Home News Italiae et Ecclesia Papa a Redipuglia, Vescovi friulani: 'pellegrino di riconciliazione e pace'

Papa a Redipuglia, Vescovi friulani: ‘pellegrino di riconciliazione e pace’

Francesco_a_Redipuglia_2_300x215FRIULI VENEZIA GIULIA- REDIPUGLIA – “Grande gioia e profonda gratitudine” per la visita di Papa Francesco al Sacrario militare di Rediuglia e al Cimitero austro-ungarico di Fogliano-Redipuglia, il prossimo 13 settembre”. La esprimono, in un messaggio, i vescovi del Friuli Venezia Giulia: Carlo Roberto Maria Redaelli (Gorizia), Andrea Bruno Mazzocato (Udine), Giampaolo Crepaldi (Trieste) e Giuseppe Pellegrini (Concordia-Pordenone). I presuli ricordano che il primo conflitto mondiale “ha mostrato in maniera particolarmente evidente la tragica inutilità del ricorso al conflitto armato e alla violenza per la soluzione di problemi sociali, economici e politici fra i popoli e le nazioni. La ricerca della giustizia e la promozione dell’autentico sviluppo sociale sono il frutto invece di cuori aperti al bene di un dialogo sincero e rispettoso volto a discernere il bene di tutti e di ciascuno nelle diverse condizioni storiche dei popoli e delle nazioni”. Un secolo dopo “Papa Francesco viene, pellegrino di riconciliazione e di pace nelle nostre terre di confine così fortemente segnate dalla violenza delle due guerre mondiali”. “La sua presenza – scrivono i vescovi – c’inviterà a riconoscere che anche l’attuale legittimo desiderio dei popoli di pace, giustizia e sviluppo in ogni parte del mondo è legato all’esperienza della fede nella misericordia di Dio per l’umanità”.“I fedeli di qualunque religione – e questo vale soprattutto per noi cristiani – non possono che pregare per la pace, invocandola come dono di Dio, ed essere, a loro volta, uomini di pace”. Per questo i presuli invitano “tutti i fedeli delle nostre diocesi e gli uomini e le donne di buona volontà a unirsi alla preghiera di Papa Francesco e ad accogliere il suo magistero di pace. Preghiamo per i tanti conflitti che insanguinano ancora oggi l’umanità e che continuano a lasciare dietro di sé troppe vittime inermi. Con grande sofferenza e trepidazione, invitiamo a innalzare suppliche in particolare per le sorelle e fratelli cristiani che stanno subendo inique persecuzioni a causa della nostra fede. Il loro ingiusto dolore risvegli le coscienze nostre e di coloro che hanno responsabilità in campo sociale, politico, economico, perché operino per la realizzazione della giustizia, difendendo i più deboli e non cadendo mai nella tentazione della violenza”. fonte: Agensir

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,853FansLike
19,405FollowersFollow
9,779FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

San Giovanni da Capestrano, 23 Ottobre 2020

Il Santo di oggi 23 Ottobre: San Giovanni da Capestrano, Frate....

Oggi ricordiamo San Giovanni da Capestrano Giovanni da Capestrano è stato un religioso italiano dell'Ordine dei Frati Minori Osservanti; è stato proclamato santo dalla Chiesa...