Papa Francesco ai nuovi Cardinali: ‘Nella croce abbiamo la nostra speranza’

francesco.cardii.tnCITTA’ DEL VATICANO -“Nella croce abbiamo la nostra speranza”: lo ha ricordato Papa Francesco ai nuovi Cardinali nella Cerimonia ancora in corso nella Basilica Vaticana. La nostra gioia è camminare con Gesù!  Il Papa ha tenuto la sua omelia partendo dal Vangelo proclamato: «Gesù camminava davanti a loro…» (Mc 10,32). Anche in questo momento – ha commentato – Gesù cammina davanti a noi. Lui è sempre davanti a noi. Lui ci precede e ci apre la via… E questa è la nostra fiducia e la nostra gioia: essere suoi discepoli, stare con Lui, camminare dietro a Lui, seguirlo… Quando con i cardinali abbiamo concelebrato insieme la prima santa Messa nella Cappella Sistina, “camminare” è stata la prima parola che il Signore ci ha proposto: camminare, e poi costruire e confessare. Oggi ritorna quella parola, ma come un atto, come l’azione di Gesù che continua: «Gesù camminava…» . Questo ci colpisce nei Vangeli: Gesù cammina molto, e istruisce i suoi lungo il cammino. Questo è importante. Gesù non è venuto ad insegnare una filosofia, un’ideologia… ma una “via”, una strada da percorrere con Lui, e la strada si impara facendola, camminando. Sì, cari Fratelli, questa è la nostra gioia: camminare con Gesù.

Ma questo non è facile, non è comodo, perché la strada che Gesù sceglie è la via della croce. Mentre sono in cammino, Egli parla ai suoi discepoli di quello che gli accadrà a Gerusalemme: preannuncia la sua passione, morte e risurrezione. E loro sono «stupiti» e «pieni di timore». Stupiti, certo, perché per loro salire a Gerusalemme voleva dire partecipare al trionfo del Messia, alla sua vittoria – lo si vede poi dalla richiesta di Giacomo e Giovanni; e pieni di timore per quello che Gesù avrebbe dovuto subire, e che anche loro rischiavano di subire”.

Quindi ha aggiunto: “Diversamente dai discepoli di allora, noi sappiamo che Gesù ha vinto, e non dovremmo avere paura della Croce, anzi, nella Croce abbiamo la nostra speranza. Eppure, siamo anche noi pur sempre umani, peccatori, e siamo esposti alla tentazione di pensare alla maniera degli uomini e non di Dio. E quando si pensa in modo mondano, qual è la conseguenza? Dice il Vangelo: «Gli altri dieci si sdegnarono con Giacomo e Giovanni» (v. 41). Si sdegnarono. Se prevale la mentalità del mondo, subentrano le rivalità, le invidie, le fazioni… Allora questa Parola che oggi il Signore ci rivolge è tanto salutare! Ci purifica interiormente, fa luce nelle nostre coscienze, e ci aiuta a sintonizzarci pienamente con Gesù, e a farlo insieme, nel momento in cui il Collegio dei Cardinali si accresce con l’ingresso di nuovi Membri”.

E ha proseguito: “«Allora Gesù, chiamatili a sé…» (Mc 10,42). Ecco l’altro gesto del Signore. Lungo il cammino, si accorge che c’è bisogno di parlare ai Dodici, si ferma, e li chiama a sé. Fratelli, lasciamo che il Signore Gesù ci chiami a Sé! Lasciamoci con-vocare da Lui. E ascoltiamolo, con la gioia di accogliere insieme la sua Parola, di lasciarci istruire da essa e dallo Spirito Santo, per diventare sempre di più un cuore solo e un’anima sola, intorno a Lui.
E mentre siamo così, convocati, “chiamati a Sé” dal nostro unico Maestro, vi dico ciò di cui la Chiesa ha bisogno: ha bisogno di voi, della vostra collaborazione, e prima ancora della vostra comunione, con me e tra di voi. La Chiesa ha bisogno del vostro coraggio, per annunciare il Vangelo in ogni occasione opportuna e non opportuna, e per dare testimonianza alla verità. La Chiesa ha bisogno della vostra preghiera, per il buon cammino del gregge di Cristo, la preghiera – non dimentichiamo – che, con l’annuncio della Parola, è il primo compito del Vescovo. La Chiesa ha bisogno della vostra compassione soprattutto in questo momento di dolore e sofferenza in tanti Paesi del mondo. Esprimiamo la nostra vicinanza spirituale alle comunità ecclesiali e a tutti i cristiani che soffrono discriminazioni e persecuzioni. Dobbiamo lottare contro ogni discriminazione. La Chiesa ha bisogno della nostra preghiera per loro, perché siano forti nella fede e sappiano reagire al male con il bene. E questa nostra preghiera si estende ad ogni uomo e donna che subisce ingiustizia a causa delle sue convinzioni religiose”.

“La Chiesa – ha detto il Papa – ha bisogno di noi anche affinché siamo uomini di pace e facciamo la pace con le nostre opere, i nostri desideri, le nostre preghiere: fare la pace, artigiani della pace. Per questo invochiamo la pace e la riconciliazione per i popoli che in questi tempi sono provati dalla violenza, dalla esclusione e dalla guerra”.

E ha concluso: “Grazie, Fratelli carissimi, grazie! Camminiamo insieme dietro il Signore, e lasciamoci sempre più convocare da Lui, in mezzo al Popolo fedele, al santo popolo fedele di Dio, alla santa madre Chiesa. Grazie”.

Come sempre diamo un resoconto della Celebrazione con i twitt dell’account dell’Ufficio Stampa: “E’ appena iniziato con la processione introitale, in primo concistoro per la creazione dei nuovi Cardinali da parte di Papa Francesco”;  Sorpresa grandissima: “Papa Benedetto è presente in Basilica”;

Inizio della Celebrazione: “inizio del Concistoro con il segno di croce e il saluto liturgico”; “saluto del Neo Cardinale Parolin a #papafrancesco“; “ora viene proclamato il Vangelo di Marco: “Noi saliamo a Gerusalemme dove il Figlio dell’uomo verrà consegnato in mano ai nemici”; “L’assemblea ascolta attentamente la proclamazione della Parola di Dio”; “”il Figlio dell’uomo venuto per dare la vita per molti”; “Inizio dell’omelia di Papa Francesco”; “Gesù camminava davanti a loro. Anche in questo momento Gesù cammina avanti a noi”; “Lui ci precede e ci apre la via! Questa è la gioia camminare dietro a lui. Seguirlo”; “Camminare – costruire – confessare. Oggi ritorna questa parola come l’azione di Gesù che continua”; “Gesù cammina molto e istruisce i suoi lungo il cammino. Gesù non insegna una ideologia, ma una via, una strada da percorrere insieme”; “La strada si impara camminando. Non è comodo ne facile camminare con Gesù, perchè lui sceglie la strada della croce. #papafrancesco“; “Gesù ha vinto, non dobbiamo avere paura della croce nella quale abbiamo la nostra speranza. #papfrancesco“; “Quando si pensa al modo mondano, subentrano le rivalità, le invide, le fazioni. #papafrancesco“; “Lungo il cammino Gesù si ferma e chiama a se i suoi discepoli. Lasciamo convocare da lui. Ascoltiamolo con la gioia di accogliere la parola”; “La Chiesa ha bisogno di voi, della vostra collaborazione, e prima ancora della comunione, del coraggio per annunciare il Vangelo”. “La Chiesa ha bisogno della vostra preghiera, della compassione soprattutto in questo momento di dolore e sofferenza in tanti paesi del mondo”; “Dobbiamo lottare contro ogni discriminazione. La Chiesa ha bisogno della nostra preghiera per loro, per reagire al male con il bene”; “La Chiesa ha bisogno di noi per il desiderio di pace. Fare la pace. Invochiamola per i popoli che sono provati dalla violenza”; “Camminiamo insieme dietro il Signore e lasciamoci convocare da Lui, nella Santa Madre Chiesa. #papafrancesco“.

“Il Papa proclama i nomi dei nuovi Cardinali. #papafrancesco“; “I nuovi Cardinali recitano insieme il Credo, la professione di fede della Chiesa nel Padre, nel Figlio, nello Spirito Santo, nella Chiesa”; “Ora si passa al giuramento dei Cardinali al Romano Pontefice”; “Papa Francesco benedice le insegne cardinalizie”; “Il Papa comincia a consegnare le berrette e gli anelli ai nuovi cardinali”;  “Ora è il momento di Mons. Poli, successore di Papa Francesco alla Cattedra di Buenos Aires”; “I neo Cardinali scambiano il segno di pace con il Collegio Cardinalizio”. La Celebrazione si è conclusa con il canto del Pater noster, la benedizione e l’invocazione alla Vergine.

Pubblichiamo di seguito l’elenco del Titolo o della Diaconia assegnati dal Santo Padre Francesco a ciascuno dei nuovi Cardinali nel momento della creazione nel Concistoro Ordinario Pubblico di questa mattina:

 TITOLI O DIACONIE DEI NUOVI CARDINALI

1. Cardinale Pietro PAROLIN, Titolo dei Santi Simone e Giuda Taddeo a Torre Angela

2. Cardinale Lorenzo BALDISSERI, Diaconia di Sant’Anselmo all’Aventino

3. Cardinale Gerhard Ludwig MÜLLER, Diaconia di Sant’Agnese in Agone

4. Cardinale Beniamino STELLA, Diaconia dei Santi Cosma e Damiano

5. Cardinale Vincent Gerard NICHOLS, Titolo del Santissimo Redentore e Sant’Alfonso in via Merulana

6. Cardinale Leopoldo José BRENES SOLÓRZANO, Titolo di San Gioacchino ai Prati di Castello

7. Cardinale Gérald Cyprien LACROIX, I.S.P.X., Titolo di San Giuseppe all’Aurelio

8. Cardinale Jean-Pierre KUTWA, Titolo di Sant’Emerenziana a Tor Fiorenza

9. Cardinale Orani João TEMPESTA, O.Cist., Titolo di Santa Maria Madre della Provvidenza a Monte Verde

10. Cardinale Gualtiero BASSETTI, Titolo di Santa Cecilia

11. Cardinale Mario Aurelio POLI, Titolo di San Roberto Bellarmino

12. Cardinale Andrew YEOM SOO-JUNG, Titolo di San Crisogono

13. Cardinale Ricardo EZZATI ANDRELLO, S.D.B., Titolo del Santissimo Redentore a Valmelania

14. Cardinale Philippe Nakellentuba OUÉDRAOGO, Titolo di Santa Maria Consolatrice al Tiburtino

15. Cardinale Orlando B. QUEVEDO, O.M.I., Titolo di Santa Maria «Regina Mundi» a Torre Spaccata

16. Cardinale Chibly LANGLOIS, Titolo di San Giacomo in Augusta

17. Cardinale Loris Francesco CAPOVILLA, Titolo di Santa Maria in Trastevere

18. Cardinale Fernando SEBASTIÁN AGUILAR, C.M.F., Titolo di Sant’Angela Merici

19. Cardinale Kelvin Edward FELIX, Titolo di Santa Maria della Salute a Primavalle.

 

PER APPROFONDIRE (con l’elenco dei nuovi Cardinali)

Benedetto XVI presente in Basilica per i nuovi 19 Cardinali creati da Francesco

 

 

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome