Ogni giorno una lode a Maria – 26 Settembre – La Sicilia, regno di Maria

Ogni giorno una lode a Maria – 26 Settembre – La Sicilia, regno di Maria

(Formula di consacrazione all’Immacolata letta dal Presidente della Regione Siciliana)

madonna dell udienza.

Vergine Santissima, Madre di Dio e degli uomini, io, indegno servo tuo, quale Presidente della Regione, in nome mio e in nome di tutto il popolo dell’Isola ardente, mi prostro dinanzi al tuo altare e ti proclamo ancora una volta Presidio e Decoro di Sicilia. Uniti di mente e di cuore sotto il tuo sguardo misericordioso, in questa sera, effondiamo la nostra riconoscenza profonda e commossa per avere fatta tua la nostra diletta terra, che hai difeso, protetto, beneficato largamente nel corso dei secoli.

Le cento e cento chiese erette in tuo onore, le innumerevoli immagini che ti rappresentano, con illimitato sforzo di artisti, nella tua sovrana bellezza e ineffabile bonta’, i canti che i nostri poeti hanno elevato al tuo Trono di Regina e di Madre sono per noi le piu’ care memorie e l’eredita’ piu’ preziosa. Deh, accetta, Vergine purissima, il nostro omaggio di figli che ti amano e ti vogliono amare sempre piu’.

LODE A MARIA

Pentiti delle nostre colpe ci rivolgiamo a Te, Rifugio dei peccatori, Speranza dei desolati, Consolatrice degli afflitti, perche’ Iddio abbia di noi pieta’.

lode a maria

La causa dell’eterna salvezza e’ difficile e percio’ l’affidiamo a Te, dolce e potente Avvocata nostra. Non voler piangere piu’! Tutti ci stringiamo a Te intorno per consolarti con la nostra vita onesta, paziente e pia, in conformita’ al Vangelo di giustizia e di amore del tuo divin Figlio e nostro fratello Gesu’ Cristo. Siamo stati finora timidi nel bene, ma d’ora innanzi col tuo aiuto saremo migliori, o Vergine purissima,, Madre inviolata e intemerata, saremo piu’ partecipi della tua amicizia e piu’ pratici della nostra fede e della tua inimicizia assoluta e perpetua contro lo spirito del male.

Quale dono offrirti a testimonianza della nostra entusiastica devozione e del nostro immenso amore?

Eccelsa Signora, sovrana dell’universo, stella del mare, specchio di giustizia e sede della sapienza, “termine fisso di ogni consiglio”, vita, dolcezza e speranza nostra, accogli l’offerta dei nostri cuori. Gli abitanti dell’Isola, dal monte Pellegrino all’Etna, dal capo Passero al Lilibeo, si riconsacrano al tuo Cuore Immacolato.

A Te le nostre anime, a Te il tempo che ci rimane di vita in questa valle di dolore, a Te il nostro passato perche’ ci usi clemenza, il nostro presente perche’ Tu ci sia di conforto, il nostro avvenire per sentirci sicuri.

Amen. Ave Maria!

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome