Pubblicità
HomeTestimoniumOggi, 19 Luglio, è la festa Sant'Arsenio, patrono dei maestri. Devozione, Miracoli,...

Oggi, 19 Luglio, è la festa Sant’Arsenio, patrono dei maestri. Devozione, Miracoli, Preghiera

Sant’Arsenio, “Padre del Deserto”: vita e preghiera

Sant’Arsenio il Grande è stato un eremita e uno dei Padri del deserto; è patrono dei maestri.

La storia

Arsenio era nato a Roma intorno al 354 dalla nobile famiglia senatoria dei “Surculi”, fu allievo di San Girolamo e conobbe anche l’insegnamento di Sant’Agostino e, per l’immensa conoscenza, soprattutto del greco, fu consigliato da papa Damaso, che lo aveva ordinato diacono della Chiesa di Roma, all’imperatore Teodosio I come precettore (insegnante) per i suoi due figli, Arcadio ed Onorio.

Nel 383 si recò a Costantinopoli e qui rimase per undici anni, durante i quali fu senatore e primo consigliere di Teodosio. I rapporti con Arcadio però non erano per niente buoni, spesso veniva trattato male e una volta il figlio dell’imperatore gli preparò una congiura.

In seguito a questi episodi, Arsenio, ebbe una profonda crisi spirituale, durante la quale, chiedendo a Dio la via per la salvezza sentì una voce che diceva “fuggi gli uomini” e così decise di abbandonare, nel 394, la Corte.

Secondo una leggenda, aveva a sua disposizione cento servitori, per ritirarsi nel deserto egiziano di Scete, vicino Alessandria.

Sant'Arsenio, "Padre del Deserto": vita e preghiera
Sant’Arsenio, “Padre del Deserto”: vita e preghiera

Si stabilì presso una comunità di anacoreti a Scete, un deserto vicino Alessandria, di cui era abate San Giovanni Nano. Quest’ultimo, appena Arsenio arrivò, volle metterlo alla prova e constatare il suo temperamento lanciandogli un tozzo di pane: il santo lo prese e ringraziò.

Durante i pasti aveva il vizio di sedere con le gambe accavallate, atteggiamento non idoneo a un monaco, e Giovanni Nano, non avendo il coraggio di dirglielo personalmente, disse a colui che sedeva vicino ad Arsenio in refettorio di assumere lo stesso atteggiamento e, al pasto successivo, notando ciò Arsenio capì e si corresse.

La tradizione vuole che un giorno un ufficiale si recò da lui per consegnargli il testamento di un suo parente morto pochi mesi prima, che lo nominava suo erede; Arsenio rispose: “È da più lungo tempo che io stesso sono morto, come potrei dunque io essere suo erede?“, e così affermò di essere morto al mondo e rifiutò l’immensa eredità che gli spettava.

Trascorreva notti intere a pregare e a meditare, soprattutto intorno alla morte, ed è per questo che nell’iconografia tradizionale viene raffigurato con una ghirlanda di bacche di cipresso in mano, essendo il cipresso legato alla morte. La sua preghiera era fatta più di lacrime che di parole, avendo lui avuto da Dio il “dono del pianto”.

Molti erano i cristiani che intraprendevano lunghi viaggi e pellegrinaggi da tutto l’impero per avere un colloquio con Arsenio, le cui risposte erano rare e monosillabiche e finivano per scoraggiare gli interlocutori. Lui non amava rompere la rigida osservanza del silenzio, pensando che non si poteva parlare contemporaneamente con Dio e con un’altra persona, e non voleva rinunciare a Dio.

Arsenio stette a Scete per quaranta anni e successe a San Giovanni Nano come abate del cenobio.

Dal 434 al 450, probabile data della morte, Arsenio visse lontano dalla tranquilla Scete, invasa da tribù libiche. Si recò a Troe, presso Menfi; nel 444 si ritirò nel monastero di Canopo ad Alessandria e tre anni dopo ritornò a Troe, dove il 19 luglio del 449 o, più probabilmente, del 450 morì.

Arsenio è ricordato come uno dei più celebri “padri del deserto”; di lui ci sono pervenute sagge massime, riferite da Daniele di Pharan, amico di due suoi discepoli, e raccolte nel “De Magno Arsenio” di San Teodoro Studita; di lui ci resta anche un ritratto.

(prosegue dopo il video)

Supplica a Santa Maria Goretti

Per iscriverti gratuitamente al canale YouTube della redazionehttps://bit.ly/2XxvSRx ricordati di mettere il tuo ‘like’ al video, condividerlo con gli amici ed attivare le notifiche per essere aggiornato in tempo reale sulle prossime pubblicazioni.
Non dimenticare di iscriverti al canale (è gratuito) ed attivare le notifiche

Culto e Miracoli

In Italia Sant’Arsenio è molto venerato nel paese omonimo, di cui è patrono che si trova in provincia di Salerno.

Qui, nella chiesa collegiata di Santa Maria Maggiore, il 14 maggio del 1857 la statua lignea del santo abate, opera dello scultore estense Giacomo Colombo, trasudò e un fiore di tela che si trovava nella mano del santo ravvivò i suoi colori, sbiaditi dal tempo.

Subito si gridò al miracolo; la popolazione commossa accorreva in chiesa al suono delle campane insieme a gente proveniente dai paesi vicini, per constatare il prodigio e bagnare i fazzoletti del liquido che continuava a trasudare dalla statua.

Fu rogato un atto dal notaio Vincenzo Giallorenzi della vicina Polla, che fu firmato da tutti i presenti.

C’era però chi attribuiva al fenomeno cause puramente fisiche: le abbondanti piogge di quel mese avevano reso l’atmosfera soprassatura di vapore acqueo che, in contrasto con il grande caldo di quei giorni, condensatosi sulla statua l’aveva bagnata.

Quest’ipotesi però fu subito messa in discussione: perché ciò era successo soltanto alla statua di Sant’Arsenio abate e non alle altre presenti nella chiesa, fra cui statue non protette da una nicchia, come quella del santo patrono, e a contatto diretto con l’aria? Non si potrà mai sapere quale sia la verità, certo è che questo fenomeno è attestato come miracolo dalla Chiesa cattolica ed è accettato come tale anche da quella ortodossa. (Fonte it.wikipedia.org)

LEGGI ANCHE: Ecco cosa accade quando fai la Comunione: 7 effetti ‘incredibili’ dell’Eucarestia su di te…

Preghiera a Sant’Arsenio

Nel nome del Padre, del Figlio, e dello Spirito Santo. Amen.

O Signore, che infondesti al tuo servo Sant’Arsenio il desiderio di fuggire dal mondo, concedi anche a noi di saper resistere alle tentazioni, così da meritare l’eterna beatitudine.

Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia fatta la tua volontà come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Amen.

Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen.

Sant’Arsenio, prega per noi.

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
9,967FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

L'Angelus di Papa Francesco del 29 Giugno 2021

Papa Francesco all’Angelus: perchè cerchiamo il Signore? Alcune volte la fede...

"Una prima domanda che possiamo farci tutti è: perchè cerchiamo il Signore? Perchè cerco io il Signore? Tra le tante tentazioni della vita -...