Pubblicità
HomeTestimoniumOggi, 14 Maggio, la Chiesa festeggia Santa Maria Domenica Mazzarello: chiedile una...

Oggi, 14 Maggio, la Chiesa festeggia Santa Maria Domenica Mazzarello: chiedile una grazia!

Santa Maria Domenica Mazzarello: vita e preghiera

Santa Maria Domenica Mazzarello insieme a san Giovanni Bosco fondò l’Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice per l’educazione delle ragazze povere.

La storia

Maria Domenica nasce in una famiglia numerosa a Mornese il 9 maggio 1837. Era dotata di molta forza fisica e fin da ragazza lavorava nei campi con il padre Giuseppe: “Perché Dio non ci lasci mancare il pane, bisogna pregare e lavorare”, diceva lui.

Grazie all’educazione profondamente cristiana ricevuta in famiglia, Maria fa grandi sacrifici per incontrare quotidianamente Gesù nell’Eucaristia: “Senza di lui non potrei vivere”, diceva.

Nel 1860 arriva il tifo a Mornese e il suo confessore, don Pestarino, le chiede aiuto per curare alcuni parenti della famiglia Mazzarello. Maria accetta, ma si ammala. Guarisce inaspettatamente, perdendo però la forza fisica di un tempo, ma non la fede.

Camminando per strada ha una visione misteriosa: un grosso edificio con tante ragazze che corrono nel cortile, e una voce che le dice: “A te le affido”.

Santa Maria Domenica Mazzarello
Santa Maria Domenica Mazzarello

Non potendo più fare la contadina, d’accordo con l’amica Petronilla decide di diventare sarta, per insegnare alle ragazze povere a cucire. Lo Spirito Santo formò in lei un cuore materno. Prudente e saggia, educò le ragazze con amore preventivo.

Aperto il piccolo laboratorio – come capitò anche a don Bosco –, il Signore le inviò le prime orfane da accogliere. Arrivano le prime collaboratrici, che don Pestarino chiamerà Figlie dell’Immacolata.

Don Bosco arriva a Mornese con i suoi giovani nel 1864 per aprire un collegio per i ragazzi del paese, Maria lo guarda ed esclama: “Don Bosco è un santo, e io lo sento”.

Don Bosco quando visiterà il piccolo laboratorio delle Figlie dell’Immacolata ne resterà molto colpito.

Nasce l’Istituto Figlie di Maria Ausiliatrice

Il Papa Pio IX, incoraggia Don Bosco, che da anni coltiva in cuore il progetto di fondare un Istituto femminile, a decidere di fare per le ragazze quello che egli sta realizzando per i ragazzi. Con la saggia collaborazione di Don Pestarino, sceglie tra le Figlie dell’Immacolata le prime pietre fondamentali del futuro Istituto. Esse abiteranno nel collegio appena costruito a Mornese, che diviene la casa della nuova fondazione.

Il 5 agosto 1872 le prime undici giovani emettono la Professione Religiosa nelle mani del Vescovo di Acqui, Mons. Giuseppe Sciadra, alla presenza di Don Bosco. L’Istituto chiamato Figlie di Maria Ausiliatrice cresce rapidamente e suor Maria Mazzarello come Superiora si dimostra abile formatrice e maestra di vita spirituale.

Tra lei e Don Bosco vi è una sintonia profonda a livello carismatico: Maria Domenica ha una spiccata capacità educativa, il dono dell’allegria serena e rasserenante, e l’arte di coinvolgere altre giovani nell’impegno di dedicarsi alla promozione della donna, perché possa essere nella famiglia, nella Chiesa e nella società buona cristiana e onesta cittadina.

Nel 1877, condividendo l’ardore missionario dei Confratelli Salesiani, le prime sei Figlie di Maria Ausiliatrice partono per le missioni e fondano la Prima Comunità in Uruguay, a cui seguiranno dopo un anno le case in Argentina.

LEGGI ANCHE: La supplica per chiedere una grazia e l’intercessione a Don Bosco

La morte e il culto

Muore a Nizza Monferrato il 14 maggio 1881, all’età di 44 anni; alla sua morte l’Istituto contava già 165 suore e 65 novizie sparse in 28 case.

Fu beatificata da Pio XI nel 1938 e canonizzata da Pio XII il 24 giugno del 1951.

(Fonte santiebeati.it – Autore: Sac. Domenico Paternò Sdb)

Preghiera a Santa Maria Domenica Mazzarello

O Santa Maria Mazzarello, che corrispondendo alla grazia di Dio,

deste al mondo mirabile esempio d’innocenza e di pietà,

di zelo e di sacrificio per la gloria di Dio e la salvezza delle anime,

dal Cielo volgete lo sguardo pietoso alla mia presente necessità

e ottenetemi dal sommo Datore d’ogni bene la grazia ….

(si nomini la grazia che si desidera).

E se quello che domando non è secondo la gloria di Dio

e il vantaggio dell’anima mia,

ottenetemi almeno la rassegnazione ai divini voleri,

e insieme la grazia importantissima di piamente vivere

e di santamente morire. Così sia.

Pater, Ave, Gloria.

O Santa Maria Mazzarello, pregate per noi!

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
9,931FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

5 cose sulla Divina Misericordia

La potenza della Divina Misericordia spiegata in 5 punti da Santa...

5 frasi di Santa Faustina sulla Divina Misericordia La Chiesa ha il diritto e il dovere di rivolgersi alla misericordia di Dio ECCO 5 COSE CHE...