Oggi possiamo iniziare il Triduo per la Festa di tutti i santi!

Prepariamoci alla festa di tutti i Santi con un triduo di meditazione che ci possa indicare la strada per unirci un giorno alla Chiesa trionfante.

I giorno

L’angelo mi portò in spirito… e mi mostrò la città santa… risplendente della gloria di Dio…” (Ap. 21,10).

L’Angelo, sentinella alla prima porta orientale della Città celeste, grida: “Chi possiede l’Amore, entri alla festa eterna!”

L’Amore è stato effuso in noi dallo Spirito Santo nel Battesimo, è cresciuto con la grazia divina e la nostra cooperazione fino a produrre il dolce frutto della gioia di amare Dio, i fratelli, gli stessi nemici: si ama Dio senza interesse, per Lui, per la sua Bontà, per la sua bellezza, per la sua Unicità. E tutta la vita, anche la morte, diviene un atto di amore. (tratto da: “Vidi un Angelo ritto sul sole”, Ed. Ancilla)

(3 volte) Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen  

Tutti-i-Santi

II giorno

Trovai l’amato del mio cuore, Lo strinsi fortemente e non lo lascerò” (Ct 3,4). “Sono pervaso di gioia in ogni nostra tribolazione” (2Cor 7,4).

L’Angelo, sentinella alla seconda porta orientale della Città celeste, grida: “Chi possiede la Gioia, entri alla festa eterna!”

E’ la Gioia trionfante, conseguenza dell’Amore, dell’unione e del possesso dell’Amato, perchè chi ha la carità possiede Dio, E non gli manca nulla per essere felice in tutte le circostanze della vita; nè desidera altro, avendo nel suo cuore ogni pienezza.

Vi è forse una gioia maggiore di quella di amare Dio e di sentirsi da Lui amati? (tratto da “Vidi un Angelo ritto sul sole”, Ed. Ancilla)

(3 volte) Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Tutti-i-Santi

III giorno

“Vi lascio la pace, vi do la mia pace”. (Gv 14,27)

L’Angelo, sentinella alla terza porta orientale della città celeste, grida: “Chi possiede la Pace, entri alla festa eterna!”

La Pace rende perfetta la gioia, rasserenando tutte le facoltà dell’anima e i sentimenti del cuore.

Calma i desideri delle cose esterne e unifica in un solo affetto il nostro essere, in un assoluto abbandono al volere di Dio. (tratto da “Vidi un Angelo ritto sul sole”, Ed. Ancilla)

(3 volte) Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo, com’era nel principio, ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Seguiamo la via del Cielo, preparato per noi da Dio fin dall’eternità.

SPERO IN TE SIGNORE

Mio Dio, io credo in Te, perchè Tu sei la stessa Verità.

Spero in Te, perchè tu sei infinitamente buono e fedele alle tue promesse.

Ti amo con tutto il cuore sopra ogni cosa, perchè Tu sei infinitamente perfetto, e amo il mio prossimo come me stesso. Libera, Ti supplico, le Anime sante dal Purgatorio per tuo amore.

L’eterno riposo dona a loro Signore, risplenda ad essi la luce perpetua riposino in pace. Amen 

ALLA MADONNA DEL BUON CONSIGLIO

(per il buon esito degli studi o degli esami)

Vergine prudentissima che presso il Tempio del Signore fosti tanto premurosa d’istruirci nella scienza dei divini misteri, impiegando per questo tutte le tue ammirabili facoltà volgi uno sguardo di misericordia a me, tuo indegno figlio, che mi affatico nello studio quotidiano per arricchire la mia mente ed avanzare nella via del sapere. Quanto mi è necessario, o Maria, il tuo potente aiuto per vincere le difficoltà degli studi e riuscire vittorioso nelle prove alle quali mi preparo!

Madonna_del_Buon_Consiglio

O Madre del Buon Consiglio, rischiara il mio intelletto, avvalora la mia memoria, fortifica la mia volontà e sorreggi il mio cuore, affinché non abbiano ad essere vani gli sforzi e i sacrifici compiuti per la mia istruzione.

Tu, che si la Sede della Sapienza, non permettere che la preparazione a cui aspiro diventi un giorno motivo di orgoglio, ma fa che i miei sforzi non abbiano mai altro scopo fuorché quello di dar gloria al Signore, provvedere onestamente al mio avvenire e procurare ai miei cari che si occupano di me per farmi studiare, le meritate consolazioni.

A Te dunque mi affido, o Maria, nell’ardua prova degli studi e degli esami. Vieni in mio soccorso, assistimi nei limiti umani e non mi lasciare finché, riportata vittoria, possa con gioia deporne la palma ai tuoi piedi benedetti e riceverne in premio un tuo dolce sorriso e la tua materna benedizione. Così sia.

Nostra Signora dei buoni studi, prega per noi.  

(Indulgenza parziale ogni giorno)

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome