Home News Terra Sancta et Oriens Papa Francesco al Regina Coeli: Costruire la pace è difficile, ma vivere...

Papa Francesco al Regina Coeli: Costruire la pace è difficile, ma vivere senza pace è un tormento

REGINA.COELI.TNFRANCESCO IN TERRA SANTA – Al termine del Regina Caeli, Papa Francesco ha pronunciato un invito di pace ai presidente palestinese e israeliano: “In questo Luogo, dove è nato il Principe della pace – ha detto Francesco – desidero rivolgere un invito a Lei, Signor Presidente Mahmoud Abbas, e al Signor Presidente Shimon Peres, ad elevare insieme con me un’intensa preghiera invocando da Dio il dono della pace. Offro la mia casa in Vaticano per ospitare questo incontro di preghiera”.

Quindi, ha aggiunto: “Tutti desideriamo la pace; tante persone la costruiscono ogni giorno con piccoli gesti; molti soffrono e sopportano pazientemente la fatica di tanti tentativi per costruirla. E tutti – specialmente coloro che sono posti al servizio dei propri popoli –  abbiamo il dovere di farci strumenti e costruttori di pace, prima di tutto nella preghiera”. Infine, il Papa ha affermato: “Costruire la pace è difficile, ma vivere senza pace è un tormento. Tutti gli uomini e le donne di questa Terra e del mondo intero ci chiedono di portare davanti a Dio la loro ardente aspirazione alla pace”.

Prima del Regina Caeli, il Papa aveva pronunciato queste parole: “Cari fratelli e sorelle, mentre ci avviamo a concludere questa celebrazione, rivolgiamo il nostro pensiero a Maria Santissima, che proprio qui a Betlemme ha dato alla luce il suo figlio Gesù. La Vergine è colei che più di ogni altro ha contemplato Dio nel volto umano di Gesù. Aiutata da san Giuseppe, lo ha avvolto in fasce e lo ha adagiato nella mangiatoia”.

“A Lei – ha soggiunto – affidiamo questo territorio e tutti coloro che vi abitano, perché possano vivere nella giustizia, nella pace e nella fraternità. Affidiamo anche i pellegrini che giungono per attingere alle sorgenti della fede cristiana – ce ne sono presenti anche a questa Santa Messa.  Ne sono tanti…” Quindi ha affermato: “Veglia, o Maria, sulle famiglie, sui giovani, sugli anziani. Veglia su quanti hanno smarrito la fede e la speranza; conforta i malati, i carcerati e tutti i sofferenti; sostieni i Pastori e l’intera Comunità dei credenti, perché siano “sale e luce” in questa terra benedetta; sostieni le opere educative, in particolare la Bethlehem University”.

Contemplando la Sacra Famiglia qui, a Betlemme – ha soggiunto – il mio pensiero va spontaneamente a Nazareth, dove spero di potermi recare, se Dio vorrà, un’altra occasione. Abbraccio da qui i fedeli cristiani che vivono in Galilea e incoraggio la realizzazione a Nazareth del Centro Internazionale per la Famiglia”.

Alla Vergine Santa – ha concluso – affidiamo le sorti dell’umanità, perché si dischiudano nel mondo gli orizzonti nuovi e promettenti della fraternità, della solidarietà e della pace”. 

 

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus ha reso difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,923FansLike
17,721FollowersFollow
9,711FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

San Paolo VI

Il Santo di oggi 29 Maggio 2020 San Paolo VI (Giovanni...

Oggi la Chiesa ricorda San Paolo VI - 28 Maggio 2020 Papa Paolo VI è stato il 262º vescovo di Roma e papa della Chiesa...