Home News Sancta Sedes Papa Francesco a Carpi e Mirandola: l'attesa della gente nella gioia e...

Papa Francesco a Carpi e Mirandola: l’attesa della gente nella gioia e preghiera

Grande l’attesa per la visita di Papa Francesco questa domenica a Carpi e a Mirandola, due comuni dell’Emilia colpita nel 2012 dal terremoto che fece 28 morti e grandi danni ad edifici e aziende. Il Papa partirà alle 8.15 dall’eliporto vaticano e circa un’ora e mezzo dopo atterrerà al campo di rugby “Dorando Pietri” a Carpi. Il rientro nel tardo pomeriggio.

 

Sarà la rinascimentale Piazza Martiri, a Carpi, a fare da cornice alla Messa di Papa Francesco domenica mattina. A contribuire al clima di festa che già si respira, la Cattedrale restaurata dopo il terremoto ed inaugurata appena sabato scorso. Testimonianza concreta che dalle macerie si può ricostruire e che il terremoto non ha l’ultima parola. Dopo l’Angelus, la benedizione delle prime tre pietre di tre nuovi edifici nella Diocesi: la parrocchia di Sant’Agata in Carpi, la Casa di esercizi spirituali di Sant’Antonio in Novi e la “Cittadella della carità” in Carpi. Quest’ultima, ospiterà gli uffici della Caritas, ma sarà anche un aiuto per le famiglie in difficoltà, per i giovani, e soprattutto un centro di accoglienza per i padri separati con problemi economici. Intorno alle 13 il Papa pranzerà presso il Seminario vescovile con i vescovi della Regione, i sacerdoti anziani residenti nella Casa del Clero e i seminaristi. Poi l’incontro con sacerdoti, religiosi, religiose e seminaristi. Quindi, si recherà per breve tempo nella Cattedrale prima di trasferirsi in auto a Mirandola, dove sosterà nella Piazza antistante l’ingresso del Duomo, ancora inagibile in seguito al sisma. Qui farà un discorso alle popolazioni colpite dal terremoto. In questi territori molto è stato ricostruito anche se mancano, appunto, alcuni centri storici e chiese. E l’ultimo appuntamento, prima del rientro in Vaticano, sarà proprio l’omaggio floreale al monumento che ricorda le vittime del terremoto nella zona adiacente alla parrocchia di San Giacomo Roncole di Mirandola.

A Carpi si attendono circa 60-70mila persone. La macchina organizzativa va avanti a pieno ritmo. Forte la presenza anche dell’Unitalsi, con 3.500 partecipanti. C’è grande voglia di incontrare il Papa o mandargli il proprio saluto, testimonia don Ermanno Caccia, parroco e responsabile dell’ufficio stampa della Diocesi nell’intervista di Debora Donnini.

 






R. – Abbiamo tanti ammalati in fase terminale, che anche attraverso le cappellanìe che abbiamo negli ospedali, richiedono di far arrivare il saluto al Santo Padre. Consegneremo due sacchi pieni di lettere e preghiere per Papa Francesco. Addirittura ieri abbiamo ricevuto una richiesta da parte di un paesino di montagna, dell’Appennino di Modena, che tra l’altro non è della nostra Diocesi, per portare tutta la scuola dell’infanzia a vedere Papa Francesco. Sono attestazioni della grande simpatia e del grande amore che c’è nei confronti di Papa Francesco.

D. – A Carpi che aria si respira?

R. – Di gioia e di attesa: è un cantiere. Siamo una piccola diocesi – 100mila persone – ma saremo invasi da un reggimento per noi: 400 e più gli accreditati della stampa nazionale e internazionale.

D. – Nel pomeriggio a Mirandola il Papa parlerà alle popolazioni colpite dal terremoto del 2012. Quindi vedrà anche i parenti delle vittime, tra loro anche dei musulmani: è così?

R. – Sì, c’è una famiglia musulmana di un operaio che durante l’evento sismico perse la vita. Incontrerà le famiglie dei defunti. È un messaggio che, attraverso una parola poco ricordata e tante volte nascosta che è la morte e il dolore, riesce ad unire ogni uomo, sia esso musulmano, induista o cristiano. All’interno della comunità civile, Mirandola piuttosto che Carpi, hanno grosse presenze di convivenza pachistane, indiane, che vivono e collaborano insieme.




A cura di Debora Donnini per radiovaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,853FansLike
19,463FollowersFollow
9,785FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo di oggi, 26 Ottobre 2020

Vangelo. Lettura e Commento alla Parola di Lunedì, 26 Ottobre 2020

Vangelo del giorno - Domenica, 26 Ottobre 2020 Lettura e commento al Vangelo di oggi, 26 Ottobre 2020 - Lc 13,10-17: "Questa figlia di Abramo...