Home News Italiae et Ecclesia Oggi 24 Giugno 2020 è la Solennità della Natività di San Giovanni...

Oggi 24 Giugno 2020 è la Solennità della Natività di San Giovanni Battista

24 Giugno – Natività di San Giovanni Battista

Solennità della Natività di san Giovanni Battista, precursore del Signore. Già nel grembo della madre, ricolma di Spirito Santo, esultò di gioia alla venuta dell’umana salvezza. La sua stessa nascita fu profezia di Cristo Signore; in lui tanta grazia rifulse, che il Signore stesso disse a suo riguardo che nessuno dei nati da donna era più grande di Giovanni Battista.

La Natività

Giovanni Battista è l’unico santo, insieme alla Vergine Maria, di cui si celebra non solo la morte (il dies natalis, cioè la nascita alla vita eterna), ma anche la nascita terrena. 

Sappiamo che la festa della Natività di San Giovanni Battista era celebrata il 24 giugno fin dai tempi di Sant’Agostino (354-430).

Il culto e l’alto onore tributato dalla Chiesa al grande Battista col celebrarne la natività è certo un segno della grandezza di questo uomo santificato prima ancora della sua nascita.

Fonte principale sulla vita e la figura del Battista sono i Vangeli. Essi affermano che era figlio di Zaccaria e di Elisabetta, e fu generato quando i genitori erano in tarda età. La notizia è interpretabile come a sottolineare l’eccezionalità del personaggio. La sua nascita fu annunciata dallo stesso arcangelo Gabriele che diede l’annuncio a Maria.

L’Angelo del Signore apparve a Zaccaria nel tempio, egli si turbò alla vista del celeste messaggero, ma questi con voce dolce e soave:

«Non temere, gli disse, o Zaccaria, perché le tue preghiere sono state esaudite e la tua moglie Elisabetta darà alla luce un figliuolo a cui porrai nome Giovanni. Egli sarà per te di allegrezza e di giubilo, e molti per la sua nascita si rallegreranno poichè sarà grande al cospetto dell’Altissimo… sarà ripieno dello Spirito Santo e precederà dinanzi al Signore con lo spirito e la potenza di Elia».

Zaccacaria rispose: «Ma come avverrà questo, se io e la mia moglie siamo vecchi?».

L’angelo rispose: «Io sono Gabriele che sto al cospetto di Dio, e sono stato inviato ad annunciarti questa bella notizia, ma giacché hai esitato, rimarrai muto fino a tanto non sia compiuto quello che ti ho detto». Zaccaria riacquistò la parola dopo che il bambino fu nato e, durante il rito della circoncisione, gli fu imposto il nome di Giovanni, come l’angelo aveva ordinato.

Quando la Vergine Maria, nell’Annunciazione, fu avvisata dall’Arcangelo Gabriele che sua cugina Elisabetta era incinta andò subito a trovarla.

Si dice che Giovanni, alla vicinanza di Maria e di Gesù, balzò di gioia nel ventre materno; Elisabetta salutò la cugina con le famose parole «benedetta fra le donne» e «madre del mio Signore». Maria rispose intonando l’inno del Magnificat.

Quest’ultimo episodio è ricordato nella dottrina cristiana come la Visitazione e sarebbe avvenuto nel sesto mese di gravidanza di Elisabetta; questo ha permesso di fissare la nascita di Giovanni tre mesi dopo il concepimento di Gesù e dunque sei mesi prima della sua nascita.

LEGGI: Lettura e Commento al Vangelo di oggi 24 Giugno

Natività di San Giovanni Battista - 24 Giugno
Natività di San Giovanni Battista – 24 Giugno

Giovanni e Gesù

Le sue relazioni con il Salvatore sono intime. È Giovanni che lo battezza nel Giordano: ancora lui che lo mostra ai discepoli con quelle parole: «ecco l’Agnello di Dio, ecco colui che toglie i peccati dal mondo». E a chi, stupito della sua vita e della sua predicazione, domandava: «Sei tu il Messia?» rispondeva: «Io sono la voce di colui che grida nel deserto: raddrizzate le vie del Signore. Io non sono il Cristo: ma fui mandato innanzi a lui. Bisogna che Egli cresca e che io diminuisca».

E Giovanni diminuì veramente. Dopo aver additato il Messia, insegnato ad ogni ceto di persone il modo di ricevere il Salvatore, venne arrestato e decapitato in odio alla verità

La sua vita mortificatissima trascorsa quasi tutta nel deserto e nella predicazione del regno messianico, fanno di San Giovanni uno dei santi più grandi.

Giovanni è ricordato come “il Precursore” o “il più grande dei profeti”

Redazione Papaboys

 

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,061FansLike
20,431FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

shoah.ricordare.27.gennaio.2021.

Religione 2.0: Che COS’E’ la SHOAH? A cosa serve RICORDARE? La...

Che cos'è la Shoah? Perché ogni anno, il 27 gennaio, si celebra la 'Giornata della Memoria'? Che cosa dobbiamo ricordare? Oggi vogliamo scoprire insieme a...