Oggi la Chiesa italiana celebra la nona giornata di custodia del creato

2014-09-01-Giornata-del-CreatoCREATO – “Auspico che si rafforzi l’impegno di tutti, istituzioni, associazioni e cittadini, affinché sia salvaguardata la vita e la salute delle persone anche rispettando l’ambiente e la natura”.

Lo ha detto, ieri mattina, Papa Francesco, dopo la recita dell’Angelus, ricordando che oggi, lunedì 1 settembre, in Italia, si celebra la Giornata per la custodia del creato, promossa dalla Conferenza episcopale.

Il tema di quest’anno, ha sottolineato il Pontefice è molto importante: “Educare alla custodia del creato, per la salute dei nostri paesi e delle nostre città”.


Per approfondire e comprendere lo spirito della Giornata, vi riproponiamo la lettura del messaggio per questa giornata dei Vescovi Italiani.

Messaggio per la 9ª Giornata per la custodia del creato (1° settembre 2014) 


“Educare alla custodia del creato, per la salute dei nostri paesi e delle nostre città”

“Si spergiura, si dice il falso, si uccide, si ruba, si commette adulterio, tutto questo dilaga e si versa sangue su sangue. Per questo è in lutto il paese e chiunque vi abita langue, insieme con gli animali selvatici e con gli uccelli del cielo; persino i pesci del mare periscono” (Os 4,2-3).


Sembra scritta per i nostri tempi questa tremenda pagina di Osea. Raccoglie tante nostre dolorose analisi e ben descrive lo smarrimento che vivono molti territori inquinati in Italia e nel mondo. Se infatti viene spezzata l’armonia creata dall’alleanza con Dio, si spezza anche l’armonia con la terra che langue, si diventa nemici versando sangue su sangue e il nostro cuore si chiude in paura reciproca, con falsità e violenza.
L’alleanza resta così la categoria fondamentale della nostra fede, come ci insegna tutto il cammino della Bibbia: la fedeltà a Dio garantisce la reciproca fraternità e si fa ancora più dolce la bellezza del creato, in luminosa armonia con tutti gli esseri viventi.
È quel giardino in cui Dio ha collocato l’uomo, fin dall’inizio, perché lo custodisse e lo lavorasse.
Scrive papa Francesco: “Come esseri umani, non siamo meri beneficiari, ma custodi delle altre creature. Mediante la nostra realtà corporea, Dio ci ha tanto strettamente uniti al mondo che ci circonda che la desertificazione del suolo è come una malattia per ciascuno e possiamo lamentare l’estinzione di una specie come fosse una mutilazione! Non lasciamo che al nostro passaggio rimangano segni di distruzione e di morte che colpiscono la nostra vita e le future generazioni” (Evangelii gaudium 215). 

Ecco il link al messaggio completo:

http://www.chiesacattolica.it/cci_new/documenti_cei/2014-06/17-3/Messaggio%20Giornata%20custodia%20creato%202014.pdf

 

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome