Pubblicità
HomeNewsItaliae et EcclesiaOggi, 17 Settembre, la Chiesa ricorda le Stimmate di San Francesco: ecco...

Oggi, 17 Settembre, la Chiesa ricorda le Stimmate di San Francesco: ecco la potente supplica per chiedere grazie

San Francesco d’Assisi, Impressione delle Stimmate

Le Stimmate, come quelle di San Francesco, indicano il fenomeno della riproduzione parziale o totale delle cinque piaghe di Cristo, segni perenni della sua Passione, sul corpo di alcuni santi o personaggi mistici.

Oggi, 17 Settembre, la Chiesa ricorda l’Impressione delle sacre Stimmate (ferite dei chiodi e della lancia che trafissero Gesù sulla croce), che, per grazia di Dio, furono impresse nelle mani, nei piedi e nel costato di san Francesco, Fondatore dell’Ordine dei Minori. Fu il primo cristiano ad essere stigmatizzato nella storia. L’evento prodigioso è accaduto sul Sul monte della Verna, in Toscana, nel 1224.

Il racconto:

Gli apparve un uomo, in forma di Serafino, con le ali, librato sopra di lui, con le mani distese ed i piedi uniti, confitto ad una croce. Due ali si prolungavano sopra il capo, due si dispiegavano per volare e due coprivano tutto il corpo. A quell’apparizione il beato servo dell’Altissimo si sentì ripieno di una ammirazione infinita, ma non riusciva a capirne il significato.

San Francesco era invaso anche da una viva gioia e sovrabbondante allegrezza per lo sguardo bellissimo e dolce col quale il Serafino lo guardava, di una bellezza inimmaginabile; ma era contemporaneamente atterrito nel vederlo confitto in croce nell’acerbo dolore della passione. Si alzò, per così dire, triste e lieto, poiché gaudio e amarezza si alternavano nel suo spirito. Cercava con ardore di scoprire il senso della visione, e per questo il suo spirito era tutto agitato. Mentre era in questo stato di preoccupazione e di totale incertezza, ecco: nelle sue mani e nei piedi cominciarono a comparire gli stessi segni dei chiodi che aveva appena visto in quel misterioso uomo crocifisso.

Le sue mani e i piedi apparvero trafitti nel centro da chiodi, le cui teste erano visibili nel palmo delle mani e sul dorso dei piedi, mentre le punte sporgevano dalla parte opposta. Quei segni poi erano rotondi dalla parte interna delle mani, e allungati nell’esterna, e formavano quasi una escrescenza carnosa, come fosse punta di chiodi ripiegata e ribattuta. Così pure nei piedi erano impressi i segni dei chiodi sporgenti sul resto della carne. Anche il lato destro era trafitto come da un colpo di lancia, con ampia cicatrice, e spesso sanguinava, bagnando di quel sacro sangue la tonaca e le mutande”.

San Francesco d'Assisi
San Francesco d’Assisi

Il celebre monaco Thomas Merton, così commenta:

L’aver Francesco ricevuto le Stimmate fu un segno divino che fra tutti i santi egli era il più somigliante a Cristo. Meglio di ogni altro era riuscito nell’opera di riprodurre nella sua vita la semplicità, la povertà e l’amore di Dio e degli uomini che caratterizzano la vita di Gesù. Conoscere semplicemente san Francesco vuol dire comprendere il Vangelo e seguirlo nel suo spirito sincero e integrale, è vivere il Vangelo in tutta la sua pienezza. San Francesco fu, come tutti i Santi devono cercare di essere, semplicemente un altro Cristo. Il Cristo risorto rivisse in modo perfetto in quel Santo, completamente posseduto e trasformato dallo Spirito della carità divina”.

Invochiamo il santo di Assisi con la seguente supplica:

O san Francesco, stimmatizzato della Verna,

il mondo ha nostalgia di te quale icona di Gesù crocifisso.

Ha bisogno del tuo cuore aperto verso Dio e verso l’uomo,

dei tuoi piedi scalzi e feriti, delle tue mani trafitte e imploranti.

Ha nostalgia della tua debole voce,

ma forte della potenza del Vangelo.

Aiuta, Francesco, gli uomini d’oggi a riconoscere

il male del peccato e a cercarne la purificazione nella penitenza.

Aiutali a liberarsi dalle stesse strutture di peccato,

che opprimono l’odierna società.

LEGGI ANCHE: San Francesco e la profezia. Ha ricevuto due rivelazioni da Gesù: ecco quali sono…

Oppure:

Glorioso San Francesco oggi ti eleggo
a mio speciale patrono:
sostieni in me la Speranza,
confermami nella Fede,
rendimi forte nella Virtù.

Aiutami nella lotta spirituale,
ottienimi da Dio tutte le Grazie
che mi sono più necessarie
ed i meriti per conseguire con te
la Gloria Eterna…

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,107FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Invoca San Giuseppe dormiente, a Lui affida i tuoi problemi! Preghiera della notte, tra il 12 ed il 13 febbraio 2021

San Giuseppe dormiente, la preghiera consigliata da Papa Francesco per risolvere...

La bellissima devozione a San Giuseppe, che tanto piace a Papa Francesco. Tu dormi e Lui risolve i problemi! Quello con San Giuseppe è un...