Home News Italiae et Ecclesia Oggi, 17 Febbraio 2021, è il Mercoledì delle Ceneri: significato e preghiera

Oggi, 17 Febbraio 2021, è il Mercoledì delle Ceneri: significato e preghiera

Mercoledì delle Ceneri: tutto quello che c’è da sapere

Il Mercoledì delle ceneri è il mercoledì precedente la prima domenica di quaresima che, nelle Chiese cattoliche di rito romano e in molte Chiese protestanti, coincide con l’inizio della quaresima, periodo liturgico “forte” a carattere battesimale e penitenziale in preparazione della Pasqua cristiana.

LEGGI ANCHE: Coronavirus. Papa Francesco: modificato il rito delle Ceneri a causa della pandemia

La ricorrenza

Il Mercoledì delle Ceneri è il giorno nel quale ha inizio la quaresima, il periodo di quaranta giorni che precedono la Pasqua di Risurrezione e nei quali la Chiesa cattolica invita i fedeli ad un cammino di penitenza, di preghiera, di carità per giungere convertiti al rinnovamento delle promesse battesimali, che si compirà appunto la Domenica di Pasqua.

Momento caratteristico della liturgia del Mercoledì delle Ceneri è lo spargimento, da parte del celebrante, di un pizzico di cenere benedetta sul capo dei fedeli. Si accompagna tale rito con le parole «Convertitevi e credete al Vangelo» (Mc 1,15), frase introdotta dal Concilio Vaticano II, mentre prima si utilizzava l’ammonimento, contenuto nel Libro della Genesi, «Memento homo, quia pulvis es et in pulverem reverteris» («Ricordati uomo, che sei polvere e in polvere ritornerai»).

Mercoledì delle Ceneri: significato e preghiera
Mercoledì delle Ceneri: significato e preghiera (Vatican News)

È consuetudine che le ceneri utilizzate per l’imposizione delle ceneri sul capo dei fedeli si ricavino dalla bruciatura dei rametti di palme o di ulivo benedetti in occasione della Domenica delle Palme, dell’anno precedente.

Altro aspetto caratteristico della liturgia che ha inizio il Mercoledì delle Ceneri è l’uso del colore viola per i paramenti sacri nonché il fatto che per tutto il periodo quaresimale non si canta l’Alleluia e non si recita il Gloria. (Fonte santodelgiorno.it)

Preghiera

L’umiltà di Cristo,

ci ha insegnato ad essere umili:

nella morte infatti si sottomise ai peccatori;

la glorificazione di Cristo

glorifica anche noi:

con la risurrezione infatti

ha preceduto i suoi fedeli.

Se noi siamo morti con lui

dice l’Apostolo vivremo pure con lui;

se perseveriamo,

regneremo anche insieme con lui. Amen.

Il commento al Vangelo del mercoledì delle Ceneri a cura di Don Lucio D’Abbraccio

Per iscriverti gratuitamente al canale YouTube della redazione: https://bit.ly/2XxvSRx ricordati di mettere il tuo ‘like’ al video, condividerlo con gli amici ed attivare le notifiche per essere aggiornato in tempo reale sulle prossime pubblicazioni.
Non dimenticare di iscriverti al canale (è gratuito) ed attivare le notifiche

 

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,986FansLike
20,877FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Le parabole di Gesù

Le parabole di Gesù. C’è qualcosa che ti pacerebbe scoprire?

Gesù dopo essere cresciuto a Nazareth è partito ed ha girato tutta la Palestina con una missione: annunciare a tutti chi è Dio e...