Home News Corpus et Salus Ogni giorno una Lode a Maria, 5 agosto 2020, Madonna di Copacabana,...

Ogni giorno una Lode a Maria, 5 agosto 2020, Madonna di Copacabana, prega per noi!

Il suo santuario, di Nostra Signora di Copacabana, sulle rive del lago Titicaca, a 160 chilometri dalla capitale boliviana La Paz, è uno dei più antichi d’America e attualmente è un importante centro di pellegrinaggi. Francisco Tito Yupanqui, lo scultore della Vergine di Copacabana, potrebbe diventare il primo santo boliviano.

Ci troviamo sulle rive del Lago Titicaca, nel territorio del dipartimento di La Paz, qui si trova uno dei più antichi santuari del continente, all’interno del quale è contenuta l’immagine della Vergine Morena di Capocabana, venerata in tutto il sud America anche con altri nomi, quali Virgen de la Candelaria, Virgen de Copacabana o Virgen negra.

A metà del 16 ° secolo, gli abitanti di Copacabana sono stati divisi in due gruppi: gli Anansayas, i nuovi arrivati Inca, che veneravano la Vergine Maria e gli Urinsayas, i residenti tradizionali della regione che veneravano San Sebastian . Nonostante la conversione al cristianesimo, hanno continuato un attaccamento alla loro religione originaria.

La Vergine dei Boliviani
La Vergine dei Boliviani

L’indigeno Francisco Tito Yupanqui (il costruttore della statua della Madonna di Capocabana) nacque probabilmente tra il 1540 e il 1550 nella zona che ora è la città di Copacabana, e morì a Cuzco (Perù) nel 1616. Con la sua famiglia, discendente degli Inca Huayna Cápac, (Anansayas) venne evangelizzato dai missionari cattolici domenicani.

Secondo la tradizione cattolica locale, Yupanqui ricevette una visione notturna di una donna con un bambino tra le braccia e in seguito ne riprodusse i tratti del volto, con le caratteristiche delle indigene, per cui l’immagie è nota anche come la “Virgen morena”.

Da qui l’idea di creare un’immagine della Madonna, credendo che avrebbe influenzato la popolazione locale. Utilizzando argilla, e assistito da suo fratello Filippo, Francisco Tito ha creato l’immagine della Vergine. La scultura fu posta a lato dell’altare dal parroco, padre Antonio de Almedio. Quando Antonio lasciò Copacabana, fu don Antonio Montoro che prese in carico la parrocchia, ma scontento dell’aspetto della scultura grossolana e sproporzionata, ordinò che fosse rimossa dall’altare per essere collocata in un angolo della sacrestia .

Francisco Tito sentendosi umiliato e consultatosi con i parenti, andò a studiare a Potosi dove si trovavano i maestri dell’arta sacra. Francisco Tito YupanquiAcquistò esperienza nella scultura e nella lavorazione del legno. Con questa abilità, decise di creare una migliore immagine della Vergine. Prese spunto dalla Vergine del Rosario che si trova nel Convento di Santo Domingo. Prima di iniziare il lavoro fece dire una Messa in onore della Santissima Trinità per ottenere la benedizione divina sul suo lavoro.

Venne formata la confraternita della Vergine Maria, ma non vollero accettare la scultura di Francisco Tito, che decise di venderla. La notizia raggiunge il sacerdote di Copacabana a La Paz che il 2 febbraio 1583, portò l’immagine di Maria sulle colline di Guaçu. Ne seguirono una serie di miracoli attribuiti alla Vergine, tra cui anche il salvataggio di un gruppo di minatori indigeni che stavano lavorando nelle miniere del “Cerro Rico”, in Potosí, ne fecero uno dei più antichi santuari mariani nelle Americhe, insieme a Guadalupe in Messico.

Dal 1925, la Vergine è, peraltro, la santa Patrona della Bolivia. I Boliviani, ma anche i peruviani, si recano numerosi a Copacabana per ottenere la benedizione della Vergine nera.

I postulatori della causa di beatificazione di Yupanqui sono i sacerdoti René Vargas e Daniel Rocha. Per lo storico boliviano Fernando Cajías de la Vega, “si può provare il miracolo per il modo in cui ha unificato il suo popolo, per la devozione di gente di ogni classe sociale, ma soprattutto per la sua fede indistruttibile”.

Nel 1754, un marinaio in preda ad una tempesta al largo del Brasile, implorò la Madonna di Copacabana di soccorrerlo. Salvato dai flutti, le consacrò una cappella nel luogo dove sarà costruito un forte, nei pressi della futura e famosa spiaggia di Copacabana.

La Vergine dei Boliviani
La Vergine dei Boliviani

Il 1 ° agosto 1925, durante la Pontificia visita del Papa Pio XI per la Bolivia, l’immagine della Vergine di Copacabana è stata benedetta e incoronata.

Il 21 maggio 2011 si è avviato il processo di beatificazione di Francisco Tito Yupanqui, nella Basilica di Nostra Signora di Copacabana. Se la causa avrà un esito positivo, l’indio nato nel XVI secolo diventerà il primo beato boliviano.

Festeggiata il 2 febbraio giorno della Purificazione di Maria, o festa della Virgen de la Candelaria. Lei è anche venerata il 5 agosto con la sua liturgia e festa popolare.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,905FansLike
18,956FollowersFollow
9,769FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

News recenti

angelus

Papa Francesco: ‘Dio vuole che nessuno sia escluso dal suo disegno...

Dio agisce così anche oggi: continua a chiamare chiunque, a qualsiasi ora, per invitare a lavorare nel suo Regno. Questo è lo stile di...