Pubblicità
HomeTestimoniumOggi, 10 Settembre, è la festa di San Nicola da Tolentino: miracoli...

Oggi, 10 Settembre, è la festa di San Nicola da Tolentino: miracoli e supplica per una grazia

San Nicola da Tolentino: miracoli e preghiera

San Nicola da Tolentino, al secolo Nicola di Compagnone, è stato un religioso italiano

La storia

Nasce nel 1245 a Sant’Angelo in Pontano (provincia di Macerata). I suoi genitori, pii cristiani e senza figli, fecero un pellegrinaggio a San Nicola di Bari per ottenere la grazia di avere un figlio che poi ricevettero. Diedero alla luce Nicola, chiamato così in onore del santo pugliese.

Fin dai primi anni è educato con sentimenti cristiani; assisteva e serviva volentieri la Santa Messa, ascoltava la parola di Dio e studiava le cose sacre.

Un giorno nella chiesa, udì un religioso di Sant’Agostino che predicava sulla vanità del mondo e ripeteva quel passo del Vangelo: «Cosa giova all’uomo guadagnare tutto il mondo se poi perde l’anima sua?» e: «Chi vuol essere mio discepolo, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua».

Nicola non attese altro: subito fece domanda di essere ammesso tra i figli di Sant’Agostino in quella città.

Fu accettato, prese l’abito religioso, e dopo un anno di noviziato si consacrò al Signore mediante i santi voti religiosi. Aveva 18 anni.

Nel convento riconfermò il proposito che fin da piccolo si era prefisso: rinnegare se stesso: cercava sempre gli uffici più umili, contento quando poteva eseguire la volontà altrui, e rinunziare alla sua.

Durante gli studi fu mandato in vari conventi del suo Ordine e a Cingoli fu ordinato sacerdote nel 1269.

Quando si trovava all’altare, la sua faccia si infiammava d’amore e abbondanti lacrime sgorgavano dai suoi occhi.

Le segrete comunicazioni della sua anima con Dio all’altare ed al confessionale gli facevano gustare anticipatamente le delizie della beatitudine celeste. Più tardi si recò a Tolentino dove passò i suoi ultimi anni.

Predicava quasi tutti i giorni e le sue prediche producevano frutti meravigliosi.

Nessuno poteva resistere alla forza e alla dolcezza dei suoi discorsi sia pubblici che privati.

Il Signore gli ha donato molti doni celesti ed operò molti miracoli. L’amore che portava a Dio infiammava talmente il suo cuore che sovente fu visto piangere sul pulpito.

San Nicola da Tolentino: miracoli e preghiera
San Nicola da Tolentino: miracoli e preghiera

La morte e il culto

Nel 1305, il 10 settembre, dopo una lunga malattia, morì all’età di 60 anni, pieno di virtù e di meriti.

Il processo di canonizzazione iniziò nel 1325 sotto papa Giovanni XXII, ma si concluse soltanto nel 1446 sotto papa Eugenio IV. Tuttavia già fin dalla metà del ‘300 veniva raffigurato con l’aureola (vedi ad esempio il cappellone della Basilica di Tolentino).

È considerato un santo mariano poiché sostenne di avere la visione degli angeli che trasportavano la Santa Casa di Loreto nella città marchigiana il 10 dicembre del 1294.

La sua protezione è invocata dai devoti per gli appestati, i naufraghi e i carcerati, ma in particolare per le anime del Purgatorio.

San Nicola è noto per i numerosi prodigi che gli sono stati attribuiti. Fu anche un famoso esorcista, uno dei pannelli della sua vita affrescati nel Cappellone di Tolentino mostra proprio Nicola che libera una donna indemoniata; questa sua facoltà rimase integra anche dopo la sua morte visto che numerosi ex voto lo indicano come guaritore di indemoniati. (Fonte santodelgiorno.it)

LEGGI ANCHE: Un nuovo miracolo di Padre Pio? Durante la recita del Santo Rosario un pezzo del suo guanto (reliquia) sanguina! VIDEO

Preghiera a San Nicola da Tolentino

Glorioso taumaturgo San Nicola, che nato per intercessione del grande Santo di Bari, non solo ne hai portato il nome, ma ne hai imitato le sue virtù, eccoci davanti a te per invocare la tua intercessione di essere fedeli a Gesù Cristo, alla Santa Chiesa e al Santo Padre;

fa che nei momenti difficili la Chiesa sia luce per gli uomini e li conduca alla via del vero e del bene. Continua ad intercedere per le anime del Purgatorio e fa che noi le dimentichiamo, non solo per rendere vivo il nostro suffragio, ma per avere ben presente che anche noi dobbiamo desiderare questa comunione piena con il Signore.

Guidaci sulla via del bene e rendici capaci di fare spazio a Gesù nella nostra vita, affinché ciò che ti chiediamo sia in comunione con la volontà del Padre e assieme a Te e alle anime dei fratelli che ci hanno preceduto, possiamo godere della gloria del Paradiso.

Oppure:

Glorioso San Nicola oggi ti eleggo
a mio speciale patrono:
sostieni in me la Speranza,
confermami nella Fede,
rendimi forte nella Virtù.

Aiutami nella lotta spirituale,
ottienimi da Dio tutte le Grazie
che mi sono più necessarie
ed i meriti per conseguire con te
la Gloria Eterna…

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,038FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Tre giorni prima di morire Padre Pio apparve a Mamma Natuzza...

25Tre giorni prima di Morire Padre Pio sa che deve portare un messaggio speciale ad una persona molto speciale; Mamma Natuzza. Il messaggio che Padre...