Home News Sancta Sedes Nella Messa del mattino a Santa Marta la sferzata di Papa Francesco...

Nella Messa del mattino a Santa Marta la sferzata di Papa Francesco all’Europa: ‘Cresca nella fraternità!’

Nella Messa a Santa Marta, Francesco ricorda due recenti commemorazioni: la festa dell’Europa e l’anniversario della fine della seconda guerra mondiale nel vecchio continente, pregando che l’Europa cresca unita nelle sue diversità. Nell’omelia, ha affermato che la preghiera è l’accesso al Padre: bisogna avere il coraggio di pregare e di credere nell’onnipotenza della preghiera

papafrancesco santa marta
Papa Francesco a Santa Marta

VATICAN NEWS

Francesco presiede la Messa a Casa Santa Marta nella quinta domenica di Pasqua. Nell’introduzione, ha rivolto il suo pensiero all’Europa:

In questi due giorni passati, ci sono state due commemorazioni: il 70.mo della Dichiarazione di Robert Schuman, che ha dato inizio all’Unione Europea, e anche la commemorazione della fine della guerra. Chiediamo al Signore per l’Europa, oggi, che cresca unita, in questa unità di fratellanza che fa crescere tutti i popoli nell’unità nella diversità.

Il Papa ha centrato la sua omelia sulla preghiera. Ha commentato il Vangelo odierno (Gv 14, 1-12) in cui Gesù dice ai suoi discepoli che chi crede in Lui, anch’egli compirà le opere che Lui compie e ne compirà di più grandi, perché Lui va al Padre.

Questo passo del Vangelo – ha affermato Francesco – è la dichiarazione dell’accesso al Padre. Il Padre è stato sempre presente nella vita di Gesù che ha detto che il Padre ha cura di noi. Gesù è come se aprisse le porte della onnipotenza della preghiera: questa fiducia nel Padre che è capace di fare tutto. Per pregare ci vuole coraggio, ci vuole lo stesso coraggio per predicare. Abramo sapeva “mercanteggiare” con Dio. Così faceva anche Mosè, con coraggio. Pregare è lottare con Dio. Pregare è andare con Gesù dal Padre che darà tutto.

Quindi ha commentato il passo degli Atti degli Apostoli (At 6, 1-7) in cui i Dodici, di fronte al crescere della comunità cristiana, per non tralasciare la preghiera e il servizio della Parola, scelgono sette uomini pieni di fede per il servizio delle mense. Infatti, i discepoli di lingua greca mormoravano contro quelli di lingua ebraica perché, nell’assistenza quotidiana, venivano trascurate le loro vedove. Mormorare – ha osservato il Papa – è un’abitudine nella Chiesa. Pietro “inventò” i diaconi per assistere queste persone che avevano ragione di lamentarsi. Il compito del vescovo è pregare e predicare. Il vescovo è il primo che va dal Padre con coraggio e parresìa.

È la preghiera del capo della comunità al Padre perché custodisca il popolo. E il popolo impara dal vescovo a pregare. È Dio che fa le cose della Chiesa ed è la preghiera che porta avanti la Chiesa. È triste – ha detto il Papa – vedere bravi vescovi indaffarati in tante cose, mentre la preghiera deve essere al primo posto: le altre cose non devono togliere spazio alla preghiera. La Chiesa – ha concluso Francesco – sa che senza questo accesso al Padre non può sopravvivere.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,904FansLike
18,990FollowersFollow
9,769FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

News recenti

madre speranza

Devozione all’Amore Misericordioso. Oggi, 23 settembre 2020, recita il 6° giorno...

Devozione all’Amore Misericordioso. Oggi, 23 settembre 2020, recita il 6° giorno della Novena (scritta da Madre Speranza) ...