Papa Francesco a Napoli – LIVE TV in diretta con i Papaboys (Video a cura del Ctv)

LIVE TV – Segui in diretta con noi dei Papaboys il ‘LIVE’ su web degli incontri di Papa Francesco in questa giornata di sabato 21 marzo 2015 nel viaggio a Napoli.

Seguiremo insieme la giornata del Santo Padre in Terra di Campania, con le dirette messe a disposizione dal servizio streaming You Tube del Centro Televisivo Vaticano ed inoltre con speciali e reportage nelle varie sezioni del sito PAPABOYS 3.0 , oltre che sui network sociali dell’Associazione, Facebook, Twitter, Google + ed Instagram.

A tutti voi auguriamo di cuore una buona visione!
.
VISITA PASTORALE DEL SANTO PADRE FRANCESCO: 21 marzo 2015

ore 7.00Partenza in elicottero dall’eliporto del Vaticano
ore 8.00Atterraggio nell’Area Meeting del Santuario di PompeiAlla scaletta dell’elicottero il Papa è accolto da:mons. Tommaso Caputo, arcivescovo di Pompei e delegato pontificio per il SantuarioSig. Nando Uliano, sindaco di PompeiIn auto, il Papa raggiunge il Santuario di Pompei

ore 8.15In Santuario:
Preghiera del Papa
Terminata la preghiera,
il Papa ritorna all’elicottero per trasferirsi a Napoli
ore 9.00Atterraggio nel campo sportivo comunale di ScampiaIl Papa è accolto:card. Crescenzio Sepe, arcivescovo di NapoliStefano Caldoro, presidente della Regione CampaniaGerarda Maria Pantalone, prefetto di NapoliLuigi De Magistris, sindaco di NapoliIn auto, il Papa raggiunge piazza Giovanni Paolo II
ore 9.30Scampia – piazza Giovanni Paolo II:Incontro con la popolazione del Rione e con diverse categorie socialiSalutiDiscorso del Papa

ore 10.15Il Papa, al termine del discorso, lascia il Rione Scampia, e in auto si trasferisce a piazza Plebiscito
ore 11.00Piazza Plebiscito:
Concelebrazione eucaristicaOmelia del PapaSaluto del card. Crescenzio Sepe, arcivescovo di Napoli

Terminata la celebrazione della Santa Messa, trasferimento in auto alla Casa Circondariale di Poggioreale

ore 13.00Casa Circondariale “Giuseppe Salvia” a Poggioreale:Il Papa è accolto da:1. Antonio Fullone, direttore2. Gaetano Diglio, comandante3. don Franco Esposito, cappellanoLungo il corridoio che conduce alla cappella, il Papa saluta i rappresentati della direzione, della polizia penitenziaria, dei dipendenti.Nella Cappella: pranzo con una rappresentanza dei detenutiParole del PapaIl Papa lascia la Casa Circondariale di Poggioreale e raggiunge l’Arcivescovado
ore 14.30Sosta in Arcivescovado
ore 15.00In Duomo:Venerazione delle reliquie di San GennaroIncontro con il Clero ed i ReligiosiDiscorso del Papa

ore 15.45Uscito dal Duomo, il Papa si trasferisce in auto alla Basilica del Gesù Nuovo.
ore 16.15Basilica del Gesù Nuovo: Incontro con gli Ammalati
Discorso del Papa
Al termine dell’incontro con gli ammalati, il Papa raggiunge in auto il lungomare Caracciolo
ore 17.00Lungomare Caracciolo: Incontro con i giovani
Saluti
Discorso del Papa

Al termine, trasferimento in auto alla Stazione Marittima

ore 18.15Stazione Marittima:
Il Papa si congeda dalle autorità che lo hanno accolto all’arrivo
Decollo da Napoli
ore 19.00Atterraggio all’eliporto del Vaticano

 

Alle 11 la concelebrazione eucaristia:
certamente centinaia di migliaia di persone affolleranno la piazza antistante la basilica di San Francesco di Paola, come accadde per la visita di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI.

La visita prosegue con il trasferimento al carcere di Poggioreale dove, nella cappella trasformata in refettorio, Francesco ha scelto di pranzare insieme con i detenuti.

Alle 14.30 trasferimento in Curia, a largo Donnaregina, dove il pontefice riposerà per circa mezz’ora, prima di essere accompagnato al duomo dove venererà le reliquie di San Gennaro e incontrerà il clero, i religiosi e le religiose.

Alle 16.15, preghiera e conforto per gli ammalati nella chiesa del Gesù Nuovo mentre, alle 17, sul lungomare Caracciolo, l’incontro con i giovani.

«Per questo la comunità cristiana ha iniziato un cammino di preparazione – spiega Sepe – coinvolgendo le parrocchie, gli oratori, i centri di pastorale giovanile e le scuole. Per l’organizzazione dell’appuntamento – aggiunge – sarà messo in piedi un comitato del quale faranno parte un esponente per ognuna delle istituzioni coinvolte».

«Un programma molto fitto – ha affermato il sindaco De Magistris – il tempo è poco, ma Napoli dovrà farsi trovare al meglio e lo farà. La presenza del papa è un passaggio importante e un momento di riscatto per la nostra città».

Alle 18.15, alla stazione marittima, il Papa si congeda con le autorità e decolla da Napoli. Stanziato un contribuito dalla Regione Campania per la visita papale. «C’è una legge regionale con la quale è stato stabilito un contributo rivolto ai cittadini – spiega il presidente Caldoro – per garantire il massimo dell’accoglienza, dello spazio, della sicurezza, tutti gli aspetti che sono legati ai primi soccorsi. Per una visita così importante è un piccolo contributo».

[box]GLI ARTICOLI DEL NOSTRO SPECIALE:

[/box]



SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome