Padre Pio non ti abbandona mai, e stanotte vuole benedire te e la tua famiglia.

Pensieri e catechesi di Padre Pio sulla famiglia – Onora il padre e la madre

La materia circa il quarto comandamento è vastissima. Riguarda i figli, ma implica anche i doveri dei genitori verso i figli. Proprio la categoria genitori rappresenta, indubbiamente, la fascia più ampia tra coloro che si sono inginocchiati in quella chiesina per il sacramento della riconciliazione.

Ai genitori insegnava la fedeltà a Dio e tra loro: è la chiave dell’educazione dei figli. Dio guida, illumina, sostiene i genitori fedeli al sacramento del matrimonio.

Le testimonianze di una madre possono dare una sintesi profonda, completa e interessante sul problema dei doveri dei genitori e sulla formazione dei figli secondo Padre Pio. La mamma si chiama Lucia M. Scrive:

Una volta, in un momento di buio, mi capitò di trovarmi a San Giovanni Rotondo e di potermi confessare dal Padre. Ne approfittai per presentargli la mia stanchezza a causa dell’assillo quotidiano nella cura della numerosa famiglia: otto figli, allora.

Il Padre mi ascoltò, e poi, con tono forte e insieme affabile, mi disse: «Ma tu che cosa vuoi… Lo sai che madre è sinonimo di martire?». Era un rimprovero e un conforto nello stesso tempo. Mi richiamava illuminandomi e consolandomi: il buio che avevo dentro si dissolse alla luce della missione eroica di madre; lo sconforto si trasformò in gioia nell’intravedere l’aureola del martirio sul mio compimento dei doveri materni.

Non c’è bisogno di dire che il Signore e la Madonna mi hanno sempre sostenuto in questo martirio quotidiano, tanto più quando i figli diventarono tredici. Questo aiuto mi divenne così naturale che non ci facevo più caso, e facevo tutto da me.

Una volta il Padre mi richiamò anche su questo: «Figlia mia, non credere alle tue forze, perché è tutto l’aiuto di Dio che ti sostiene, altrimenti non ce la faresti per nulla a portare avanti la famiglia con i tuoi dieci figli». Allora erano dieci.

«Padre, io prego tanto poco, perché mi tocca affannarmi di tante cose. So che dovrei pregare molto, ma come devo fare?»… La risposta di Padre Pio mi venne svelta e sorprendente: «Figlia mia, dalla mattina alla sera stai sempre a pregare i tuoi dieci figli di comportarsi bene, di fare questo e di non fare quello…: non è preghiera quella? Come fai a dire che non preghi?». Così conclude la signora: «Sì, solo il Signore è la nostra forza. Ce lo ha detto lui stesso»: «Senza di me non potete fare nulla».




Ecco ancora la stessa madre, che prosegue nella sua testimonianza:

La Provvidenza divina e la povertà erano carissime a Padre Pio. Non le separava mai e cercava di farle amare sempre insieme. La Provvidenza fa chinare Dio verso le creature. La povertà fa elevare i cuori delle creature a Dio. La Provvidenza assicura il pane quotidiano, la salute necessaria, il lavoro indispensabile per la vita. La povertà assicura il distacco da questo esilio, la speranza nella patria dei cieli, il guadagno dei beni celesti, come disse Gesù.

Queste riflessioni mi sono venute spontanee ripensando a una lontana confessione con Padre Pio. Si era allora nei tempi più tristi dell’ultima guerra mondiale. La scarsità dei mezzi di sostentamento pesava dolorosamente su tutti. Nella nostra famiglia si era ridotti persino a dormire su tavole, coperti alla meglio, senza molte delle cose ritenute necessarie.

In quella confessione, me ne lamentai col Padre, esprimendo la mia grande pena nel vedere, soprattutto i bambini, dormire a quel modo, senza poter provvedere in nessun modo. Ricordo che Padre Pio prima mi ascoltò attentamente, poi mi chiese deciso: «Ma i tuoi bambini stanno tutti bene, sì o no?». «Sì, Padre, stanno veramente tutti bene». «E allora? Ci sono di quelli che tengono i loro figli nell’ovatta, con tutte le comodità, e ne hanno sempre una addosso; i tuoi bambini, invece, non hanno dove dormire, ma stanno sempre bene: che vuoi di più?»… Conclude la signora: «Giusto. Povertà e Provvidenza, ossia ricchezza di grazia e di salute. Che cosa volere di più?».

.

.

In altra circostanza la signora chiede al Padre come comportarsi per far pregare i figli: «Padre, come debbo fare, mi accorgo che pregano male, si distraggono con facilità; c’è chi scappa da una parte, chi fugge dall’altra; i più grandi tendono a sfuggire alla preghiera; chi pensa a scherzare. Padre, come fare, che fare?». «Tienili stretti! Tienili stretti!».




La signora conclude e commenta: «La natura dei figli segue la sua china comoda degli istinti ciechi e i ragazzi ne sono vittime inesperte, se non vengono tenuti a freno con la disciplina. Responsabili siamo noi genitori a cui tocca questo vigile sforzo di “tenerli stretti”. Compito duro, è vero, ma doveroso quanto mai, poiché si tratta della salute primaria dei nostri figli».

La catechesi di Padre Pio a mille mamme era quella della sacra famiglia di Nazaret e quella del testo di Matteo, per cui quando si fa la volontà del Padre celeste nella famiglia, ogni donna diventa sorella e madre di Cristo come Maria e quindi ricca dell’arte dell’educazione dei figli. Era il cammino della perfezione a cui egli indirizzava. Non era uscito Padre Pio da genitori che avevano onorato i loro doveri verso i figli?

.



.

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome