Padre Pio, Bernardo di Chiaravalle e quella ferita sulla spalla di Cristo

Erano due grandi santi in uno spirito di preghiera e dolorosamente dedicati a una ferita della Passione di Cristo, Che cosa hanno in comune il mistico medievale San Bernardo di Chiaravalle e il moderno monaco San Padre Pio?

Bene, entrambi sono santi e condividono l’eterna ricompensa che Dio ha preparato per loro. Ma in aggiunta, i due avevano una sincera devozione per un flagello di Cristo.São Bernardo Chiaravalle, un mistico francese e abate che ha contribuito a rinnovare il cistercense nel 12 ° secolo, ha riportato un colloquio con il Signore che è stato registrato a Clairvaux Minuti convento. Pregò, chiedendo a Gesù quale fosse stata la sua più grande sofferenza non registrata; e il Signore gli disse:
“Avevo una ferita alla spalla sulla quale avevo portato la croce, e questa ferita era più dolorosa delle altre. Gli uomini non lo menzionano, perché è sconosciuto a loro. Onora lei, e ti concederò tutto ciò che mi chiedi per la sua virtù. Tutti quelli che lo venerano otterranno la remissione dei loro peccati veniali e grazie efficaci per ottenere il perdono dei peccati mortali che hanno commesso “.

Padre Pio era conosciuto come un confessore e un sant’uomo che per più di 50 anni aveva manifestato le ferite di Cristo (stimmate) sulle sue mani e sui suoi piedi.In un libro pubblicato in italiano da convento di San Pio dal titolo Il Papa e Il Frate, l’autore Stefano Campanella ha detto che il futuro San Pio aveva avuto una conversazione molto interessante con Karol Wojtyla, il futuro Papa Giovanni Paolo II.

Secondo Campanella, padre Wojtyla chiese a Padre Pio quale delle sue ferite causasse più dolore. Padre Wojtyla sperava che Padre Pio dicesse che era la sua ferita al petto; ma Padre Pio rispose: “È la mia ferita sulla spalla, che nessuno sa e non è mai stata guarita o curata”.Nel 2008, a 40 anni dalla morte di Padre Pio, l’autore Frank Rega scrisse di Padre Pio:Una volta a Padra [sic] aveva affidato a Fratello Modestino Fucci, ora portiere del convento di Padre Pio a San Giovanni Rotondo, in Italia, che i suoi più grandi dolori avvenivano quando cambiava i suoi vestiti. Il fratello Modestino, come padre Wojtyla, pensava che Padre Pio si riferisse ai dolori della ferita al petto. Quindi, il 4 febbraio 1971, a fratello Modestino fu assegnato il compito di fare un inventario di tutti gli oggetti del defunto sacerdote nella cella del convento, così come i suoi effetti personali negli archivi. Quel giorno scoprì che in una delle vesti di Padre Pio aveva una macchia di sangue sulla spalla destra.

Quella stessa notte, il fratello Modestino pregò Padre Pio di chiarire il significato della camicia insanguinata. Chiese al Padre di dargli un segnale se Cristo avesse davvero una lesione alla spalla. Poi andò a dormire, svegliandosi alle 1 del mattino con un terribile, angosciante dolore alla spalla, come se fosse stato tagliato con un coltello all’osso della sua spalla. Sentiva che sarebbe morto di dolore se avesse continuato, ma solo per poco tempo. Poi la stanza si riempì del profumo di un profumo celeste di fiori – il segno della presenza spirituale di Padre Pio – e sentì una voce che diceva: “Questo è quello che dovevo soffrire!”

San Bernardo di Chiaravalle, dopo aver ricevuto il messaggio di Cristo sul dolore che ha sperimentato sulla sua spalla, ha cercato di promuovere la devozione alla ferita sulla spalla di Cristo.

PUOI LEGGERE ANCHE 

Gesù disse a San Bernardo: ‘Ogni grazia concederò per la piaga della mia spalla’. Recita oggi questa preghiera


Red

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome