure, speranze e tristezze, persone e situazioni. Facciamolo con fiducia, apriamogli il cuore, raccontiamogli tutto. Fermiamoci in silenzio davanti al presepe a gustare la tenerezza di Dio fattosi vicino, fattosi carne. E senza timore invitiamolo da noi, a casa nostra, nella nostra famiglia, nelle nostre fragilità.
Verrà e la vita cambierà.
La  Santa  Madre  di  Dio,  nella  quale  il  Verbo  si  fece  carne,  ci  aiuti  ad  accogliere  Gesù,  che bussa alla porta del cuore per abitare con noi.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,052FansLike
20,431FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Marija Medjugorje

Ultimo messaggio di Medjugorje, 25 gennaio 2021 a Marija: “Questo è...

(Traduzione ufficiale del Messaggio di Medjugorje dato a Marija del 25 gennaio 2021) ”Cari figli! In questo tempo vi invito alla preghiera, al digiuno ed...