Home News Terra Sancta et Oriens Siria, la guerra si ferma un attimo. Il mondo spera. Preghiamo per...

Siria, la guerra si ferma un attimo. Il mondo spera. Preghiamo per la pace

Pubblicità

Sembra tenere la tregua entrata in vigore in Siria alle 19 di ieri (le 18 italiane), secondo quanto concordato da Stati Uniti e Russia. Come annunciato dall’esercito di Damasco, la tregua resterà in vigore per sette giorni, ovvero fino al prossimo 19 settembre.

Pubblicità

lapressefo_52503809_300

Attuata per consentire la consegna di aiuti umanitari alla popolazione delle zone assediate compresa Aleppo, la tregua non riguarderà i jihadisti del Daesh e i miliziani legati ad al-Qaeda del gruppo noto come Fronte al-Nusra, che ora si fa chiamara Jabhat Fateh al-Sham.

Pubblicità

Se la tregua reggerà per sette giorni, come ci si auspica, Mosca e Washington inizieranno a lanciare attacchi coordinati contro Daesh e Jabhat Fateh al-Sham. L’Esercito libero siriano (Els) si è detto pronto a “collaborare per la tregua”, dicendosi comunque preoccupato per il giovamento che il governo di Damasco trarrà da questa pausa di sette giorni dei combattimenti.

ANALISI Ecco tutte le incognite dell’intesa (Fabio Carminati)

VOCI DA ALEPPO. È scarsa la fiducia che alcuni abitanti di Aleppo, città assediata dal 2012 nella Siria settentrionale, ripongono nella tregua. Ogni volta che una cessazione delle ostilità viene annunciata, raccontano all’agenzia di stampa Xinhua, i ribelli traggono vantaggio dalla situazione per aumentare i propri uomini e prendere nuove armi. Di conseguenza, fallisce qualsiasi tentativo di arrivare a una pace duratura. “Sono contro la tregua – afferma Ibrahim Khalil, 43 anni e padre di due figli – Ogni volta che c’è una tregua i ribelli si ricompattano, ottengono armi e poi riprendono a colpire Aleppo. Ogni volta che c’è una tregua, i civili sono quelli che ne pagano il prezzo”. Per contro c’è chi, come il commerciante Muhammad Burri, dice di “sperare che la tregua venga rispettata e credo che lo sarà. È l’unico modo per uscire da questa violenza. Credo che andrà bene e che la tregua metterà fine a questa strage”.

Siria




CINQUE ANNI DI GUERRA. Dati ufficiali Onu indicano che la guerra esplosa nel marzo del 2011 in Siria ha causato la morte di oltre 250mila persone e ne ha costrette 4,8 milioni a lasciare il Paese. Ma il numero delle vittime, come ha fatto trapelare lo stesso inviato Onu per la Siria Staffan de Mistura, nella realtà è molto più alto.




Redazione Papaboys (Fonte www.avvenire.it)

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,916FansLike
17,749FollowersFollow
9,751FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo del giorno 10 Luglio 2020

Leggi e medita il Vangelo di Venerdì 10 Luglio 2020. Lettura...

Vangelo del giorno - Venerdì, 10 Luglio 2020 Lettura e commento al Vangelo di Venerdì 10 Luglio 2020 - Mt 10,16-23: "Non siete voi a...