Papa Francesco al presidente israeliano Rivlin: Riavviare negoziati diretti con i palestinesi

Papa Francesco al presidente israeliano Rivlin: Riavviare negoziati diretti con i palestinesiPapa Francesco ha ricevuto oggi, nel Palazzo Apostolico Vaticano, il presidente israeliano Reuven Rivlin, che poi ha incontrato il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, accompagnato dal segretario per i Rapporti con gli Stati, mons. Paul Gallagher.

“Durante i cordiali colloqui – riferisce la Sala Stampa vaticana – è stata affrontata la situazione politica e sociale del Medio Oriente, segnata da diversi conflitti, con particolare attenzione alla situazione dei cristiani e di altri gruppi minoritari. Al riguardo è stata rilevata l’importanza del dialogo interreligioso e la responsabilità dei leader religiosi nella promozione della riconciliazione e della pace. Si sono evidenziate la necessità e l’urgenza di promuovere un clima di fiducia tra Israeliani e Palestinesi e di riavviare i negoziati diretti per raggiungere un accordo rispettoso delle legittime aspirazioni dei due Popoli, come contributo fondamentale alla pace e alla stabilità della Regione”.

“Sono state affrontate anche alcune questioni riguardanti i rapporti tra lo Stato d’Israele e la Santa Sede e tra le Autorità statali e le comunità cattoliche locali, auspicando una pronta conclusione dell’Accordo bilaterale in corso di elaborazione e una soluzione adeguata di alcune questioni di comune interesse tra cui quella riguardante la situazione delle scuole cristiane nel Paese”.

Papa Francesco al presidente israeliano Rivlin: Riavviare negoziati diretti con i palestinesi

Al termine dell’udienza, la presentazione delle delegazioni e lo scambio dei doni. «C’è qualche divisione, ma la sfida è unire» ha detto Papa Francesco, offrendo al presidente un medaglione in bronzo che rappresenta una roccia spaccata in due parti con al centro un ramo di ulivo che le tiene attaccate. Bergoglio ha quindi letto l’iscrizione in italiano attorno al medaglione: «Ricerca ciò che unisce, supera ciò che divide».

Rivlin, che era accompagnato dalla moglie, ha donato a Papa Francesco la copia di una pietra in basalto con iscrizione in aramaico risalente al IX-VIII secolo a.C. di cui l’originale è custodito al Museo di Gerusalemme, con la citazione del versetto 6 del Salmo 122 dove è riportata la menzione più antica della dinastia di David al di fuori della Bibbia. Il presidente ha salutato il Pontefice dicendogli: «Ci vediamo in Israele».

A cura di Redazione Papaboys fonti: Radio Vaticana / Sala Stampa della Santa Sede / Vatican Insider

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome