Padre di 4 figli, non ha soldi e gli staccano luce e gas. Viene salvato da un Angelo

Staccano gas e luce a una famiglia con quattro bambini, perché in arretrato con i pagamenti delle bollette: un anonimo benefattore, salda il debito.

Una storia di vera umanità viene dal Veneto, precisamente da Conselve.

E’ la mattina del 7 dicembre quando allo sportello degli uffici della società Centro Veneto Energie (CVE) di piazza XX Settembre, arriva un uomo residente nel territorio, di cui non si conoscono troppi dettagli, che spiega all’operatore di essere rimasto senza gas e senza corrente da quella stessa mattina.

A seguito di una verifica, è emerso il mancato pagamento di alcune bollette, per un importo totale di 600 euro.

Davanti a tale situazione l’uomo ha chiesto il pagamento rateizzato delle bollette in quanto padre di 4 figli.

Davanti all’impossibilità di un pagamento con tali modalità, si è allontanato piangendo.

Un uomo dietro di lui, che ha assistito alla scena, ha chiesto a quanto ammontasse l’importo da pagare, decidendo di saldare in maniera anonima il debito.

«Saldo io – avrebbe detto – però aspettate a comunicarglielo, perché voglio restare anonimo e non voglio che colleghi l’operazione alla mia persona. Però voi fate in modo che possa riavere subito luce e gas».

Molte volte perdiamo speranza nel genere umano, ma sono le storie come queste a riaccenderci una piccola fiamma di speranza.

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome