Novena a San Francesco d’Assisi – 5° giorno

Nella I regola, S.Francesco scrisse: “La regola e la vita dei frati e’ questa, cioe’ vivere in obbedienza, in castita’ e senza nulla di proprio, seguendo l’insegnamento e l’esempio del Signore nostro Gesu’ Cristo, il quale dice: «Se vuoi essere perfetto, va’, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; poi vieni e seguimi» (Mt 19,21). I frati non si approprino di niente: ne’ casa, ne’ luogo, ne’ cosa alcuna”.

Anche nell’ultima volonta’ che S.Francesco scrisse a S.Chiara si legge: “lo piccolo frate Francesco voglio seguire la vita e la poverta’dell’altissimo Signore nostro Gesu’ Cristo e della sua Santissima Madre e perseverare in tal vita sino alla fine. E prego voi, signore mie, e vi consiglio di vivere sempre in codesta santissima vita e poverta'”.
S. Francesco, per essere veramente povero, volle guadagnare con il sudore della propria fronte il necessario alla vita. Il lavoro doveva essere solo strumento per guadagnare quanto permetteva a lui ed ai suoi frati di avere abitazioni, vesti e mense povere.
La poverta’ di S.Francesco e dei suoi primi compagni rifulgeva in modo particolare nelle abitazioni. Dopo avere abbandonato la casa paterna, suo rifugio fu una grotta presso Assisi, e poi non ebbe fissa dimora sino a quando con i primi frati “si raccoglieva presso la citta’ di Assisi in un luogo che si chiama Rivotorto”.
Francesco e i suoi frati vivevano in un tugurio abbandonato, nella piu’ completa indigenza, molto spesso privi anche del pane. Quel luogo era cosi’ stretto che si poteva a mala pena stare seduti o distesi, ma tra loro non si udiva mormorazione ne’ lamento, anzi ognuno conservava la sua serenita’ con “tranquillita’ di cuore e allegrezza di spirito”.
Francesco sosteneva che “si sale prima in Cielo da un tugurio che da un palazzo”.
Ricercava sempre la santa semplicitaà e non permetteva che la strettezza del luogo trattenesse le espansioni del cuore. Scriveva percio’ il nome dei frati sui travicelli del tugurio, affinché ognuno, volendo pregare o dormire, potesse riconoscere il suo posto e l’angustia del luogo non turbasse il raccoglimento dello spirito.






Proponimento

– Sull’esempio di Francesco, ricordiamoci che Gesu’ volle scegliere per Se’ e per sua Madre la poverta’;
– Cerchiamo il distacco dalle cose della terra per essere sempre piu’ protesi verso le realta’ dei Cielo.

Pater, Ave, Gloria

S. Francesco, prega per noi.

 




Fonte www.ofsfe.altervista.org

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome