Omofobia? Ascoltiamo e parliamone su Radio Kaos

linguaggio-imparare-parlare-bambiniROMA – Ho ricevuto un invito da Radio Kaos per questo giovedì 27 marzo, per una trasmissione sull’omofobia ed i problemi annessi. Forse qualche benpensante storcerà il naso per la partecipazione ad un programma con ospiti che sulla carta dovrebbero essere lontani dalle nostre idee, ma forse, con un po’ di ascolto ed un po’ di confronto-incontro si potrebbero percorrere nuove vie di giustizia e pace: è il mio augurio!

Partiamo da un presupposto che reputo importante: il 27 marzo 2012 moriva, dopo un mese di coma, DANIEL MAURICIO ZAMUDIO. Aveva 24 anni. La sua morte la deve a quattro neonazisti suoi coetanei. Lo conoscevano e sapevano che Daniel era GAY. Un ottimo motivo per massacrarlo. Daniel non è una vittima solamente dell’omofobia, Daniel è un martire moderno della società malata. Come lo sono i bambini non nati a causa dell’aborto. Tutti martiri. Daniel incluso, ovviamente.

IL PROGRAMMA (il comunicato mi è stato inviato dalla redazione)

Su www.radiokaositaly.com, GIOVEDI’ 27 MARZO la puntata di “CON” sarà interamente dedicata all’OMOFOBIA, il vero assassino di DANIEL. Molti gli ospiti in studio e in collegamento telefonico e skype:

– DANIELE VENTURI, Presidente dell’Associazione PAPABOYS;

– DARIO ACCOLLA, attivista gay e scrittore (autore di due testi sulla questione omosessuale in Italia);

– la DOTTORESSA PSICOLOGA ANNAMARIA ACOCELL

– FRANCO BARBERO (ex sacerdote, ridotto allo stato laicale)

Interverrà anche il PROFESSOR FRANCO FERRAROTTI.

Gli ascoltatori potranno, come sempre, intervenire in diretta tramite la chat del nostro sito, o tramite il nostro contatto skype (conrki) anche in chiamata, per raccontare la propria esperienza, esprimere la propria opinione o anche solo per fare delle domande ai nostri ospiti.

OVVIAMENTE TUTTO QUESTO SU WWW:RADIOKAOSITALY.COM – La trasmissione, in onda tutti giorni, si chiama”CON” dalle ore 10,00 alle ore 12,00. Il primo vero talk-show in una web-radio. Usate il nostro codice QR per ascoltarci immediatamente – in diretta.

RADIO KAOS

kaos

Vorrei spendere anche due parole per Radio Kaos, nome originale che è già tutto un programma, ma esce dal cuore dei giovani, e quindi, anche con una piccola e semplice presenza, vorrei sostenerla!

Radio Kaos Italy è una web-radio indipendente nata nel 2009, con lo scopo di individuare e diffondere, per lo più, quelle realtà artistiche, culturali, musicali e dell’underground italiano e internazionale.

L’identità distintiva di RKI è strettamente connessa alla sua mission che vede nei seguenti obiettivi e finalità le linee e i valori guida per le proprie strategie culturali:

  • produrre e trasmettere format di intrattenimento e di approfondimento musicale;

  • sostenere le espressioni della creatività e del talento, in particolare delle nuove generazioni;

  • promuovere attività di formazione, aggiornamento, specializzazione, perfezionamento, ricerca e qualificazione nel campo artistico, musicale e -ovviamente- radiofonico (speakeraggio, tecnico del suono, regia…);

  • promuovere lo sviluppo e la diffusione delle attività musicali e teatrali, anche in un’ottica di promozione turistica dell’immagine del nostro territorio, in base a un progetto artistico di rete e integrato, quale fattore di crescita culturale, civile, sociale ed economica della collettività;

  • dare visibilità alle minoranze linguistiche offrendo la possibilità agli stranieri residenti in Italia di andare in onda in lingua madre, con delle proprie trasmissioni.

  • Infatti RKI produce e trasmette format in inglese, tedesco, polacco e cinese.

In virtù del proprio impegno nei confronti delle minoranze linguistiche, nel 2010 RKI crea il progetto Radio Kaos ItaLIS: un intero canale dedicato ai sordi e al loro mondo, curato e gestito prevalentemente da sordi con la collaborazione di normudenti, allo scopo di promuovere l’integrazione e il dialogo tra le due realtà. L’obiettivo principale di Radio Kaos ItaLIS è il sostegno per l’approvazione della LIS – Lingua Italiana dei Segni. Numerose sono state le tappe della campagna di sensibilizzazione, alcune delle quali hanno portato i ragazzi di Radio Kaos ItaLIS alla ribalta nazionale. Piace qui segnalare, in particolare, come RKI abbia promosso la petizione “io segno” (change.org/iosegno) e come questa sia stata presentata anche ad alte cariche istituzionali quali il Presidente della Camera (Laura Boldrini) e il Presidente del Senato (Pietro Grasso) che hanno personalmente ricevuto la dirigenza della Radio insieme ai ragazzi sordi della Redazione. Gli stessi hanno calcato l’importante palcoscenico a Piazza San Giovanni del Concerto del Primo Maggio 2013 al fianco di Daniele Silvestri; hanno avuto accesso agli studi di Radio Deejay insieme al Trio Medusa artisti questi che hanno riflettuto su scala nazionale l’impegno e la passione nel promuovere il più possibile questa realtà.

Negli anni, la missione di integrazione tra le diverse culture e i diversi linguaggi ha attirato l’attenzione di personaggi del mondo dello spettacolo, tra cui Marco Baldini, Roberto Ciufoli, Federico Guglielmi e Antonio Rezza, solo alcuni tra gli ospiti illustri ai microfoni dell’emittente.

 Mi auguro che troverete un po’ di tempo per ascoltarci! di Daniele Venturi

Nella foto che segue: Un ritratto/selfie di DANIEL MAURICIO ZAMUDIO, 24 anni. La sua vita è stata interrotta dopo essere stato torturato per sei ore da quattro coetanei che si dichiararono neo-nazisti. La sua unica “colpa”: quella di essere gay. Il 27 marzo 2012, dopo 25 giorni di coma, DANIEL moriva.

10001345_724327690932213_1225257410_n

 

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome