Nel 2019 previsto il rientro in patria di 250.000 siriani

Nel 2019 250.000 rifugiati siriani potrebbero far ritorno nel loro paese, devastato da un conflitto che va avanti senza interruzioni dal 2011. Lo afferma l’alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), secondo il quale circa 37.000 sono rientrati in Siria già quest’anno. Il numero indicato «può salire o scendere in base al ritmo con cui stiamo lavorando per rimuovere ciò che ostacola il loro ritorno», ha detto Amin Awad, direttore di Unhcr per il Medio oriente e il Nord Africa.

Siria: ong, oltre 100 morti in bombardamenti oggi
Dal 2015 a oggi, in totale, circa 117.000 rifugiati sono rientrati nel loro paese.

Secondo i dati dell’alto commissariato, circa 5,6 milioni di rifugiati siriani — tra i quali un milione nato dopo la fuga dalla Siria — rimangono ancora nei paesi confinanti: Turchia, Libano, Giordania, Egitto e Iraq.
«Si tratta di rientri organizzati, totalmente volontari e in condizioni di sicurezza, naturalmente con la partecipazione dell’Unhcr» ha sottolineato Awad, che ha dichiarato di non aver constatato, negli ultimi tempi, «una accelerazione dei rientri». Questo è dovuto, prosegue il direttore regionale per il Medio oriente e il Nord Africa, ai numerosi ostacoli che i siriani devono affrontare: dall’assenza di documenti di identità e di titoli di proprietà alla grave carenza di servizi sanitari ed educativi nei luoghi di destinazione.

Rifugiati-siriani
Dal canto suo, l’ufficio Onu per il coordinamento umanitario (Ocha) ad Amman ha annunciato l’avvio di una vasta operazione logistica di invio di più di 10.000 tonnellate di aiuti umanitari verso la Siria, destinati a circa 650.000 siriani in stato di bisogno.

Le operazioni dureranno un mese e si svolgeranno attraverso il valico frontaliero di Jaber-Nassib che ha riaperto solo poche settimane fa dopo anni di chiusura.

Le Nazioni Unite affermano che circa 13 milioni di siriani, tra sfollati interni e profughi nei paesi confinanti, hanno oggi urgente bisogno di aiuto.

Osservatore Romano, 13 dicembre 2018

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni, con il cuore, senza interessi economici o politici, semplicemente perché il cuore ci chiama a farlo. E ci mettiamo passione, costanza, ed anche quel pizzico di professionalità che deve contraddistinguere i cristiani. Ecco perché siamo “missionari di parabole antiche e sempre nuove: chiamati ad esserci, ed a stare anche vicini ad ognuno di voi”.

Un numero sempre maggiore di persone legge Papaboys.org senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Soprattutto quando si parla di cristianesimo.

Purtroppo il tipo di informazione che cerchiamo di offrire richiede molto tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire tutti i giorni i costi quotidiani di Papaboys.org ed abbiamo deciso di chiedere proprio a te che leggi di essere per noi, proprio Provvidenza.

Puoi aiutarci a continuare questa missione sempre meglio e con maggiore spessore ed incisività? L’unica cosa che non possiamo garantirti è aumentare il cuore che ci mettiamo per fare questo lavoro, perché fino ad oggi ce lo abbiamo messo davvero tutto! Ma con un po’ di sostegno in più, possiamo essere davvero più incisivi, per te, e per tutti coloro che ci seguono (quasi 2.000.000 di lettori ogni mese!)

Inviaci il tuo contributo, quello che vuoi, e che puoi. E che Dio ti benedica!

Grazie
Daniele Venturi
Direttore Papaboys.org

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €10.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome