Pubblicità
HomeTestimoniumOggi, 16 Maggio, è Sant'Ubaldo: recita la supplica al vescovo contro la...

Oggi, 16 Maggio, è Sant’Ubaldo: recita la supplica al vescovo contro la pandemia

Sant’Ubaldo, vescovo di Gubbio: vita e preghiera

Sant’Ubaldo Baldassini è stato vescovo di Gubbio nel XII secolo ed è venerato come santo dalla Chiesa cattolica. Nel giorno della sua festa si svolge la nota “Corsa dei Ceri”.

La storia

Ubaldo Baldassini è nato intorno al 1085 a Gubbio, in Umbria. Alla morte del padre fu affidato allo zio, anch’egli Ubaldo, che lo avviò alla vita religiosa.

A lui non piacciono i canonici della cattedrale di San Mariano di Gubbio: preghiera poca e penitenza meno ancora; lo ospitano mentre pensa al sacerdozio, ma lì tira un’aria che può guastargli la vocazione. Così Ubaldo ritorna alla collegiata di San Secondo, dov’è stato già da ragazzo per i primi studi. Qui scopre Giovanni da Lodi, già monaco per quarant’anni a Fonte Avellana (Marche), poi vescovo di Gubbio per un anno solo, l’ultimo della sua vita.

Prende Ubaldo come collaboratore e lo rimanda proprio a San Mariano, perché metta in riga quei canonici bontemponi, anche se non è ancora prete. E lui ci riesce, col tempo e per gradi. Quei canonici, li raddrizza con le sue doti di persuasore e con la forza dell’esempio, al punto che sono poi loro a rieleggerlo priore per un decennio (e intanto è stato ordinato sacerdote).

Oggi, 16 Maggio, è Sant'Ubaldo
Oggi, 16 Maggio, è Sant’Ubaldo

Intorno al 1125, però, un incendio distrugge molte case di Gubbio e la stessa cattedrale, sicché i canonici devono disperdersi presso altre chiese. Non c’è più comunità: scoraggiato, Ubaldo pensa di farsi eremita, ma poi torna in città, lavora a ricostruire. Un anno dopo gli arriva la sorpresa: a Perugia è morto il vescovo, e al suo posto i perugini vogliono mettere lui. Reagisce fuggendo, arriva a Roma e supplica papa Onorio II di lasciarlo semplice prete. Per quella volta il Pontefice lo accontenta.

Ma quando a Gubbio muore il vescovo, non sente più ragioni e nomina lui a succedergli.

Quando nelle liti cittadine si pone mano alle armi, è pronto a mettere in gioco persino la vita per fermarle.

Nel 1154 Gubbio è attaccata da una coalizione di città umbre capeggiate da Perugia, ne esce vittoriosa, e se ne dà merito alle preghiere del vescovo. Nel 1155 l’esercito di Federico Barbarossa dà fuoco a Spoleto e poi assedia Gubbio: Ubaldo corre dall’imperatore, si parlano, e l’assedio viene sciolto, la città è salva.

In tutte queste crisi, Ubaldo chiama i cittadini alla preghiera, li fa sentire una cosa sola, li rassicura, evita il panico. Una strategia della fiducia che fa di lui una sorta di baluardo per la città.

LEGGI ANCHE: Le 6 ‘potenti’ invocazioni all’Angelo Custode per avere la Sua protezione ogni giorno…

La morte e il culto

Muore a Gubbio il 16 Maggio 1160; gli si attribuiscono profezie, miracoli, lo si proclama patrono. Già nel 1192 il papa Celestino III lo canonizza.

Il corpo, dapprima sepolto in cattedrale, nel 1194 viene trasferito in una chiesa sul monte Ingino (oggi Basilica di Sant’Ubaldo).

La Corsa dei Ceri

Ogni anno Gubbio festeggia Ubaldo con solenni riti religiosi e con una manifestazione all’aperto che unisce fede, gioia e fantasia. Da ricordare c’è la notissima “Corsa dei ceri”: tre “macchine” di legno con i loro portatori in costume che, dopo aver fatto dei giri circolari in Piazza Grande, sfilano per le vie cittadine a passo di corsa, salendo fino sul monte Ingino, luogo che custodisce i resti del patrono.

(Fonte santiebeati.it – Autore: Domenico Agasso)

Potrebbe interessarti anche questo video:

Per iscriverti gratuitamente al canale YouTube della redazionehttps://bit.ly/2XxvSRx ricordati di mettere il tuo ‘like’ al video, condividerlo con gli amici ed attivare le notifiche per essere aggiornato in tempo reale sulle prossime pubblicazioni.

Non dimenticare di iscriverti al canale (è gratuito) ed attivare le notifiche

Preghiera a Sant’Ubaldo

Nostro Padre Ubaldo,
tu che hai sofferto il timore,
il turbamento e l’umiliazione della malattia
proprio nel tempo della quaresima,
prega per noi e aiutaci a pregare con fiducia il Signore.

Custodisci le famiglie, i piccoli e gli anziani.
Riscalda i cuori di chi è solo in casa.
Proteggi i più fragili e deboli tra noi.
Difendi gli ammalati e i contagiati.
Sostieni i sanitari che lottano per curare tutti.
Incoraggia chi ha responsabilità per il nostro bene.
Consola chi ha subito la perdita di una persona cara.
Rafforza lo spirito di chi prega con fede.
Benedici ogni atto di amore che ci doniamo.
Aiutaci a credere nella forza della Pasqua!

Custode santo della nostra terra,
veglia su tutti i tuoi figli
e abbi cura di noi. Amen.

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
9,935FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

‘Coroncina all’Angelo Custode’ in compagnia di Papa Francesco. Preghiera della sera, 20 giugno 2021

‘Coroncina all’Angelo Custode’ in compagnia di Papa Francesco. Preghiera della sera,...

Una preghiera bellissima che recitiamo questa sera, 20giugno 2021, come preghiera per prepararci a chiudere la giornata, in compagnia di Papa Francesco. La coroncina all’Angelo...